OMS: La dipendenza da videogiochi è ufficialmente una malattia

Il gaming disorder è stato inserito nel manuale ICD-11.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-06-2019]

oms icd 11 gaming disorder

Alla settantaduesima assemblea globale, l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha aggiunto una nuova malattia all'International Statistical Classification of Diseases and Related Health Problems (ICD-11): il gaming disorder (disturbo da gioco).

La sua inclusione era in discussione sin dallo scorso anno e aveva suscitato diverse polemiche (non tutti erano d'accordo) ma ora la decisione è stata presa: da quando entrerà in vigore la classificazione (1 gennaio 2022) il gaming disorder sarà riconosciuto come disturbo.

Il gioco in questione non è quello d'azzardo, che ha già una sua trattazione, ma il videogioco o gioco digitale; il disturbo può essere diagnosticato quando per 12 mesi (ma il tempo necessario può anche essere inferiore se le condizioni sono particolarmente gravi) si manifestano tre sintomi.

Il primo consiste in uno scarso controllo sulle attività di gioco stesse: durata, intensità, frequenza e via di seguito permettono di capire se uno si sta semplicemente dedicando a un passatempo oppure soffra di qualche problema.

Il secondo è definito come «priorità crescente assegnata al gioco al punto tale che il gioco stesso ha la precedenza su interessi vitali e attività quotidiane» mentre il terzo comprende «la continuazione o l'aumento dell'attività di gaming nonostante il verificarsi di conseguenze negative».

Non si tratta, insomma, di passare banalmente troppo tempo davanti allo schermo, ma di causare conseguenze verificabili negli ambiti «personale, familiare, sociale, educativo, occupazionale» e in altri egualmente importanti.

Come spiega il dottor John Jiao via Twitter, «La VGA [Video Gaming Addiction - Dipendenza da VideoGiochi, NdR] non riguarda il numero di ore passate a giocare. C'è quando il gioco ha la precedenza sulla salute, sull'igiene, sulle relazioni, sulla gestione delle finanze etc. Il gioco in sé non è un disturbo».

Sondaggio
Quanto sei dipendente dal tuo smartphone?
Non posseggo uno smart phone.
Spesso lo dimentico e quando lo porto con me a volte lo lascio o lo dimentico spento.
Lo utilizzo con una certa frequenza, ma ne potrei fare a meno.
Per lavoro un compagno inseparabile, ma alla sera e nei week-end lo spengo volentieri.
Lo porto sempre con me: senza mi sentirei incompleto.

Mostra i risultati (4157 voti)
Leggi i commenti (5)

Ed è sempre il dottor Jiao a spiegare il motivo per cui l'OMS ha deciso di inserire questo disturbo nel manuale: convincere le assicurazioni sanitarie a pagare le terapie necessarie a risolverlo.

Dato che si tratta di un disturbo specifico che può non rientrare in altre categorizzazioni né essere associato ad altri disturbi riconosciuti, un'assicurazione - in quei Paesi dove avere un'assicurazione è praticamente l'unico modo di accedere alle prestazioni sanitarie senza ricoprirsi di debiti enormi - può rifiutarsi di pagare se detto disturbo non è indicato in un manuale ufficiale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'OMS: la dipendenza da videogiochi è un disturbo mentale
La donna resa cieca da un videogioco
Muore dopo aver giocato al Pc per 22 giorni consecutivi
Video(giochi)dipendenza: è giusto vietarli per legge?
Videogiochi online, coprifuoco per i minorenni
Presi da un videogioco, lasciano morire di fame la figlia
Adolescenti, uno su dieci è ''drogato di videogiochi''
Uccide la madre: gli aveva sequestrato il videogioco

Commenti all'articolo (3)

Dai chi usa ancora la VGA per giocare? :-D Quanto al disturbo mai sofferto; sempre rispettati gli "altri 5 minuti e poi smetto", anche se per motivi che non mi sono chiari in genere diventavano due ore... Leggi tutto
3-6-2019 11:48

@Cesco67 Beh, in effetti... :roll:
1-6-2019 15:43

Non entro nel merito causa ignoranza colossale dell'argomento, per potevano scegliere un'altro nome... Leggi tutto
30-5-2019 13:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual il momento tra questi in cui avverti il maggior bisogno di privacy?
Leggo gli annunci di lavoro in ufficio
Spio un/una mio/a ex sui social network
Utilizzo i social network in ufficio
Consulto l'online banking
Guardo foto o filmati a luci rosse
Invio o guardo foto private
Faccio shopping online

Mostra i risultati (1545 voti)
Settembre 2019
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Tutti gli Arretrati


web metrics