Virtual Desktop: Windows 10 diventa virtuale e si sposta nel cloud

Per le aziende è quasi un ritorno all'epoca dei mainframe.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-09-2018]

microsoft windows virtual desktop azure

Da oggi il Pc aziendale diventa un po' meno Personal: Microsoft ha presentato Windows Virtual Desktop, un sistema che sostituisce i Pc dei singoli utenti con l'utilizzo da remoto di istanze virtuale di Windows e Office grazie alle risorse del cloud computing.

In pratica, anziché dotare ogni utente di una propria macchina e attrezzarla con gli strumenti per consentirgli di collaborare con i colleghi, Microsoft offre una soluzione virtualizzata tramite Windows Azure: ognuno accede da remoto a un'unica macchina Windows 10 virtuale e multiutente già completa di tutti gli strumenti - a partire da Office 365 - per la produttività condivisa.

Virtual Desktop consente di usare il Windows Store per scaricare le applicazioni, è compatibile con Office 365 Plus ed è naturalmente dedicato ai clienti delle versioni Enterprise di Windows: i primi a poterlo provare in anteprima, entro la fine dell'anno, saranno quelli già titolari di una sottoscrizione a Microsoft 365 o a Windows, i quali potranno accedere compilato un modulo online.

Per certi versi, Windows Virtual Desktop è una specie di ritorno al passato: agli albori dell'informatica, prima dell'avvento dei Personal Computer, c'erano i terminali dai quali gli utenti accedevano a un mainframe da cui traevano le risorse per lavorare.

Poi i computer sono diventati "personali": ogni macchina ha iniziato a disporre di tutto ciò c'era necessario al proprio utente.

Sondaggio
Con quale delle seguenti affermazioni concordi maggiormente?
Il cloud computing può migliorare il contributo della funzione IT alla strategia aziendale.
Il cloud computing può aumentare la capacità di innovazione dei dipartimenti IT.
La mia azienda ha già implementato servizi cloud o progetta di farlo.
I servizi cloud sarà una componente importante per il successo della mia azienda nei prossimi 12 mesi.
Il cloud computing consente una riduzione dei costi di manutenzione dell'IT.
Il cloud computing consente una diminuzione dei costi IT e di gestione e miglioramento nell'efficienza dei processi.
Il cloud computing offre maggiori vantaggi per il business rispetto all'outsourcing tradizionale.

Mostra i risultati (657 voti)
Leggi i commenti (50)

Ora, almeno in ambito aziendale, sembra che si stia tornando verso il paradigma di tanti anni fa: Microsoft stessa sottolinea - come se si trattasse di un'inedita novità - che grazie a Windows Virtual Desktop «l'utente non deve più ospitare, installare e configurare tutti questi componenti da sé» perché le risorse sono gestite ed allocate da Windows Azure, cosa che rende più semplice una loro eventuale espansione al crescere delle necessità.

In realtà, rispetto all'epoca dei mainframe qualche differenza c'è: con Windows Virtual Desktop gli utenti non devono necessariamente accedere tutti allo stesso sistema, ma è possibile creare diverse macchine virtuali con Windows 10 (e anche con Windows 7, dato che il sistema supporta anche questa versione) da usare per lavorare in collaborazione con il proprio team.

A parte l'annuncio di collaborazione con aziende quali Citrix, CloudJumper, FSLogix, Lakeside Software, Liquidware, People Tech Group e ThinPrint - al lavoro su un nuovo ecosistema di soluzioni dedicate agli ambienti virtuali - Microsoft non s'è sbottonata ulteriormente sui dettagli.

È certo però che ne sapremo di più nei diversi mesi, quando il gigante di Redmond renderà più chiara la propria strategia per il superamento del "vecchio" Pc in ambito aziendale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Si attacca... tanto a loro che frega??? :wink:
9-10-2018 18:57

E chi lavora con il portatile in giro per il mondo dove non sempre è disponibile una connessione, o quando c'è è veloce come una lumaca stanca, come fa?
9-10-2018 14:02

Devo dare ragione a @Zio_LoneWolf: è già così! Basti pensare a chi usa la suite office di Google o Office 365 o altre soluzioni, tutti spingono, in modo più o meno subdolo, privati ed aziende a immagazzinare tutti i propri dati, compresi anche quelli più importanti e sensibili, sul cloud con varie motivazioni anche apparentemente molto... Leggi tutto
28-9-2018 18:01

Temo che faresti meglio a ripensarci. E' già così. Perché questo "Windows virtuale" è solo parte di una strategia che comprende prodotti di Office (365), groupware (Exchange et al...), comunicazione (SkyPE et al...), storage (OneDrive) e servizi cloud (Azure) che le aziende, anche se non (ancora) italiane, sono ben felici di... Leggi tutto
27-9-2018 11:30

Dovresti sapere che M$ è specializzata nell'inventare l'acqua calda, cambiandone il nome e qualche caratteristica (possibilmente qualcosa che la renda fuori standard) per poi spacciarla come l'ultima novità (così abbiamo acqua tiepida e acqua calda salata). Quando lavoravo su sistemi 'midi' si utilizzavano tanti terminali a carattere... Leggi tutto
27-9-2018 11:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2423 voti)
Dicembre 2023
Windows 10, Microsoft vara il supporto esteso oltre il 2025
YouTube Playables è realtà
Novembre 2023
Google Drive, scomparsi i file degli ultimi sei mesi
Dopo videochat con una bella ragazza, ora mi ricatta con le mie immagini intime
Windows, problemi con le licenze dopo la fine degli upgrade gratuiti
Office 2024 esiste, e non richiede un abbonamento
Google, meno di un mese alla "grande pulizia" degli account
La voce di John Lennon è da considerare autentica o sintetica?
Ottobre 2023
Windows 10, una petizione per allungare il supporto
Addio password, benvenuta passkey?
Nokia licenzierà 14.000 persone
Amazon, dal 2024 consegne coi droni anche in Italia
Microsoft Edge curiosa nei dati degli altri browser a ogni avvio
Canonical ritira Ubuntu 23.10 per “discorsi d'odio”
Windows 11, basta un comando per aggirare i controlli sull'hardware
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 8 dicembre


web metrics