Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux

Linus Torvalds ha deciso di adottare termini più ''inclusivi''.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-07-2020]

linux kernel linus torvalds termini inclusivi

Addio a master, slave e blacklist: Linus Torvalds, signore e padrone di Linux, ha deciso di accogliere i suggerimenti avanzati dallo sviluppatore Dan Williams e rimuovere dal kernel del suo sistema tutti i termini potenzialmente controversi.

Tutti coloro che contribuiscono allo sviluppo di Linux dovranno adeguarsi alla nuova nomenclatura, che per ogni termine eliminato prevede alcune possibilità alternative.

Master e Slave potranno essere sostituiti da Primary e Secondary (Primario e Secondario), oppure da Leader e Follower (Capo e Seguace), o magari addirittura da Director e Performer (Direttore ed Esecutore).

Blacklist (Lista nera) diventerà Denylist o Blocklist, mentre Whitelist (Lista bianca) diverrà Allowlist o Passlist.

L'adozione dei nuovi termini prevede tuttavia delle eccezioni per quelle parti di codice già esistenti che specificamente richiedono l'uso delle parole abolite.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Linux compie trent'anni
Campagna malware ancora in corso colpisce Linux, soprattutto in Italia
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Linus Torvalds è preoccupato per il futuro di Linux
Anche Amburgo molla Microsoft per l'open source
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Microsoft offre 100.000 dollari a chi riuscirà a bucare Linux
Banditi i termini blacklist e whitelist: sono razzisti

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 48)

Siamo tutti consci che cambiare un vocabolo non cambierà la mentalità di certe persone, e che usare un altro vocabolo non implica avere certe idee. Non cambieranno neppure le leggi che permettono certe cose. Potrebbe essere un modo per continuare a parlare di certe cose, in modo che non finiscano nel dimenticatoio e che non non... Leggi tutto
20-7-2020 10:57

eliminare i termini di cui sopra come misura contro il razzismo è come cambiare le vocalo alla dine delle professioni per la. parità di genere... un'operazione di facciata. Per il resto non cambia nulla. Anzi forse è proprio il contrario, perché se cambiamo un termime "negativo" che fa riferimento ad un colore vuol dire che... Leggi tutto
19-7-2020 10:23

Ricordo una vecchia enciclopedia medica di mia nonna, finita di stampare nel 1899, che recava una patologia dal nome buffo: "sindrome da ristorante cinese", la cui eziologia corrispondeva pressapoco all'abuso di glutammato mono-sodico. Ai tempi non esisteva il dado da brodo, presumibilmente. E sì: purtroppo nei media... Leggi tutto
17-7-2020 10:46

MA hai ragionissima, non credo che ci sia molta gente così superficiale da credere che cambiare il modo di esprimersi sia risolutivo. Ritengo, però, molto più incomprensibile (e irrazionale) chi osteggia "a priori" una evoluzione del linguaggio coerente con i progressi civili, sociali e culturali. In nome di cosa? Dei... Leggi tutto
17-7-2020 10:36

Dammi pure l'indirizzo del tuo, che credo abbia roba sopraffina =) Leggi tutto
17-7-2020 10:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A inizio millennio per lavorare nella new economy bisognava trasferirsi nelle grandi città, soprattutto Milano. Oggi la banda larga si è diffusa, ci sono nuove piattaforme di collaborazione ed è cambiato l'approccio al lavoro. Alla luce di questo...
Abito in una grande città e qui rimarrò.
Abito in una grande città ma sto valutando di trasferirmi in provincia.
Abito in provincia e non mi sposterò di certo.
Abito in provincia ma sto valutando di trasferirmi in una grande città.
Abitavo in una grande città ma mi sono trasferito in provincia.
Abitavo in provincia ma mi sono trasferito in una grande città.
Città o provincia non fa grande differenza, ma mi sono trasferito (o sto valutando di trasferirmi) all'estero.

Mostra i risultati (1580 voti)
Settembre 2021
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 settembre


web metrics