Ciclista innocente accusato di furto dalla geolocalizzazione



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-03-2020]

google ciclista geolocalizzazione

Chi ricorda il non eccelso film The Circle ricorderà anche come la possibilità di essere tracciati - e rintracciati - in ogni momento possa essere sia utile che molto dannosa.

Nella realtà non siamo ancora ai livelli descritti nella pellicola, eppure il mondo è pieno di gente che, tramite lo smartphone o dispositivi indossabili come i braccialetti smart per il fitness, comunica ai server di qualche colosso informatico ogni proprio movimento.

Di norma, forse non c'è nulla di cui preoccuparsi. Nel caso del trentenne americano Zachary McCoy, invece, i problemi sono nati quando, lo scorso gennaio, Google gli ha fatto sapere che la polizia aveva richiesto, tramite mandato, l'accesso alla cronologia dei suoi spostamenti.

«Mi sono spaventato davvero molto» ha poi dichiarato l'uomo. «Non sapevo di che cosa si trattasse,ma sapevo che la polizia voleva qualcosa da me. Avevo paura che mi accusassero di qualcosa, ma non sapevo di che cosa».

Per cercare di capire qualcosa di più, ha consultato il sito del dipartimento di polizia, contando sul fatto che nella notifica di Google era indicato il numero di un caso aperto: ha così scoperto che la questione pareva trattare un caso di furto con scasso presso la casa di un'anziana signora, avvenuto dieci mesi prima.

Tutto ciò non ha fatto altro che aumentare comprensibilmente la confusione nell'uomo, che non aveva nulla a che fare col reato; nella sua mente è nato però un collegamento.

McCoy è un appassionato ciclista dilettante. Macina periodicamente chilometri in sella alla sua bicicletta, e ha alcuni percorsi che predilige rispetto agli altri.

Controllando i propri movimenti come registrati dall'app che usava per tenere traccia dei propri progressi, ha scoperto che il giorno del furto era passato per tre volte in un'ora davanti alla casa dove s'era verificato il fatto.

«Era uno scenario da incubo. Stavo usando un'app per vedere quante miglia avessi percorso in bicicletta e quella mi stava mettendo sulla scena del crimine» ha spiegato McCoy.

Grazie alla consulenza di un avvocato, il ciclista americano ha scoperto che la polizia aveva inizialmente ottenuto i dati del suo percorso, ma in maniera anonima; per capire chi fosse l'uomo che era per ben tre volte passato davanti alla casa in cui viveva la donna derubata s'era quindi rivolta a Google, che a suo volta aveva informato McCoy.

Di qui l'inizio di una trafila legale che in questi ultimi giorni ha portato la polizia ad analizzare meglio i dati e a scagionare completamente Zachary McCoy, che solo per una coincidenza si è trovato a pedalare per quella via in quella data.

«Non avevo capito» - ha dichiarato McCoy - «che attivando i servizi di localizzazione di Google i luoghi che visitavo sarebbero stati registrati. Sono sicuro che sia scritto nelle loro condizioni d'uso ma non ho mai letto tutta quella pappardella, e credo che nemmeno la maggior parte della gente lo faccia».

«Il mandato» - ha aggiunto l'avvocato - «è stato a tutti gli effetti uno sparare nel mucchio sperando di colpire il ladro. È lo stesso concetto che si ritrova in molti film di fantascienza con governi distopici e fascisti».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Quando l'app di fitness fa la spia
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
App di calcio ufficiale usa i tifosi come spie
App di sorveglianza colabrodo: Family Locator
Criminale incastrato dallo smartwatch
Facebook propone gente che hai semplicemente incrociato

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Nel dubbio, evitare qualsiasi modalità di tracciamento tramite app o braccialetti o simili penso sia una cosa furba. Come detto da altri io non faccio nulla di male per cui non ho nulla da temere ma se qualcuno analizzando i miei dati sbaglia dopo sono razzi miei discolparmi quindi meglio che io gli fornisca il minor numero di dati... Leggi tutto
12-4-2020 14:51

Ma io non ho niente da nascondere.. Me lo sono detto tante volte anche io... Però i software sbagliano... gli uomini che programmano sbagliano... la gente che analizza i dati sbaglia... la polizia può sbagliare... io stesso posso sbagliare. Metti insieme tutte queste cose, e non sai mai quello che può succedere... Ho l'impressione... Leggi tutto
18-3-2020 19:10

Ecco il risultato dei tanto vantati servizi "cloud". Per passare i dati da cellulare a pc, proprio per evitare di far circolare i miei dati usavo una connessione FTP, con server ftp da lanciare su cellulare ogni volta! recentemente sono passato a Mega, meglio di google o microsoft drive sotto ogni aspetto.
13-3-2020 15:20

ai primi di marzo google mi ha inviato i miei percorsi di febbraio, anche se fa un pò di confusione fra bicicletta e scooter... ma non con il treno :D :D Ma ognoi tanto sbaglia... un giorno che ero a Firenze SMN sosteneva fossi a Pisa Centrale e ancora più originale, un giorno di diversi anni fa che sono andato a Torino gli risultava... Leggi tutto
12-3-2020 13:08

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Ad alta quota, secondo te, qual è il comportamento più fastidioso?
Il passeggero della fila avanti che reclina lo schienale, senza nemmeno girarsi e avvisarti gentilmente.
Il passeggero della fila dietro che punta le piante dei piedi (o le ginocchia) nella parte alta del sedile.
I bambini che urlano ripetutamente o infastidiscono gli altri passeggeri, senza che i genitori intervengano.
Il passeggero che puzza di sudore.
Il passeggero che ascolta la musica ad alto volume.
Il passeggero che si ubriaca in volo.
Il passeggero che cerca di psicanalizzarti... per tutto il viaggio.
Il passeggero che si allarga sui braccioli del vicino.
I passeggeri che amoreggiano durante il volo.
Il passeggero che cerca di rimorchiare.

Mostra i risultati (2447 voti)
Settembre 2021
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 21 settembre


web metrics