Wi-Fi 6: la nomenclatura diventa più semplice e le reti più veloci

Era noto finora come Wi-Fi 802.11ax.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-10-2018]

wifi6

Si fa presto a dire Wi-Fi, ma nel corso degli anni diverse evoluzioni dello stesso standard per la connessione senza fili si sono succedute, offrendo ogni volta prestazioni migliori rispetto alla generazione precedente.

Per chi si interessa di informatica, distinguere tra le varie proposte è facile, ma per l'utente comune ricordare che il Wi-Fi 802.11b è più vecchio del Wi-Fi 802.11ac, e che quest'ultimo offre velocità superiori, non è pratico.

Così, in vista del lancio nel 2019 di una nuova versione dello standard, la Wi-Fi Alliance ha deciso di utilizzare un nuovo nome: internamente si chiamerà 802.11ax, ma per il grande pubblico sarà Wi-Fi 6.

Il numero non è stato scelto a caso, ma deriva dalla progressione indicata dalla stessa Wi-Fi Alliance: nel 1999 hanno debuttato il Wi-Fi 802.11b e 802.11a; poi nel 2003 è arrivato il Wi-Fi 802.11g; quindi nel 2009 è toccato al Wi-Fi 802.11n e nel 2014 al Wi-Fi 802.11ac. Il Wi-Fi 802.11ax è quindi la sesta versione.

Rispetto alla generazione immediatamente precedente, Wi-Fi 6 promette di offrire un data rate superiore del 37%; inoltre supporta otto flussi nella banda dei 5 GHz e quattro in quella dei 2,4 GHz.

Sondaggio
In Parlamento una proposta di legge vorrebbe obbligare i nuovi esercizi pubblici (ristoranti, negozi e via dicendo) a mettere a disposizione gratis degli utenti la possibilità di navigare col Wi-Fi in Internet. Secondo te...
È una novità giusta e moderna.
È un obbligo (costoso) in più, da evitare.
Ottimo, ma si dovrebbero prevedere degli sconti fiscali per l'esercente.
La connessione sarà lenta, e poi con gli smartphone il Wi-Fi chi lo usa oggi?
Non mi interessa.
Non saprei.

Mostra i risultati (2266 voti)
Leggi i commenti (24)

La revisione della nomenclatura è peraltro retroattiva: d'ora in avanti tutti dovranno riferirsi al Wi-Fi 802.11b come Wi-Fi 1 e via di seguito. La Wi-Fi Alliance ha infatti imposto a tutti coloro che vorranno ottenere l'approvazione dell'associazione di seguire queste linee guida.

Le indicazioni della versione Wi-Fi andranno oltre l'hardware: d'ora in avanti smartphone e portatili, indicando le reti Wi-Fi a disposizione, mostreranno anche i nuovi loghi (elaborati solo per dal Wi-Fi 4 in poi, dato che gli altri sono considerati orma in disuso, e che riportiamo qui sotto) che rendono immediatamente riconoscibile la generazione dello standard supportata.

loghi wifi

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Da AVG il router Wi-Fi che supporta TOR e VPN, ma col trucco
Il Wi-Fi sarà più veloce, parola di Qualcomm
Wi-Fi a 10 Gbps con Huawei
Il primo router 802.11ac di Asus
Il Wi-Fi arriverà a 1 Gbit/s
Wireless veloce con lo standard "n"
Wi-Fi: una lettura prospettica

Commenti all'articolo (3)

Come si dice nell'articolo l'intento è quello di rendere disponibile ad un pubblico di utilizzatori non specializzati un metodo per distinguere rapidamente la differenza di banda e la vetustà di un dispositivo rispetto ad un altro senza alcuna velleità di essere esaustivi. In questo è almeno un tentativo apprezzabile... :wink: Leggi tutto
8-10-2018 19:08

Per esempio avevo un PC che non supportava l'ultimo standard e quinid all'iunuversità avevo a disposizione per fortuna la rete più vecchia. Ora con questo nuovo standard la domanda è: ho un pc eccellente (un macbook di 2 anni fa con 16 Gb ram che me ne deve durare almeno altri 6 e ce la farò sicuramente se non intervengono problemi), se... Leggi tutto
7-10-2018 10:13

{micro tesla}
Malgrado i numeri siano progressivi, non dicono niente a proposito della larghezza di banda a cui si riferiscono, neanche nella loro versione "tecnica", perciò la nomenclatura data dalla nomenklatura wi-fi, non è mai stata scientificamente precisa, né ha mai assolto al suo ruolo di sintetizzazione dei... Leggi tutto
5-10-2018 21:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A inizio millennio per lavorare nella new economy bisognava trasferirsi nelle grandi città, soprattutto Milano. Oggi la banda larga si è diffusa, ci sono nuove piattaforme di collaborazione ed è cambiato l'approccio al lavoro. Alla luce di questo...
Abito in una grande città e qui rimarrò.
Abito in una grande città ma sto valutando di trasferirmi in provincia.
Abito in provincia e non mi sposterò di certo.
Abito in provincia ma sto valutando di trasferirmi in una grande città.
Abitavo in una grande città ma mi sono trasferito in provincia.
Abitavo in provincia ma mi sono trasferito in una grande città.
Città o provincia non fa grande differenza, ma mi sono trasferito (o sto valutando di trasferirmi) all'estero.

Mostra i risultati (1361 voti)
Ottobre 2018
Ladri rubano una Tesla Model S armati soltanto di tablet e smartphone
Giovanissimi in fuga da Facebook
Il font che ti aiuta a ricordare quello che leggi
Finisce l'obbligo di installare Chrome su Android: Google piegata dalla multa UE
I robot giganti di Elon Musk
Violare WhatsApp? Basta una videochiamata
Microsoft: ecco perché l'Update di Windows 10 cancellava i file degli utenti
Microsoft getta la spugna e ritira l'aggiornamento di ottobre per Windows 10
Windows 10, attenti all'aggiornamento: potrebbe cancellare i documenti
Windows 10, arriva l'update di ottobre: ecco come aggiornare subito
WhatsApp, arriva la pubblicità
Migliaia di siti mobile accedono ai sensori dello smartphone senza informare l'utente
Settembre 2018
Demonoid offline da giorni, il proprietario è irreperibile
Virtual Desktop: Windows 10 diventa virtuale e si sposta nel cloud
Il bug in Firefox che manda in crash il browser (e spesso anche il sistema operativo)
Tutti gli Arretrati


web metrics