Salvati dallo smartwatch: il monitoraggio della salute ha già salvato la vita a due uomini



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-09-2018]

smartwatch salvavita

Gli smartwatch possono apparire soltanto come una moda, ma almeno due persone sono grate di aver avuto al polso un Apple Watch e non un normale orologio.

Il caso più recente è quello di Adam Love, un ventiquattrenne australiano che stava tranquillamente dormendo con l'Apple Watch al polso quando è stato svegliato da un allarme: era l'orologio intelligente che lo avvisava di un aumento pericoloso dei suoi battiti cardiaci.

Era infatti arrivato a 140 battiti al minuto, quando in condizioni normali tale valore si aggira intorno ai 60 battiti al minuto.

Adam ha deciso così da recarsi in ospedale per una visita, dove gli hanno scoperto una malformazione cardiaca congenita presente in lui dalla nascita ma che fino a quel momento non era stata notata: in pratica, aveva un "buco" nel cuore che gli causava quegli scompensi.

Ulteriori esami hanno permesso di identificare la presenza di un problema circolatorio aggiuntivo e di prendere la decisione di intervenire chirurgicamente per risolvere definitivamente la situazione.

Uscito dalla sala operatoria, Adam ha dichiarato ai giornalisti presenti per raccontare la sua curiosa storia di essere contento di aver deciso di dormire con indosso l'Apple Watch, un'abitudine che può avergli salvato la vita.

«Non credo che ora potrei vivere senza. Mi piace per la comodità che mi offre, ma anche perché ha rilevato un fatto medico di cui non avevo alcuna idea, e perché forse mi ha salvato la vita» ha commentato l'uomo, durante la convalescenza.

Sondaggio
Come ti comporti quando ricevi una "bufala" via email?
A costo di cancellare anche avvisi potenzialmente veri, straccio tutto appena arriva.
Li leggo e inoltro solo quelli che ritengo potenzialmente veri, ma all'atto pratico non me ne curo.
Inoltro quelli veri e ne seguo le indicazioni.
Ma quali bufale? Ho appena vinto 1.000.000 di euro rispondendo a una email.
Io stesso ho messo in circolazione qualche bufala.

Mostra i risultati (3077 voti)
Leggi i commenti (23)

Quello di Adam Love non è però l'unico caso di un intervento salvavita da parte dello smartwatch.

Alcuni mesi fa un sessantaduenne canadese, Dennis Anselmos, si trovava al lavoro quando ha iniziato a sentirsi poco bene. Credendo di avere soltanto un po' d'influenza e non volendo disturbare i colleghi, stava progettando di tornarsene a casa. Quando però ha consultato l'orologio (anche in questo caso un Apple Watch), ha scoperto di avere una pressione sanguigna molto alta e battiti molto accelerati (210 battiti al minuto).

Ha così chiamato il numero di emergenza; i paramedici hanno identificato i segni di un attacco cardiaco in corso, ma il rapido intervento ha permesso a Dennis Anselmos di sopravvivere a quella che sarebbe potuta essere una situazione fatale.

I dottori gli hanno poi spiegato che «se fossi andato a casa e mi fossi messo a dormire - come fanno in molti - probabilmente avrei avuto un altro attacco, magari nel cuore della notte. Ed è il secondo attacco, per lo più, che uccide».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il cuore cresciuto da cellule della pelle
Muore all'Internet Café e non se ne accorge nessuno
I nanofili d'oro che riparano il cuore
Troppo Facebook fa venire il cancro
Hai un infarto? Tossisci che ti passa!

Commenti all'articolo (3)

{utente anonimo}
ma non esiste uno smartwatch apple che misura la pressione...magari pagherei anche tanto per averlo
3-2-2019 15:26

{botorno}
Comperiamo tutti l'apple Watch! Salviamoci la vita! Decine di migliaia di anni senza Apple Watch, ma come abbiamo fatto?! E' semplice: basta ascolatre il proprio corpo per sapere cosa sta o non sta funzionando, molto ma molto prima di qualsiasi Apple Watch, perché quando si arriva a una fase critica è... Leggi tutto
5-9-2018 17:48

Sarei curioso di sapere qual'è il modello di Apple Watch che misura la pressione sanguigna. Mi risulta che la FDA deve ancora verificare il brevetto di Apple. :evil:
5-9-2018 16:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2400 voti)
Luglio 2019
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
Galileo fuori uso da quattro giorni, forse è colpa di un guasto in Italia
Lo pneumatico senz'aria di Michelin e GM
Track This inganna gli algoritmi pubblicitari (aprendo 100 schede!)
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Giugno 2019
Quattordicenne crea malware che rende inutilizzabili i dispositivi IoT
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
EmuParadise violato, rubati i dati di 1,1 milioni di utenti
Google cambia la ricerca: i siti non appariranno più di due volte
Tutti gli Arretrati


web metrics