Cassandra Crossing/ ''Tutti noi zombie'' reloaded

Una rivisitazione casuale della scena hacker italiana.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-04-2019]

predestination feature

Cassandra è particolarmente affezionata ad alcuni suoi articoli; il suo preferito (gusti personali) è il breve ma complesso Tutti noi zombie che per l'appunto festeggia, si fa per dire, il suo decennale.

Parla di un racconto poco noto di Robert Heinlein, dal titolo quasi identico Tutti voi zombie, difficile da trovare anche in libreria o sulle bancarelle (è disponibile in ebook), ma di cui è disponibile una traduzione in italiano.

E' un capolavoro! Si tratta del miglior racconto sui viaggi nel tempo mai scritto, e probabilmente anche della cosa migliore scritta da Heinlein, cha al tema era assai affezionato.

Ma l'articolo di Cassandra in realtà descrive la scena hacker italiana; lo fa in modo piuttosto iniziatico ma comprensibile, fornendo tutti gli strumenti necessari alla decodifica.

NOTA: la lettura dell'articolo del 2008 e del racconto, in quest'ordine, sono indispensabili per seguire il ragionamento (si fa per dire) di Cassandra. La lettura dell'articolo della e-zine italiana Phrack, quando suggerita, anche. Altrimenti vi perderete molto. Prendetevi un po' di tempo e leggeteli, adesso! Lettore avvisato...

Orbene, riparlare della scena hacker è da tempo tra i to do di Cassandra; un abbozzo lo trovate nel video Le ragioni dell'hacker della videorubrichetta Quattro chiacchiere con Cassandra ma il progetto colà illustrato non si è tuttavia mai realizzato.

Ieri Cassandra, impegnata in uno dei suoi sempre più rari tentativi di rendere il mondo un po' migliore, si trovava in una bellissima capitale (ancora per poco) europea, e in hotel, dopo cena, stava cercando qualcosa alla TV per addormentarsi.

Sul prediletto Horror Channel davano un "classico" visto troppe volte, quindi la ricerca di un'alternativa conduceva ad un film già iniziato, dal non proprio invitante titolo di Predestinazione, ma che almeno prometteva una storia di viaggi nel tempo, ed era abbastanza recente, del 2015.

La visione, o meglio l'ascolto, fatto leggiucchiando e scribacchiando al computer, andava avanti a sprazzi; bella l'idea della macchina del tempo portatile mimetizzata in una custodia di violino a combinazione, che si comanda e manda messaggi usando le ruzzoline in ottone. Attori decenti, effetti speciali poveri ma di classe, come piace a Cassandra.

Ma improvvisamente una frase... "Proprio io. Adesso sai chi era quel tipo... E se ci ripensi, arriverai anche a capire chi sei tu... E se ti vuoi proprio sforzare, può anche darsi che tu riesca a immaginarti chi era la bambina... e chi sono io..."

Sondaggio
Ha ragione Stallman quando dice che Android non è libero?
No
Non lo so

Mostra i risultati (2832 voti)
Leggi i commenti (2)

Alzo gli occhi, la scena mostra due innamorati su una panchina. Un veloce rewind mentale di quanto già visto e sentito mi fa improvvisamente capire che deve per forza essere un adattamento del capolavoro di Heinlein, film completamente ignoto a Cassandra; che stupido a non averlo capito prima. Immediata e attenta visione completa del film fino alla fine.

Peccato per la volontà di andare un passo oltre Heinlein, facendo suicidare il protagonista, e l'inserimento dell'ormai immancabile attacco terroristico, pur suggerito anche nel romanzo, che oggi appare davvero poco originale, e che Cassandra trova fastidioso se non peggio. Addio quindi anche al finale aperto e intimista del racconto.

Per rifarsi la bocca si imponeva una godibile e veloce rilettura del racconto di Heinlein e dell'articolo del 2008. A questo punto non c'erano più scusanti, e anche se Phrack non ha più commentato la scena italiana, e l'ultimo numero è uscito purtroppo nel 2016, procediamo.

Sostanzialmente Phrack ha azzeccato (purtroppo) il trend, che ha visto la mia generazione di hacker invecchiare, evolversi un una maggioranza di professionisti dell'informatica, quasi tutti arrivati a compromessi esistenziali molto grossi, e in parte non trascurabile passati o scesi a patti infernali con il Lato Oscuro; lo hanno fatto con pochissima, poca o molta classe, a seconda di quale solito noto si parli.

D'altra parte, come detto nel video, in molti casi i compromessi sono iniziati dalla vita di tutti i giorni; l'uso indiscriminato delle comunità sociali, perché succede tutto lì, l'azzeramento del tempo dedicato alla condivisione dei saperi, talvolta la trasformazione in divi. Poi alcuni, troppi, hanno deciso di oltrepassare la personale linea che non avrebbero dovuto attraversare.

D'altra parte anche Cassandra, sulla ricerca della popolarità, qualcosa da rimproverarsi ce l'ha, come confessa in quest'altra puntata di Quattro chiacchiere con Cassandra.

Alla fine, della generazione di Cassandra, di veri puri sulla scena italiana ne sono rimasti davvero pochissimi; qualche anzianotto ancora ci prova, ma spesso un compromesso, magari più di uno, lo ha comunque fatto.

La parte più politicizzata dell'hacking, forse perché in parte autoreferenziale, è invece in parte sopravvissuta, anche se la diluizione del dogma di una condivisione efficace dei saperi in mezzo a tante altre cose, l'ha resa ancora meno rilevante. Tanto di cappello; almeno un nuova generazione, magari meno interessata ai dogmi dell'hacking, l'ha forse prodotta.

Mi chiedo se la trasformazione ormai completa del termine hacker da positivo a negativo sia causa oppure effetto della sostanziale scomparsa della generazione di hacker puri a cui Cassandra appartiene, e del suo mancato rimpiazzo con una nuova. Domanda doverosa, forse mal posta, sicuramente difficile.

Di certo qui, al buio, la sensazione di solitudine è sempre più forte. Sento terribilmente la nostra mancanza!

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

c'è anche scritto (ma ribaltato) edit: 10.000° post. ...che sono vecchio, eh... :wink:
15-4-2019 15:16

Una piccola curiosità sul film: il timer della bomba che appare nel film è un piccolo arduino: [img:693c170c63]https://images-cdn.9gag.com/photo/a6dpMOA_700b.jpg[/img:693c170c63] h**p://forum.arduino.cc/index.php?topic=281121.0
13-4-2019 23:47

Ho appena letto il racconto di Heinlein, trovato qui: link incredibile, strepitoso, ben costruito, dà il mal di mare, ho voglia di una serie di libri sull'argomento!
12-4-2019 18:43

{Io}
Esporsi è sempre un scendere a compromesso. La socialità, qualunque ne sia il movente a monte, rovina l'incanto e muove dal creare al giustificare. Ma in fondo il rimanere puri è molto più probabilmente la scusa più semplice per coloro che non han potuto, o saputo, far di più o di meglio.
11-4-2019 15:17

{Marco}
Il finale è triste. E' la fine di un sogno. Chi ci crede veramente, può trasformarlo in realtà, dedicando tutto il suo tempo, tutto se stesso. La vita però riserva sempre sorprese e come niente ci si ritrova in altre vite, contesti differenti, pulsioni aliene, obiettivi nuovi. A volte capita di ritornare... Leggi tutto
11-4-2019 12:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Vuoi effettuare un acquisto online. Il sistema di pagamento richiede l'inserimento dei dati della carta di credito. Quali precauzioni prendi affinché sia una transazione sicura?
Nessuna precauzione. I siti Internet delle grandi compagnie sono ben protetti
Inserisco tutti i dati della carta utilizzando la tastiera virtuale
Digito e poi cancello i dati della carta più volte così il virus si confonde
Aumento il livello di protezione dell'antivirus
Utilizzo la modalità di navigazione in incognito del browser
Uso un proxy anonimo
Controllo di aver digitato il sito Internet correttamente e se si tratta del sito giusto

Mostra i risultati (1376 voti)
Dicembre 2019
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Tutti gli Arretrati


web metrics