Hacker viola 50.000 stampanti per invitare tutti su un canale Youtube

L'attacco più strano della storia, ma anche il più innocuo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-12-2018]

stampante

La possibilità di collegare la stampante alla rete locale (Wi-Fi o cablata) è così diffusa che ormai si trova anche sui modelli a minor costo.

Si tratta di una comodità che però ha un prezzo: se il firmware non è aggiornato, e la vecchia versione contiene una vulnerabilità, c'è la seria possibilità che questa possa venir sfruttata da remoto.

Ciò è esattamente quanto hanno scoperto - inizialmente più con perplessità che orrore, a dire il vero - i padroni di circa 50.000 stampanti in Stati Uniti, Canada e Regno Unito.

Trovando i suoi bersagli tramite Shodan, una sorta di motore di ricerca per i dispositivi vulnerabili connessi in Rete, l'hacker TheHackerGiraffe ha usato lo strumento noto come PRET (Printer Exploitation Toolkit) per creare uno script che ha costretto tutte quelle stampanti a stampare la medesima cosa.

Di che si trattava? Di un invito a iscriversi al canale YouTube di PewDiePie, discusso YouTuber che gode di una grande popolarità. Di qui, la perplessità dei possessori delle stampanti, che di punto in bianco hanno visto uscire dai loro apparecchi il testo che riportiamo in fondo all'articolo.

«Innanzitutto sono un grandissimo fan di Pewds» - ha poi spiegato l'hacker - «ma allo stesso tempo volevo un messaggio leggero, che in qualche modo mi umanizzasse anziché stampare uno spaventoso "SEI STATO HACKERATO". E poi ho pensato che ciò avrebbe aiutato un po' PewDiePie nella sua lotta per restare il numero uno».

Al di là della piega divertente che la vicenda ha preso, al fondo di tutto c'è un problema serio: ci sono migliaia di stampanti collegate in Rete che si possono violare da remoto.

Sondaggio
Hai una stampante?
Sì, laser.
Sì, a getto d'inchiostro.
Avevo una stampante ma ora non ne ho più bisogno.
Mai avuto una stampante.

Mostra i risultati (2872 voti)
Leggi i commenti (7)

Anzi, sono centinaia di migliaia. TheHackerGiraffe ha infatti affermato che, pur essendosi limitato a "invadere" 50.000 stampanti, la sua ricerca su Shodan gli ha mostrato che quelle fin troppo disponibili erano ben 800.000.

In Italia, a quanto ne sappiamo, nessuna stampante ha ancora espresso le proprie simpatie per qualche YouTuber in particolare. Ma, in ogni caso, è meglio controllare che il firmware sia aggiornato.

stampanti hackerate pewdiepie

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
La rivolta delle stampanti a sostegno di PewDiePie

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Il solito problema di milioni di dispositivi connessi i cui progettisti e fabbricanti hanno pensato bene di non investire poi troppo sulla sicurezza degli stessi... o di non preoccuparsene affatto. :roll:
8-12-2018 14:29

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (412 voti)
Febbraio 2023
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 4 febbraio


web metrics