Facebook, un brevetto per attivare i microfoni degli smartphone a tradimento

Per spiare le preferenze degli utenti senza che se ne accorgano.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-07-2018]

facebook brevetto microfono smartphone

Quanti usano Facebook prima o poi si pongono tutti la stessa domanda: ma questo social network mi spia?

Quando i banner pubblicitari riguardano in maniera sospetta proprio ciò di cui si è appena finito di discutere online viene da chiedersi se si tratti di una semplice coincidenza o se invece ci sia qualche ragione più profonda.

«Facebook non spia nessuno» ha sempre giurato Mark Zuckerberg, anche davanti ai senatori americani, pur dovendo ammettere che la principale attività della sua creatura è vendere pubblicità e pertanto sì, un po' di profilazione degli utenti è inevitabile.

Ora però pare che quel "po' di profilazione" si prepari a diventare "una massiccia raccolta di informazioni sensibili", passando direttamente attraverso la registrazione di ciò che dicono, fanno e guardano gli utenti.

Lo scorso 14 giugno Facebook ha infatti richiesto un brevetto per una tecnologia che le consenta di attivare da remoto i microfoni degli smartphone degli utenti e iniziare a registrare su comando.

Il comando in questione è un suono ad alta frequenza, inaudibile all'orecchio umano, nascosto all'interno di «contenuti trasmessi» (come per esempio gli spot pubblicitari televisivi).

Diciamo che sulla TV appare un certo spot, all'interno del quale c'è il segnale. Noi non lo sentiamo, ma il microfono del telefonino lo capta e inizia a registrare i «rumori ambientali» - ossia tutti i suoni alla sua portata, conversazioni comprese - per poi inviare «una impronta digitale ambientale sonora» a Facebook perché il social network possa analizzarla.

Il sistema di analisi identifica quindi i contenuti che hanno attivato la registrazione (per esempio il prodotto pubblicizzato) e registra l'avvenuta "visualizzazione" (come accade per i banner online) da parte dell'utente.

Questa agghiacciante prospettiva, che fa carta straccia di tutti i discorsi sulla privacy e sulla profilazione degli utenti, è forse la spiegazione più chiara del perché Mark Zuckerberg stesso copre con un pezzo di nastro adesivo la webcam e il microfono dei proprio computer.

Sondaggio
Sei mai stato escluso da una bacheca Facebook di un amico?
No, mai.
Sì, da un mio ex partner.
Sì, da una donna o da un uomo che ho corteggiato insistentemente.
Sì, per le mie idee in politica.
Sì, per un commento relativo al calcio.
Sì, per una critica.
Sì, senza un motivo apparente.
Non uso Facebook.

Mostra i risultati (1446 voti)
Leggi i commenti (28)

Quando la richiesta di brevetto è diventata di dominio pubblico, ovviamente ci sono state pressioni perché Facebook commentasse ufficialmente la cosa e, magari, spiegasse che cosa sia loro saltato in mente.

Allen Lo, vicepresidente di Facebook, s'è assunto il compito di portavoce e ha spiegato che sì, il social network ha ideato e vuole proteggere quella tecnologia, ma sostanzialmente lo fa per il bene degli utenti.

«È pratica comune» - ha raccontato - «richiedere dei brevetti per prevenire gli attacchi da parte delle altre aziende. Per questo motivo, i brevetti tendono a riguardare tecnologie futuristiche spesso di natura ipotetica, e che potrebbero venir commercializzate da altre aziende».

Insomma, Facebook avrebbe deciso di brevettare gli spot spioni per evitare che qualcun altro lo faccia per primo, magari con intenti malvagi (tipo usarli per lo scopo per il quale sono stati creati, ossia spiare gli utenti). Nelle mani di Facebook, invece, sarebbero sicurissimi, perché tutti sanno che Facebook ha un sommo rispetto per la riservatezza dei suoi iscritti.

Infatti - ha dichiarato, rassicurante, Lo - «La tecnologia descritta in questo brevetto non è stata integrata in alcuno dei nostri prodotti, né lo sarà mai». E come si fa a non credere a Facebook?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
A Facebook il premio speciale "Minaccia da una vita"
Zuckerberg chiede scusa alla UE, che non si accontenta e lo accusa di attentare alla democrazia
Mark Zuckerberg disse che non avrebbe venduto i dati degli utenti: "Certo che no!"
Facebook lancia il Portale degli adolescenti per diffondere l'importanza della privacy in Rete
Facebook respinge le accuse: ''No, non è l'utente il nostro prodotto''
Zuckerberg al Congresso: sì, raccogliamo dati anche su chi non è iscritto a Facebook
Zuckerberg ammette: ''Leggiamo tutti i messaggi privati postati su Facebook''
Facebook: ''La crescita è tutto, anche a costo di uccidere''
Tim Cook tira le orecchie a Facebook: alla Apple non trattiamo i clienti come prodotti

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Ma questo fenomeno, ci crede pure quando le racconta, o lo fa solo perché è profumatamente pagato per farlo? Leggi tutto
2-7-2018 19:21

Direi che la risposta, a giudicare dal numero di utenti di fessbuk, sia decisamente "Nessuno o quasi...". Leggi tutto
2-7-2018 19:19

{ckuz}
Facebook, partito con lo psicopatico zuck, è ora diretto da altri psicopatici, molto pieni di soldi = molto potenti. Zuck, con la sua smania da imperatore, deve aver proprio rotto le scatole profondamente sia nel consiglio di amministrazione, sia fuori dall'azienda, vista la gogna mediatica a cui i giornalari dei principali... Leggi tutto
30-6-2018 16:11

Tutto si può permettere, con gli iscritti che non se ne preoccupano, se ne fregano, pur di usarlo. Poi eventuali multe, saranno messe in conto. Leggi tutto
29-6-2018 22:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una ricerca dell'Università di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
È corretto. Farò meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (930 voti)
Settembre 2018
Ex CEO di Google: tra dieci anni ci saranno due Internet
Il fallimento di Windows Store: un documento interno ne rivela la portata
Corruzione in Amazon: dipendenti pagati per cancellare le recensioni negative
Copyright, il sito di sottotitoli ITASA costretto a gettare la spugna
Windows 10 deciderà in autonomia quali file tenere e quali cancellare
L'Europarlamento approva la riforma del diritto d'autore, il web teme la censura
Falla 0-day in Windows, i cybercriminali hanno iniziato gli attacchi
Volete tenere Windows 7? Il prezzo continuerà a crescere
Tor Browser 8.0, più facile da usare e più abile nell'aggirare la censura
Salvati dallo smartwatch: il monitoraggio della salute ha già salvato la vita a due uomini
iPhone XS e Apple Watch Serie 4, le prime foto trapelate in rete
Falla 0-day in Windows, ecco la correzione. Ma non proviene da Microsoft
Agosto 2018
Falla 0-day in Windows 10 consente di ottenere il controllo sul Pc
Tagliato fuori da Galileo, il Regno Unito si costruirà un proprio GPS
Black Hat 2018, svelata vulnerabilità imbarazzante
Tutti gli Arretrati


web metrics