L'assistente di Google ora fa telefonate e prende appuntamenti



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-05-2018]

google duplex appuntamenti

L'intelligenza artificiale è la moda del momento - tanto che Google ha ribattezzato la propria divisione ricerche Google AI - e una interessante dimostrazione del punto a cui siamo arrivato è stata data in occasione della Google I/O Conference.

Chi utilizza una versione recente di Android avrà familiarità con l'Assistente di Google, che è in grado di rispondere a diversi comandi impartiti a voce e si attiva al suono di Ok, Google.

Alla I/O Conference Sundar Pichai, Ceo di Google, ha mostrato la prossima evoluzione dell'assistente: Google Duplex, un sistema artificiale tanto convincente da poter conversare per telefono con degli esseri umani. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Secondo te quale di questi Ŕ il progetto (realizzabile) che cambierÓ di pi¨ le nostre vite?
L'accesso a Internet in tutto il mondo, tramite dirigibili o mongolfiere
Gli smartwatch
Le lenti a contatto con sensori e microcamera
L'hoverboard
L'auto che si guida da sola, senza pilota
Calico, contro l'invecchiamento o addirittura la morte
L'ascensore spaziale
I Google Glass
L'accesso a Internet in fibra ottica
Ara, lo smartphone modulare

Mostra i risultati (1915 voti)
Leggi i commenti (15)
Durante la dimostrazione, Pichai ha fatto ascoltare agli spettatori due conversazioni telefoniche realmente avvenute: in una di esse l'assistente si occupa di telefonare a un parrucchiere per prenotare un appuntamento a nome della sua padrona.

L'intera conversazione si svolge in maniera naturale, e anche il modo di esprimersi del software è molto più "umano" di quanto si sente finora: è infatti in grado di usare anche espressioni come «mmmm-mmmh» per simulare una maggiore familiarità.

Sebbene Pichai abbia mostrato ai presenti due casi di successo, per sua stessa ammissione «Dobbiamo ancora lavorare su questa tecnologia». Altre telefonate, di cui però non è stata data dimostrazione, non sono infatti andate proprio come ci si aspettava.

L'idea è che alla fine dello sviluppo l'utente possa chiedere all'assistente di eseguire diverse compiti in suo nome, come per l'appunto telefonare a certi servizi per chiedere un appuntamento o anche informarsi sugli orari di apertura.

Quando tutto ciò avverrà, però, non è dato sapere: Google non ha indicato alcuna data di lancio.

Di seguito, il video della presentazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Veicolo autonomo di Uber investe e uccide: il software ha deciso di ignorare il pedone
Riconoscere i video manipolati con l'Intelligenza artificiale
Intelligenze artificiali per creare cartoni animati o isolare voci
L'Intelligenza Artificiale che fa disegni su ordinazione
L'IA di Microsoft che capisce quel che legge e risponde alle domande
Un'iniezione di intelligenza artificiale per Cortana e Office 365

Commenti all'articolo (1)

Francamente questo mi sembra ancora meno utile della IoT o degli assistenti vocali che gestiscono funzioni e comandi all'interno della casa, per istruire il sistema su cosa esso debba comunicare all'esterno dovr˛ comunque impiegare del tempo per trasferirgli le informazioni, a questo punto posso chiamare io e gestirmi l'appuntamento in... Leggi tutto
12-5-2018 18:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i principali ostacoli che ti frenano nell'acquisto di prodotti per una smart home?
Non ne capisco molto di prodotti per la domotica.
Semplicemente non sono interessato a comprare prodotti per la domotica.
Non vedo molti benefici dai prodotti per la domotica.
I prodotti per la domotica sono troppo costosi.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica in negozio.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica online.

Mostra i risultati (932 voti)
Dicembre 2019
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Tutti gli Arretrati


web metrics