Google taglia fuori Huawei da Android



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-05-2019]

google huawei android

Mentre negli Stati Uniti è guardata con abbondante sospetto e accusata di essere una quinta colonna della Cina, nel resto del mondo Huawei sta raccogliendo buoni successi.

Il recente lancio dello Huawei P30 e del P30 Pro è stato accolto molto positivamente, e l'attesa per la presentazione dell'Honor 20 fino a poco fa era molto alta.

Ora le cose sono cambiate. Secondo quanto riporta l'agenzia Reuters, Google ha deciso di rescindere ogni legame con Huawei, tagliando fuori l'azienda da ogni accesso alla piattaforma Android.

«Huawei Technologies Co Ltd perderà immediatamente l'accesso agli aggiornamenti del sistema operativo Android, e la prossima versione dei suoi smartphone al di fuori della Cina perderà anche l'accesso ad applicazioni e servizi popolari come il Google Play Store e l'app Gmail» scrive Reuters.

Google ha confermato che gli smartphone messi in vendita sino a oggi potranno continuare a usare il Play Store ma non potranno più essere aggiornati alla prossima versione di Android, e tutti gli smartphone nuovi non godranno più della certificazione Google Play.

Ciò che Google non può fare, naturalmente, è impedire a Huawei di utilizzare tutte le componenti di Android rilasciate sotto licenza open source; tutto ciò che è proprietario, invece, si trova da ora al di là della portata del produttore cinese.

Per Huawei si tratta sicuramente di un brutto colpo. È pur vero che l'azienda, visto il clima burrascoso in cui già si trovava a operare negli ultimi mesi, ha messo in cantiere un proprio sistema operativo da utilizzare proprio qualora Google decidesse di tagliarla fuori dall'ecosistema Android, ma non avere più accesso al sistema dominante resta un inconveniente che può rivelarsi fatale soprattutto per il settore business.

Sondaggio
Numerosi utenti lamentano disservizi con i coupon-sconto. Quale di questi inconvenienti giudichi più grave?
La difficoltà nell'ottenere i rimborsi (o l'avere come rimborso un altro coupon anziché i soldi).
Non avere un livello adeguato di assistenza al cliente.
L'impossibilità di prenotare un servizio nonostante si sia acquistato il voucher (a causa di scarsa disponibilità da parte di chi eroga quel servizio).
Il trattamento diverso, da parte di chi eroga il servizio, nei confronti di chi paga con un coupon rispetto agli altri clienti.
Il ritardo nella consegna dei prodotti.
La non corrispondenza dell’acquisto effettivo con l’offerta iniziale.
La mancanza di modalità specifiche per i reclami.
Il fatto che l'esercizio per il quale si è acquistato il voucher ha chiuso o il servizio non è più attivo.
La mancata emissione della ricevuta fiscale da parte dei portali.
Non ho mai riscontrato alcuno di questi inconvenienti.

Mostra i risultati (1045 voti)
Leggi i commenti (3)

È inoltre evidente che le ripercussioni di tutto ciò non riguardano solamente gli Stati Uniti: se Huawei non può più utilizzare le risorse proprietarie di Google, anche gli utenti europei e di ogni altra parte del mondo saranno coinvolti.

La vicenda resta comunque in evoluzione: la situazione adesso creatasi potrebbe convincere Huawei a scendere a patti con le richieste del governo statunitense.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Huawei, microSD addio: l'azienda è stata esclusa dalla SD Association
Dopo Google anche ARM abbandona Huawei
Huawei e 5G, gli USA premono perché TIM recida l'alleanza con i cinesi
Nokia, Huawei e altri accusati di uccidere inutilmente le app in background
Huawei sta sviluppando un'alternativa ad Android, ed è a buon punto
Anche Huawei beccata a barare nei benchmark degli smartphone
Imbarazzo in Huawei, scoperta a barare nello spot dei Nova 3

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 20)

Lo fanno già! Vendono addirittura vestiti al posto del carbone alle centrali termoelettriche! :malol: :malol: :malol: Dei geni! (Molto incompresi) :P Leggi tutto
10-6-2019 13:24

Devono massimizzare i profitti in ogni modo finché si riesce...
8-6-2019 13:52

Non mi pare che le aziende dell'evoluto nord europa siano molto meglio. :roll: Leggi tutto
8-6-2019 13:33

@Cesco67 Lo avevo supposto ma ho tenuto ugualmente a precisare il mio punto di vista che poteva non essere comunque sufficientemente chiaro. In quanto al divieto imposto da Trump non è proprio così certo che sia del tutto legale: link, in ogni caso la storia sarà ancora lunga e costosa per tanti USA compresi.
1-6-2019 15:40

@Gladiator Non era rivolto a te ma in generale, e non solo verso i frequentatori di ZN Comunque Google sta solo rispettando il divieto imposto da Trump, e se potesse lo eviterebbe di certo (altrove ho letto che stavano cercando il modo di bypassare il divieto senza infrangere le leggi)
1-6-2019 15:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una ricerca dell'Università di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
È corretto. Farò meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1079 voti)
Giugno 2019
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
EmuParadise violato, rubati i dati di 1,1 milioni di utenti
Google cambia la ricerca: i siti non appariranno più di due volte
Google Maps, arriva il tachimetro in tempo reale
La visione di Microsoft per un sistema operativo davvero moderno
Microsoft implora gli utenti: installate la patch prima di un altro WannaCry
Il malware che sfugge a ogni individuazione
Maggio 2019
Windows 10, l'aggiornamento di maggio fa cadere la connessione Wi-Fi
Huawei, microSD addio: l'azienda è stata esclusa dalla SD Association
Windows 10, ecco l'aggiornamento di maggio
Tutti gli Arretrati


web metrics