Il caricabatterie wireless che fa anche il backup del telefono



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-10-2020]

SanDisk iXpand charger

Chiunque possieda uno smartphone generalmente si ricorda senza fatica di caricarlo (cosa che accade soprattutto durante la notte) ma fin troppo spesso si dimentica di fare il backup dei propri dati, o di impostare quello automatico, sino a che non è troppo tardi.

Grazie a un'idea di SanDisk, ricarica e backup possono diventare un'unico gesto (posto di avere un telefono che supporti la ricarica wireless): appoggiando il proprio smartphone sul caricabatterie senza fili Ixpand Wireless Charger Sync si completano entrambe le operazioni con una sola mossa.

Il dispositivo di SanDisk supporta lo standard Qi e al proprio interno custodisce una memoria flash sulla quale viene effettuato automaticamente il backup dei contenuti del telefono ogni volta che questo viene messo in ricarica.

Le capacità disponibili per la memoria interna sono tre: 64 Gbyte (solo negli Usa), 128 Gbyte e 256 Gbyte. SanDisk garantisce la compatibilità sia con i dispositivi Android (a partire dalla versione 5.0) sia con i dispositivi iOS (a partire dalla versione 11). Naturalmente, un'app si occupa di gestire la copia dei dati (foto, video e contatti) e le impostazioni.

SanDisk Ixpand Wireless Charger Sync supporta la ricarica rapida 10 Watt e permette di creare diversi profili per il backup: in questo modo più persone possono condividere lo stesso caricabatterie e salvare i propri dati separatamente da quelli degli altri.

I prezzi per i modelli acquistabili in Italia, come indicati dal sito di Western Digital (che possiede il marchio SanDisk) sono di 120,99 euro per la versione da 128 Gbyte e 169 euro per la versione da 256 Gbyte.

Lo stesso prodotto si può trovare anche su Amazon, spesso a prezzi inferiori.

Qui sotto, il video di presentazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Xiaomi e Motorola svelano la ricarica wireless a distanza

Commenti all'articolo (5)

Come giÓ detto da @Milton questo dispositivo il backup lo fa in locale, non ha alcuna connessione con il mondo esterno se non la presa di alimentazione elettrica. In ogni caso ha un costo decisamente eccessivo per la capacitÓ di memoria disponibile considerato che un HD esterno SSD con connessione USB 3.0 da 1 Tb dello stesso... Leggi tutto
8-12-2020 17:32

{Violino}
Sono perfettamente d'accordo con Eon, i miei dati non li affido a nessuno in giro per il mono. Con tutte queste riunioni online gestite da sistemi dei noti colossi gli regaliamo già fino troppo di noi stessi
2-12-2020 11:58

Opinione rispettabilissima. Ma in questo caso l'aggeggio (se ho ben capito), effettua un backup in locale, su memoria flash residente nel "coso". Altrimenti perchŔ verrebbe venduto con centinaia di Gigabyte? Leggi tutto
27-10-2020 14:35

{eon}
Il backup non lo faccio volontariamente, non voglio che i miei dati, per quanto privi di importanza, se ne vadano in giro, alcuni in chiaro, negli Usa e in Cina... E' questione di mantenere la mia individualità in un pianeta che sta diventando sempre più un formicaio, sia per numero di persone, sia per privacy.
24-10-2020 15:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1278 voti)
Giugno 2021
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Windows 11, i primi screenshot sfuggono in Rete
Tutti gli indizi che puntano a Windows 11
Gli hard disk al grafene sono 10 volte più capienti
Microsoft nasconde la fotocamera sotto lo schermo che forma il logo di Windows
Il nuovo Windows 10 si svela a fine mese
Nuova tecnica contro il ransomware: ingannare il sistema di pagamento
Maggio 2021
Malvivente condannato grazie a una foto delle dita pubblicata online
Annunciata la prossima generazione di Windows
Guidi male? Forse è un primo segno di demenza
Scarsità di chip, televisori più cari del 30%
Android 12: veloce, attento alla privacy e personalizzabile
Nella Tesla schiantatasi con “nessuno” al volante c’era qualcuno al volante
WhatsApp, funzionalità ridotte se non si vogliono regalare i dati a Facebook
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 giugno


web metrics