WhatsApp, un bug manda l'app ripetutamente in crash

E cancella per sempre le chat di gruppo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-12-2019]

whatsapp bug crash

Tutti hanno almeno un amico o conoscente che sostiene di non aver mai aggiornato il PC, lo smartphone o il tablet e di vivere benissimo così.

Quanto rivelato ora da Check Point Research in merito a WhatsApp dimostra come si tratti di una pratica pericolosa non solo per sé, ma anche per gli altri utenti.

Le versioni più vecchie di WhatsApp contengono infatti un bug che, quando sfruttato, manda in crash l'app sui dispositivi di tutti i partecipanti a una chat di gruppo.

Tutto ciò che bisogna fare è inviare un particolare messaggio, in cui sono stati modificati i parametri nel modo indicato da Check Point stessa, alla chat di gruppo che si desidera disturbare: le varie versioni di WhatsApp dei membri del gruppo andranno in crash, e gli effetti non finiscono qui.

Il crash infatti non è isolato ma si ripresenta ogni volta che si apre WhatsApp. Inoltre «tutti i dati che sono stati scritti e condivisi nel gruppo a questo punto se ne sono andati per sempre. Il gruppo non può essere ripristinato e dovrà essere cancellato per fermare il ripetersi del crash».

L'unico lato positivo della vicenda sta nel fatto che gli esperti di Check Point hanno individuato il problema già ad agosto, l'hanno segnalato tempestivamente a WhatsApp e questa ha rilasciato delle versioni aggiornate della propria app in cui il bug alla base di tutto non è più presente.

A restare vulnerabili sono quindi soltanto le persone di cui parlavamo all'inizio: quelle che mai si occupano di aggiornare i propri dispositivi.

Qui sotto, gli effetti dello sfruttamente del bug.

image6 1

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Aggiornate WhatsApp: le vecchie versioni si possono violare con un file MP4
WhatsApp, basta una GIF per mettere nei guai gli smartphone più recenti
Facebook cambia nome a Instagram e WhatsApp

Commenti all'articolo (3)

:malol: Cmq non è un mio problema WA l'ho disinstallato da anni... :wink: Leggi tutto
23-12-2019 16:44

{Frankyone}
È capitato anche a me e inoltre ha inibito il suono e le chiamate attivando la funzione non disturbare reinstallato Google digitazione vocale ma aveva bloccato anche altre funzioni
21-12-2019 01:04

Ottimo! Leggi tutto
19-12-2019 09:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1815 voti)
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics