Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-10-2020]

uk excel virus casi sottostimati

Microsoft Excel, nato come foglio di calcolo, sarà anche comodo per disporre in tabella i dati e funzionare come un primitivo database, ma ha i suoi limiti.

Se ne sono accorti nello scorso mese di agosto gli scienziati della Human Genome Organization che, stanchi di vedere i nomi dei geni individuati trasformati in date, si sono rassegnati a dover cambiare la nomenclatura.

Se ne sono accorte ora anche le autorità sanitarie britanniche che proprio all'uso di Excel devono un errore di stima nei confronti delle persone contagiate dal Sars-CoV-2.

Negli ultimi giorni, Public Health England (Phe) ha segnalato un aumento improvviso e significativo dei positivi al virus della Covid-19.

Ciò però non è dovuto a un aumento della contagiosità del virus stesso ma alla correzione di un «errore tecnico» che aveva portato a non segnalare alcune migliaia di casi.

Sulle cause dell'errore le fonti ufficiali tacciono, ma le "fonti interne" - che possono sbilanciarsi pur restando anonime - hanno indicato un colpevole quantomeno verosimile in Excel.

A quanto pare, infatti, i dati dei contagiati vengono inizialmente inseriti dai vari laboratori che eseguono i test in file Csv, che vengono poi tutti importati dalla Phe con un procedimento automatico in un unico foglio di calcolo Excel.

Il problema è che Excel ha dei limiti quanto al numero di linee che è possibile aggiungere; tali limiti sono ampi - è vero - ma ciò nonostante reali. Il risultato è che l'aggiunta dei casi sempre al medesimo foglio ha portato a raggiungere detti limiti, e oltre 15.000 casi rilevati tra il 25 settembre e il 2 ottobre non sono stati debitamente registrati.

Si capisce quindi come i dati ufficiali diffusi, basati sulle informazioni incomplete registrate nel file Excel, non rispecchiassero la realtà, ma non solo: il sistema di tracciamento dei contagiati non ha potuto svolgere il proprio lavoro, poiché migliaia di persone risultate positive ai test non erano state inserite nel sistema.

A seguito della scoperta il sistema di registrazione dei casi è stato rivisto, anche se non radicalmente: in luogo di un unico file Excel ora ne vengono usati diversi, in numero sperabilmente sufficiente a non raggiungere nuovamente il limite di record.

Com'è comprensibile la Phe - sulla cui abolizione il governo già stava pensando da un po' - è finita nella bufera, e le autorità sanitarie stanno provvedendo ad avvisare tutti coloro che sono stati interessati dal problema.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Pandemia: contact tracing e isolamento contengono i focolai
La mascherina Ffp3 smart e IoT, con ventola e sensori
Il travel pass Covid per viaggiare con certificato di negatività
Gli scienziati ribattezzano i geni umani per colpa di Excel

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Francamente temo non ci abbiano neppure pensato... Leggi tutto
30-11-2020 18:39

il punto è quello, excel è fantastico ma appunto è un foglio di calcolo o al limite un database flat con tabelle pivot è nato per quello, ci fai tanto in azienda ma non puoi usarlo per cose con record così grandi... banalmente potevano usare Access e già sarebbe limitato quello per una base dati così grande.... Pazzesco che un... Leggi tutto
10-11-2020 23:12

Eppure è ben noto che in situazioni di estrema importanza (come la salute umana) è sconsigliato, se non proibito, l'utilizzo di software (e persino hardware) non appositamente certificato.
6-11-2020 23:17

{Gianluca}
Incredibile... ma la colpa non e' di Excel, e' di quei mentecatti che usano Excel (senza neanche conoscerne i limiti) invece di usare un database! Ma quanto basso e' il livello di chi lavora in questi enti statali o parastatali?
12-10-2020 12:03

E' proprio la prova che questa attività non viene fatta in maniera coordinata e centralizzata. L'utilizzo di un prodotto di informatica personale per la gestione di quantità di dati grande ed eterogenea vuol dire che si è lasciata ad un "utente" a responsabilità di disegnare una applicazione con archivio e funzioni, senza che... Leggi tutto
9-10-2020 16:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (761 voti)
Ottobre 2021
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 ottobre


web metrics