Il CEO di Toyota si scaglia contro le auto elettriche...

... Indovinate quante ne ha in catalogo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-12-2020]

toyoda

Me ne sarei stato zitto volentieri, ma visto che molti di voi mi hanno chiesto di commentare le dichiarazioni di Akio Toyoda,* CEO di Toyota, scrivo qui due righe veloci.

*Tolgo di mezzo subito un equivoco: Toyoda è il cognome del CEO e si scrive con la D. Toyota è il nome dell'azienda e si scrive con la T.

Stando ai giornali, Akio Toyoda ha detto che l'auto elettrica è un "business immaturo con costi energetici e sociali insostenibili" (Sole 24 Ore). Ha argomentato che i veicoli elettrici hanno un impatto ambientale, sia durante la produzione sia durante l'uso.

Beh, non è una grande rivelazione. Nessuno ha mai detto che le auto elettriche si fabbricano usando polvere magica e consumano forfora di unicorno. Anzi, è indubbio che la produzione di un'auto elettrica ha un impatto ambientale maggiore rispetto alla produzione di un'auto tradizionale, anche se questa differenza si pareggia dopo qualche decina di migliaia di chilometri d'uso, perché l'elettrica non produce gas di scarico mentre l'auto tradizionale continua a farlo per tutta la sua vita.

È altrettanto indubbio che l'auto elettrica abbia un impatto ambientale durante l'uso, se viene caricata con energia elettrica proveniente da fonti che hanno un impatto ambientale. Ma le reti elettriche stanno diventano man mano più pulite e questo impatto, già oggi minore di quello delle auto tradizionali, non fa che diminuire ulteriormente nel tempo. Le mie due auto elettriche sono caricate con energia idroelettrica già adesso. Molti proprietari di auto elettriche installano pannelli solari per caricare con il sole. Fatelo con un'auto a benzina o gasolio.

Akio Toyoda ha anche suggerito di "rendere più green la produzione di elettricità e poi in seconda battuta di adeguare le infrastrutture" e di non puntare soltanto sulle vendite di vetture ad emissioni zero, e su questo ha pienamente ragione. L'auto elettrica, da sola, non fa miracoli. Riduce sicuramente l'inquinamento locale, per esempio in città, come ben sa chi porta i bambini a passeggio ad altezza di tubo di scappamento, ma rischia di spostarne parte altrove. L'auto elettrica non è una soluzione magica: ha bisogno di misure di contorno.

In questo senso presumo che Akio Toyoda si riferisca soprattutto al caso specifico del Giappone, dove il 70% dell'energia elettrica deriva da fonti fossili (principalmente carbone e gas naturale) e i trasporti consumano il 38% del petrolio. La situazione in altri paesi è ben diversa già oggi.

Il CEO di Toyota ha anche detto che le auto elettriche sono troppo costose e rischiano di essere un lusso per ricchi. Ma forse non ha considerato che il prezzo delle batterie (il maggior fattore di costo di un'elettrica, circa il 20%) è sceso dell'88% nel corso di un decennio e continua a scendere, secondo Bloomberg, che dice che un kWh di batteria costava oltre 1.100 dollari nel 2010 e oggi ne costa 137 e prevede il pareggio elettrica/pistoni entro il 2023. Fra qualche anno, un'elettrica costerà meno di un'auto a pistoni, già come prezzo di listino, senza contare i minori costi operativi (la corrente costa un quarto rispetto al carburante) e di manutenzione (nessun cambio d'olio, meno pezzi che si possono rompere, consumo ridottissimo dei freni) che già si hanno adesso.

Akio Toyoda ha poi paventato il rischio di un collasso del modello attuale di business dell'industria automobilistica, con la perdita di milioni di posti di lavoro, se il Giappone bandisce troppo in fretta le auto a carburante. Beh, questo è il rischio di qualunque industria che produca un oggetto che non ha più mercato. Immagino che i maniscalchi e i sellai si siano indignati allo stesso modo all'avvento dell'automobile, ma non per questo abbiamo deciso di mantenere le diligenze o messo stalle in ogni casa. Quando sono arrivate le fotocamere digitali, non abbiamo deciso di continuare a foraggiare i produttori di pellicole o obbligato i telefonini ad installare rullini. I milioni di posti di lavoro verranno persi da chi non si adatterà al mercato. È un peccato che queste parole arrivino dal CEO di un'azienda che per anni è stata all'avanguardia nella propulsione ibrida con le sue straordinarie Prius.

E in questo senso sospetto che nelle parole di Akio Toyoda pesi non poco il fatto che Toyota ha a catalogo, in questo momento, esattamente zero auto puramente elettriche (ha solo ibride, a parte la Lexus UX300e, che arriverà a marzo 2021 ed è appunto una Lexus) e punta tutto sull'idrogeno: se Akio Toyoda pensa che sia costoso convertirsi all'elettrico, non ha idea di quanto costi creare l'infrastruttura per l'idrogeno. Ma ho anche il dubbio che il successo spettacolare di aziende concorrenti come Tesla stia stimolando la Sindrome della Volpe e dell'Uva.

Fonti aggiuntive: Teslarati, Wall Street Journal, CleanTechnica, Electrek, The Observer.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Approfondimenti
Nella Tesla schiantatasi con “nessuno” al volante c’era qualcuno al volante
Hyundai Ioniq 5: 18 minuti per caricare 270 km
Due morti in Tesla, ''nessuno era al volante''?
Mobilità sostenibile per 6 italiani su 10
Tesla con guida “autonoma”, due video a confronto per capire
Mobilità elettrica, la Lombardia è la regione più avanti
Tesla, l'ultimo update trasforma l'auto in uno stereo portatile

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 27)

Leggendo l'articolo originale linkato all'articolo di ZN, personalmente, interpreto le parole di Toyoda non come una crociata contro l'elettrico come i titoli degli articoli potrebbero far credere - e sarebbe ora di usare titoli meno sensazionalistici - ma più come un monito a prestare maggiore attenzione e a dare risposte più rapide ai... Leggi tutto
3-1-2021 11:24

Don't feed the trolls
28-12-2020 11:37

Algi sei un idiota che crede di essere intelligente e colto, tu non te ne rendi conto, ma io si, e questo è l'ultimo commento che ti dedico, non vale la pena di parlare di massimi sistemi col gatto.
26-12-2020 18:05

Allora :-)...visto che le acque si son calmate,inviterei tutti (soprattutto Paolo che non per nulla è,della cippa,solo un semidio ) a seguirmi qui: - http://www.formazione.enea.it/scheda_corso-520 in assoluta gratuità così da poter chiarirsi le idee sull'idrogeno come mezzo di conduzione dell'energia ( e non fornitore primario di... Leggi tutto
26-12-2020 17:44

niente contro l'idrogeno ma, permettimi, non è una fonte energetica. riguardo l'auto elettrica - no, non è per tutti e non è una cosa che se domani mattina tutti avessimo al posto dell'auto 'a pistoni' non causerebbe problemi. Ma dando il tempo alle cose, potrebbe anche funzionare. Non mi azzardo a dire tra quanti anni (perché non... Leggi tutto
25-12-2020 19:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale tra queste donne andrebbe ricordata maggiormente per le sue scoperte?
Elizabeth Blackwell (fu pioniera nella medicina)
Rachel Carson (lanciò il movimento ambientalista contro i fitofarmaci)
Marie Curie (studiò le radiazioni)
Rosalind Franklin (contribuì alla scoperta del DNA)
Jane Goodall (studiò la vita sociale degli scimpanzé)
Ipazia (astronoma e matematica della Grecia antica)
Ada Lovelace (fu la prima programmatrice di computer)
Barbara McClintock (scoprì l'esistenza dei trasposoni)
Maria Mitchell (scoprì la cometa di Mitchell)
Lise Meitner (elaborò la teoria della fissione nucleare)

Mostra i risultati (1784 voti)
Agosto 2021
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Luglio 2021
Nuovo digitale terrestre, tutto rimandato
Rinunciare allo smartphone
Windows 10, svelato l'aggiornamento 21H2
Zitto zitto, il Parlamento Europeo vara la sorveglianza di massa di tutte le email
La UE ci riprova col caricabatterie unico
Stuxnet, il virus informatico più distruttivo della storia
Windows 11, niente update da Windows 7 e 8.1
Falla critica nel sistema di stampa di Windows, e la patch ancora non c'è
Un assaggio del nuovo Office, riprogettato per Windows 11
Giugno 2021
Windows 11, il mio PC riuscirà a eseguirlo?
Windows 11, non abbiate fretta di installarlo
Un blackout informatico molto, molto canadese
Windows 11 sarà più veloce di Windows 10
Windows 11, l'update da Windows 7 e 8 sarà gratis
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 5 agosto


web metrics