Episodio IX: hacker di droidi

Cassandra Crossing/ Una non-recensione dell'episodio conclusivo della saga, peraltro già abbondantemente distrutta in Episodio VII.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-12-2019]

Cassandra stavolta non ce l'ha fatta! È riuscita a evitare Solo: a Starwars story, contribuendo a farne il primo film in perdita del franchise, ma l'imprinting, ricevuto in età adulta dalla doppia visione di Episodio IV 42 anni fa, questa volta non le ha permesso di esimersi.

Così ieri sera, in compagnia di altri tre coetanei, Cassandra ha versato l'obolo di 10,50 Euro e si è sorbita Episodio IX, atto finale della saga come annunciato nel 1977 da George Lucas, che spiegò di aver suddiviso la sceneggiatura originale, troppo lunga e densa, in 9 episodi, di cui l'immortale Star Wars: una nuova speranza era il quarto.

Cosa dire in estrema sintesi di Episodio IX senza fare spoiler? Mai così in basso; un film senza capo né coda. Un giovane, nato ai tempi di Episodio VI, mi ha detto che Episodio IX gli era piaciuto abbastanza. Gli ho chiesto se fosse in grado di riassumermi la trama; è diventato pensieroso, e ha desistito.

ATTENZIONE: minispoiler nel seguito.

L'unica cosa da salvare di tutto il film, frutto forse del residuo di coscienza hacker di un sotto-sotto-sceneggiatore, è Babu Frik: the droidsmith, l'orsacchiotto hacker di droidi. Non tanto perché l'episodio sia importante, o perché il personaggio sia fuffoso.

Il motivo è che si tratta, secondo Cassandra e altri commentatori, di una allegoria delle conseguenze negative dei DRM - Digital Right Management systems - e sui loro effetti nefasti su un'intera società. E anche dell'importanza salvifica degli hacker, in ogni tempo e in ogni luogo, anche in una galassia lontana, lontana...

L'hacking di droidi non è una novità; ne troviamo un timido esempio già in uno dei videogiochi dell'Universo Esteso, Jedi: fallen order. Ma procediamo con ordine.

Nella nostra realtà i DRM nuociono gravemente alla cultura e alla libera circolazione della conoscenza, e al diritto di proprietà delle cose che compriamo. In Episodio IX portano addirittura alla distruzione di un pianeta, Kijimi, e alla morte di tutti i suoi abitanti.

La situazione: è stato ritrovato un pugnale con una iscrizione che rivela un segreto indispensabile per combattere i Sith. L'iscrizione è però nell'oscura lingua cerimoniale dei Sith, perciò all'androide dorato C3PO, che si vanta continuamente di conoscere 6 milioni di forme di comunicazione, viene chiesto se conosca anche quella.

C3PO risponde di sì, ma resta muto di fronte alla richiesta di tradurla. Conferma di comprendere la scritta, ma che non è in grado di comunicare la traduzione perché il suo software contiene un'istruzione, voluta dal Senato Galattico, che non gli consente di farlo, presumibilmente per impedire ai Sith di usare gli androidi catturati come strumento per comunicare con le altre specie.

Sondaggio
I tuoi sogni sono a colori o in bianco e nero?
A colori
In bianco e nero
In 3d, anche senza occhialini
Un po' come capita

Mostra i risultati (1593 voti)
Leggi i commenti (9)

Proprio come con un vero DRM; anche utilizzandolo per un motivo corretto, essendo uno strumento errato e diabolico, otteniamo conseguenze impreviste e nefaste.

Per tentare di superare questa situazione C3PO viene portato sul pianeta Kijimi dal fuffoso hacker Babu Frik. Dopo aver parzialmente aperto e "filato" il povero C3PO, Babu Frik comunica che potrà estrarre le informazioni, ma che l'operazione cancellerà completamente la memoria di C3PO, che quindi tornerà alla sua programmazione di default.

Scena commovente, in cui il droide accetta di sacrificarsi e saluta gli amici, poi Babu Frik fa partire l'hack e pone C3PO in una specie di modalità diagnostica (o forse di combattimento) in cui i suoi occhi diventano rossi. L'androide pronuncia la frase tradotta, poi si spegne, e dopo pochi secondi si riavvia; sa solo ripetere il suo saluto standard e non ricorda più nulla e nessuno.

Per lui poi ci sarà un lieto fine, mentre per gli abitanti del pianeta Kijimi no. Infatti i Sith, venuti a conoscenza della possibilità che la scritta venga tradotta, per bloccare la fuga di informazioni vaporizzano il pianeta con un altro DRM particolarmente originale e potente, uno Star Destroyer dotato del cannone precedentemente patrimonio solo della Morte Nera.

Allegoria voluta degli effetti funesti dell'uso dei DRM su di un'intera società? Forse un "hack" di Episodio IX, sfuggito alla censura di uno dei più grandi utilizzatori di DRM? A Cassandra piace pensarlo; comunque non si fa remore a impiegare l'episodio per affrontare ancora una volta l'argomento dei DRM.

Infatti proprio i DRM sono il motivo per cui Cassandra è stata creata, con l'uscita dell'Episodio I di Cassandra Crossing, quattordici anni or sono. Da allora la loro pericolosità è costantemente cresciuta.

Le conseguenze nefaste dei DRM viengono oggi sperimentate da chi compra oggetti informatizzati come cellulari, IoT, automobili o trattori, e scopre poi di non esserne il proprietario. In questo persino Episodio IX può quindi servire a qualcosa, ed essere l'argomento dell'Episodio CDXLVI di Cassandra Crossing!

Buone feste a tutti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

{manaccia fantasma}
Non credo che non essere proprietari dei gadget tecnologici di oggi sia un problema per la gioventù attuale: per esperienza personale so bene che chi nasc in un certo contesto, per quanto disfunzionale ad occhi esterni, lo vive come "normale" e "ovvio", spesso senza nemmeno pensare che ci possa essere una... Leggi tutto
1-1-2020 12:59

Ho smesso di seguire 'sta ciofeca dai tempi de: " La minaccia fantasma" E senza rimpianti.
31-12-2019 21:56

{Jabba&Salacious}
Nel prossimo futuro usciranno altri 3 episodi di pre-prequel e altri 3 se-sequel e poi faranno il reboot di tutta la serie con altri due prepreprequel e sesesequel e poi...
31-12-2019 20:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual Ť il tuo browser preferito?
Internet Explorer
Firefox
Chrome
Safari
Opera
Un altro

Mostra i risultati (11889 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics