Zuckerberg chiede scusa alla UE, che non si accontenta e lo accusa di attentare alla democrazia



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-05-2018]

zuckerberg ue

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Zuckerberg davanti all'Europarlamento, la diretta in streaming

Ha lasciato sostanzialmente insoddisfatti l'attesa audizione di Mark Zuckerberg a Bruxelles, davanti ai rappresentati di diversi gruppi politici dell'Unione Europea.

Il fondatore di Facebook s'è scusato per gli errori commessi dalla piattaforma, a partire dalla questione di Cambridge Analytica per arrivare sino all'accusa di un possibile utilizzo del social network per interferire nelle elezioni (con particolare riferimento a quelle americane del 2016).

Aiutato anche dal modo in cui la testimonianza s'è svolta - praticamente tutte le domande sono state poste all'inizio, e poi sono seguite le risposte - Zuckerberg ha cercato di evitare di rispondere alle più controverse, restando fedele alla propria scaletta.

È anche per questo che Antonio Tajani, presidente dell'europarlamento, ha poi dichiarato che le scuse ricevute non sono sufficienti: si aspetta che le rassicurazioni fornite durante l'audizione si tramutino in interventi concreti sul funzionamento di Facebook.

Sondaggio
Quali tra questi tuoi dati personali sono pubblici sui social network (chiunque può vederli e non solo i tuoi amici)?
Solo il mio nome per intero e la foto del profilo
In teoria tutto, non mi preoccupo delle impostazioni per la privacy
Nome completo, foto e post
Nome completo, foto, status, geolocalizzazioni e check-in
Non ci ho mai pensato

Mostra i risultati (895 voti)
Leggi i commenti (12)

In particolare, come ci si poteva aspettare, molte questioni hanno riguardato il nuovo regolamento europeo sulla privacy (il GDPR) che entrerà in vigore il prossimo 25 maggio e al quale Zuckerberg ha assicurato la perfetta conformità della sua creatura.

Alcuni hanno chiesto se si possa garantire che un altro scandalo come quello di Cambridge Analytica non si ripeta, o se Facebook varerà mai un modello di business in cui si permetta agli utenti di rifiutare in blocco la pubblicità (come peraltro ventilato da Zuckerberg stesso non molto tempo fa, quando parlò di una possibile versione a pagamento).

Non sono mancate le domande sulle fake news e sui fake accounts: i politici europei hanno voluto sapere come Facebook abbia intenzione di ridurre il numero delle une e degli altri.

Pur non rispondendo singolarmente a ogni domanda, Zuckerberg ha confermato che la sua azienda sta assumendo migliaia di moderatori che aiutino a contrastare il fenomeno delle notizie false, e che costoro lavoreranno di concerto con nuovi algoritmi di intelligenza artificiale sviluppati allo stesso scopo: «il nostro obiettivo è far sì che l'IA possa valutare proattivamente un numero maggiore di contenuti non appena questi vengono introdotti nel sistema» ha dichiarato, pur ammettendo che «non raggiungeremo mai la perfezione».

Un altro argomento importante toccato dalle domande è stato quello dei «profili ombra», ossia le informazioni raccolte da Facebook sulle persone che non sono iscritte al social network tramite i plugin inseriti nei siti. Zuckerberg ha inizialmente cercato di evitare la domanda, ma alla fine ha sostanzialmente ammesso la loro esistenza, sostenendo che servono per prevenire gli abusi.

In tutto ciò non c'è stato nulla di veramente nuovo, né da una parte né dall'altra: Mark Zuckerberg ha continuato a ribadire la propria posizione - dispiacere per gli errori del passato, impegno per evitarli in futuro - mentre i politici europei hanno continuato a mostrare come Facebook in fondo faccia loro paura, accusandolo di essere la vera causa delle opinioni a loro non gradite di parte dei cittadini della UE e pertanto di interferire con i processi democratici.

Ciò è diventato particolarmente evidente quando Guy Verhofstadt, del Partito dell'Alleanza dei Liberali e Democratici per l'Europa, ha cercato di terrorizzare Zuckerberg chiedendoli come voglia essere ricordato. Se «come uno dei tre giganti di Internet, con Steve Jobs e Bill Gates, i quali hanno arricchito il mondo e la società, o invece come il genio che ha creato un mostro digitale che distruggerà la democrazia e la società».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook, Mark Zuckerberg pensa a una versione a pagamento

Commenti all'articolo (5)

A me sembra solo l'ennesima farsa su temi assai importanti e che contribuiscono fortemente al forte calo di democrazia e rappresentanza indipendente nel mondo occidentale ove, a breve, con ogni probabilità, chi avrà più soldi potrà veramente decidere e fare ciò che vuole in barba a qualsiasi conquista fatta dai popoli nell'ultimo secolo.... Leggi tutto
26-5-2018 16:51

{fbj}
Certo che bisogna essere ignoranti forte per ritenere Steve Jobs e Bill Gates due "giganti di Internet" i quali hanno arricchito il mondo e la società Semmai hanno arricchito le loro tasche e privato il mondo della possibilità di usare liberamente i propri dispositivi
24-5-2018 13:50

Diremo meglio: Non rubare, non mentire, non farti i fatti altrui: lo stato non tollera concorrenza" Al di là di quella che mi piacerebbe fosse solo una battuta, è tutta una farsa. Mi piacerebbe poi capire cosa mai interessi a Zuckerberg di come lo rocorderanno i posteri, ora che si è riempito le tasche all'inverosimile. Leggi tutto
24-5-2018 08:53

{paolo del bene}
E quando ve lo diceva Paolo Del Bene? link[/url] ed [url=http://forum.zeusnews.com/link/555488]link SALUTI
24-5-2018 05:31

da tutta questa farsa non posso che schierarmi con ZUCK, solo perchè gironzolando in internet fra le tante frasi e aforismi ve ne è una che mi ha colpito e che possiamo tranquillamente adattare all'articolo trattato "non rubare, lo stato non tollera la concorrenza"
23-5-2018 16:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se fossi il passeggero in un'auto il cui conducente sta leggendo o inviando un Sms, protesteresti?
Sì, ma solo se sono in confidenza con l'autista. E comunque non mi sentirei molto tranquillo.
Sì, per la sicurezza di tutti.
No, se lo fa in un rettilineo o comunque in condizioni di sicurezza.
No, se il conducente è attento: non c'è motivo di protestare.
No, se sta solo leggendo. Sì, se sta inviando un messaggio.

Mostra i risultati (2169 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics