Il futuro della conoscenza e gli attivisti della conservazione

Cassandra Crossing/ Bibliotecari e informatici in lotta per un mondo migliore.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-10-2020]

olivettip101 new

Il lavoro di un bibliotecario non ha certo la reputazione di essere particolarmente interessante; Cassandra, al contrario, fin da quando frequentava la biblioteca comunale ne è sempre stata affascinata. E più passano gli anni più si rende conto di quanto la conservazione dell'esistente e del passato sia una condizione necessaria per costruire il futuro.

Certo, lottare per un futuro migliore in situazioni contingenti e popolari è più facile, più interessante ed evidentemente anche più alla moda. Interessarsi, e magari addirittura preoccuparsi di cose passate, senza nemmeno la "scusa" di essere uno storico, sembra invece particolarmente noioso e inutile.

Al contrario, con un ragionamento che parte da lontano, proprio una di quelle digressioni che a Cassandra e ai suoi 24 irriducibili lettori piacciono tanto, si può arrivare facilmente a scoprire novità poco note ma molto interessanti, a cui potrebbe addirittura venir voglia di partecipare attivamente.

L'informatica è una scienza giovane; infatti anche se le sue radici sono vecchie di oltre due secoli, i suoi impieghi sono stati ben poco significativi dai tempi di Charles Babbage e Ada Lovelace (1822) fino alla nascita del primo computer programmabile Z3 tedesco (1941). Anche successivamente, fino a quando il computer sono rimasti comunque chiusi in pochi laboratori, la loro importanza per la scienza e l'industria è stata significativa, ma per la generalità della popolazione no.

Poi nel 1965 è nato il primo personal computer, l'italiano Olivetti Programma 101 (P101 o Perottina); dopo la distruzione della divisione elettronica di Olivetti, fortemente voluta dalla politica italiana e americana, nel 1971 è nato il secondo "primo" personal computer (Altair 8800); ecco che due secoli abbondanti di storia dell'informatica si riducono a 49 anni.

Sì, perché la disponibilità di un computer sul tavolo di ogni studente ha permesso alla cultura di esprimersi non solo come linguaggio parlato e scritto, ma anche nella forma di una lingua nuova, la lingua parlata con il computer e tra computer per esprimere concetti e algoritmi, un linguaggio che da potenza diveniva atto.

Il motivo per cui la disponibilità per tutti di un linguaggio non solo descrittivo ma eseguibile è importante, anzi rivoluzionario l'ha riassunto Lawrence Lessig nella sua famosa massima "Nel ciberspazio solo il software è legge". Si tratta di un concetto la cui importanza è evidente, oggi che la nostra vita si svolge a metà tra mondo materiale e mondo informatico.

Sì, perché un linguaggio per computer è qualche cosa di attivo, con cui puoi trasmettere la tua volontà a un computer, che a sua volta può imporla ad altri; abbastanza per temere tante piccole Skynet, e quindi per preoccuparsi di un'etica dell'ancora in fasce intelligenza artificiale.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Dalla Biblioteca di Alessandria ai floppy disk

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)


{te nocini}
Penso che il desiderio di tramandare sia un desiderio nascosto di diventare eterni. Ai nostri posteri potrebbe importare poco o niente della loro storia, perché potrebbero aver capito, a livello collettivo e individuale, che la storia non è utile ma è solo curiosità, perché l'esperienza non... Leggi tutto
13-10-2020 15:48

{Piero}
Navigando a partire dai link dell'articolo, si può trovare un'estratto dal libro di Giorgio Perotto (il creatore della P101) che cita una frase di Camillo Olivetti: "L'istruzione della nostra borghesia ha un fondamento prettamente anti-industriale. Noi siamo ancrora i figli dei latini, che lasciarono ai servi e... Leggi tutto
13-10-2020 14:01

Viva Cassandra! Grazie per tutti i ragionamenti. :squeeze:
13-10-2020 13:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
iPad/iPhone, Android, Windows Phone hanno servizi che localizzano gli utenti. La privacy violata?
S, almeno potenzialmente.
No, tutta una bolla di sapone.
Non so.

Mostra i risultati (3151 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Tutti gli Arretrati


web metrics