Facebook multata per 500.000 sterline. In 17 minuti le avrà già riguadagnate



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-10-2018]

facebook multa 17 minuti

Alla fine lo scandalo Cambridge Analytica, che ha coinvolto Facebook nei primi mesi di quest'anno, ha portato qualche conseguenza concreta per il social network americano.

Il Garante britannico per la privacy gli ha infatti inflitto una sostanziosa multa, pari a 500.000 sterline (corca 560.000 euro), in quanto Facebook ha fallito nel proteggere i dati dei propri utenti dall'uso improprio fatto da Cambridge Analytica.

Certo, la multa sarebbe davvero sostanziosa per un cittadino comune, o per una piccola impresa: nel caso di Facebook - come testimoniano i conti compiuti da The Register - si tratta di appena un contrattempo, o anche meno.

Facebook impiega infatti appena 17 minuti per incassare le 500.000 sterline necessarie a pagare la multa: se lo scopo della sanzione era punire per la mancanza, non si può proprio ritenere che raggiunga l'obiettivo.

Il guaio è che si tratta del massimo che l'Information Commissioner's Office, l'istituzione che ha inflitto la sanzione, potesse fare, poiché ha agito ancor secondo la legge sulla protezione dei dati personali del 1998.

Sondaggio
Qual è tra questi il motivo più importante per connetterti e utilizzare una rete Wi-Fi pubblica?
Per poter usare Google Maps o altri servizi di Gps.
Nel caso in cui qualcuno debba mettersi in contatto urgentemente con me.
Per non consumare il mio piano dati.
Per poter utilizzare un social network come Facebook, Instagram, Snapchat o altri.
Per rimanere in contatto con i miei contatti di lavoro (il capo, i clienti, i colleghi ecc.).
Per utilizzare i servizi di streaming come Netflix, Google Music e simili.
Per consultare il mio conto corrente online / carte di credito / informazioni finanziarie.
Per rimanere in contatto con i miei figli / parenti.
Per usare o aggiornare le mie app di dating online.

Mostra i risultati (1013 voti)
Leggi i commenti (2)

Se la faccenda fosse stata appena più recente, allora sarebbe stata gestita in base alla nuova legge, varata a maggio e legata alla Direttiva Europea sulla protezione dei dati (GDPR), che prevede una multa massima di 17 milioni di sterline (19 milioni di euro) o il 4% del fatturato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Scandalo Cambridge Analytica, Facebook si rifiuta di pagare la multa
UE, multe ai partiti che violano la privacy dei cittadini
Zuckerberg chiede scusa alla UE, che non si accontenta e lo accusa di attentare alla democrazia
Sì, Cambridge Analytica ha chiuso. Ma è già rinata
Facebook respinge le accuse: ''No, non è l'utente il nostro prodotto''
Zuckerberg ammette: ''Leggiamo tutti i messaggi privati postati su Facebook''
Facebook: ''La crescita è tutto, anche a costo di uccidere''
Tim Cook tira le orecchie a Facebook: alla Apple non trattiamo i clienti come prodotti
Dopo lo scandalo tutti vogliono cancellarsi da Facebook. Vi spieghiamo come si fa

Commenti all'articolo (2)

Io ci vedo solo il secondo punto citato nel post i @imnot nella sanzione irrogata e, come quelle del garante italiano a Samsung e Apple risultano essere più delle prese per i fondelli per i danneggiati che delle sanzioni educanti per chi ha commesso i reati.
31-10-2018 17:27

{imnot}
Potenti che fanno finta di punire altri potenti. Il vero messaggio è politico, e significa tre cose: - voglio limitare il tuo potere per tutelare il mio - devo far vedere al popolino che faccio qualcosa e giustificare la mia esistenza - Voglio mandare un messaggio pubblico per rafforzare i primi due punti, anche verso gli altri... Leggi tutto
29-10-2018 14:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è lo strumento di informazione di cui ti avvali di più?
I media tradizioniali (Tv, radio, stampa, ecc.)
Internet, soprattutto i siti autorevoli (Repubblica, Corriere, ecc.)
Internet, soprattutto i siti indipendenti o di controinformazione
Internet, soprattutto i social network (Twitter, Facebook, ecc.)
Non mi fido di nessun media e credo solo a quello che vedo

Mostra i risultati (2954 voti)
Aprile 2019
Android, ecco la schermata imposta dalla UE per scegliere browser e motore di ricerca
Galaxy Fold, lo schermo pieghevole si rompe quasi subito
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Windows, gli aggiornamenti di aprile bloccano i PC con Avast e Sophos
Arrestato Assange, il commento di Paolo Attivissimo
Assange arrestato: ecco cosa rischia
Windows XP, anche l'ultima versione supportata getta la spugna
Nessuno usa la rimozione sicura USB: cambia la policy di Windows
La VPN per chi non sa che cosa sia una VPN
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Anche Nokia ha il suo smartphone col buco
Asus, utenti attaccati tramite aggiornamenti di sistema
Marzo 2019
L'estensione che ripristina i risultati censurati da Google
UE, approvata la riforma del diritto d'autore, compresi gli articoli 11 e 13
Tutti gli Arretrati


web metrics