Microsoft ammette che gli utenti sono beta tester

O almeno quelli più attivi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-12-2018]

Windows update b c d

Gli aggiornamenti rilasciati per Windows nell'ultimo periodo non sono stati un'esperienza piacevole: i malfunzionamenti introdotti hanno spesso spinto gli utenti a pensare che Microsoft li ritenga non dei clienti, ma dei beta tester.

Ora Microsoft ha praticamente confermato che è esattamente ciò che pensa degli utenti, o almeno di quelli più intraprendenti.

Sul blog ufficiale di Windows Michael Fortin, uno dei vicepresidenti dell'azienda, ha spiegato il modo in cui vengono classificati gli aggiornamenti per il sistema operativo.

Esistono tre categorie fondamentali di aggiornamenti: B, C e D.

Gli aggiornamenti B sono quelli che vengono pubblicati nella seconda settimana del mese, in occasione del Patch Tuesday: riguardano la sicurezza, hanno la massima importanza e Windows si occupa automaticamente di installarli, senza che l'utente debba intervenire.

Poi ci sono gli aggiornamenti C (rilasciati nella terza settimana) e D (rilasciati nella quarta): questi contengono correzioni non legate alla sicurezza e, sebbene garantisca che si tratta di «rilasci opzionali pronti per ambienti di produzione», Fortin spiega anche che il loro scopo è «permettere il test degli aggiornamenti non relativi di sicurezza che saranno inclusi nell'Update Tuesday successivo».

Non solo: «I rilasci "D" si sono dimostrati popolari presso coloro che "cercano" di testare le caratteristiche non legate alla sicurezza dei successivi rilasci "B"» spiega Fortin.

Sondaggio
Ci sono degli aggiornamenti del sistema operativo da scaricare e installare. Cosa fai?
Non installo nulla perché incide sulla velocità di Internet e sulle prestazioni del computer
Accetto l'installazione. Possono essere aggiornamenti importanti
Forse installerò gli aggiornamenti più tardi
Non vedo notifiche provenienti dal sistema operativo

Mostra i risultati (2787 voti)
Leggi i commenti (6)

Gli update C e D non si installano in automatico: vengono proposti soltanto a quelli che aprono il menu Aggiornamenti di Windows e premono il pulsante Cerca aggiornamenti. Microsoft chiama questi utenti seeker, cercatori, perché vanno attivamente in cerca degli aggiornamenti e, a quanto pare, di guai.

Con questo post il gigante di Redmond ha infatti ammesso che i cercatori fungono da beta tester per tutti gli altri: loro ottengono per primi gli aggiornamenti D, permettendo così a Microsoft di verificare se qualcosa non funziona e di sistemare l'eventuale problema prima del successivo Patch Tuesday, quando è possibile che alcuni di quei "D" diventino "B".

Se si tiene conto che gli aggiornamenti C e D non vengono testati durante il normale ciclo del programma Windows Insider, ma sono distribuiti direttamente ai Pc degli utenti, si capisce il potenziale pericolo, anche perché non si tratta soltanto di una situazione ipotetica: è già capitato che dei Surface finissero per bloccarsi mostrando una schermata blu a proprio causa di questi update «opzionali».

Il post prosegue illustrando gli altri tipi di aggiornamenti (quelli semestrali, quelli di emergenza e via di seguito) ma il punto importante è quello appena illustrato: se siete dei seeker, ricordate che potreste installare aggiornamenti instabili.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Windows 10 May 2019 Update, la decisione spetterà agli utenti
Microsoft si scusa per l'aggiornamento sperimentale di Windows rilasciato per sbaglio
Windows 10, nuova patch per rimettere sui binari l'October Update
L'October Update interferisce con Windows Media Player
October Update, guai con i chip video Intel
Windows 10, l'October Update impedisce di installare iCloud
Windows 10, l'October Update appena tornato è già pieno di problemi
Windows 10, aggiornamento problematico: non ricorda le associazioni dei file
L’aggiornamento di Windows 10 che manda in crash i computer HP (e non solo)
Windows 10, Microsoft blocca l'aggiornamento sui Pc con Cpu Intel recente
Windows 10, attenti all'aggiornamento: potrebbe cancellare i documenti
Microsoft: "È l'intelligenza artificiale a gestire gli aggiornamenti di Windows 10"
Windows 10, il 50% degli utenti ha dovuto pagare un tecnico per i problemi dell'aggiornamento
April Update di Windows 10, già i primi problemi: Chrome si blocca dopo l'aggiornamento
Microsoft, aggiornamenti di sicurezza importanti risolvono attacco già in corso

Commenti all'articolo (3)

La domanda che mi sorge spontanea è chi o cosa glielo fa fare, almeno M$ gli desse dei soldi o delle utilità per farlo, nemmeno quello, quindi cui prodest se non a M$? :roll: Leggi tutto
21-12-2018 16:44

{paraclito}
E' un po' come chiedere al ladro di fare una dichiarazione di colpevolezza. Che ci frega se microsoft riconosce o meno, in tutto o in parte, quello che è evidente a tutti gli utenti non betatester? Come se le chiacchiere potessero negare i fatti. E purtroppo è proprio così.
18-12-2018 16:52

{ice}
quindi alla fine il discorso del RING per chi era piu interessato agli update e chi alla stabilità è una presa in giro?
18-12-2018 15:08

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il Garante Privacy ha istituito - ormai da anni - un servizio che in teoria dovrebbe tutelare la privacy dei cittadini iscritti, vietando ai call center di chiamare i loro numeri telefonici. Secondo la tua esperienza, il Registro delle Opposizioni funziona?
Sì. Sono iscritto e non mi scocciano praticamente mai.
Non lo so. Non sono iscritto.
No. Sono iscritto e continuo a ricevere telefonate con proposte commerciali.

Mostra i risultati (2817 voti)
Agosto 2020
Windows 10, bloccare la telemetria è una minaccia
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics