Il guanto per comandare il computer come in Minority Report

Inventato a Berkeley, può anche comandare le protesi con estrema precisione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-12-2020]

guanto gesture

Diciotto anni fa, tra le tecnologie futuristiche presentate dal film Minority Report c'era il particolare modo con cui il protagonista interagiva con il computer.

Anziché tastiera e mouse, indossava uno speciale guanto tramite il quale i suoi movimenti erano interpretati e tradotti in comandi.

Qualcosa di simile hanno creato ora alcuni ricercatori dell'Università della California Berkeley utilizzando sensori indossabili e un software di intelligenza artificiale.

I sensori rilevano il movimento dell'utente e inviano dei segnali a un apposito chip, programmato con un algoritmo di IA che li traduce in comandi specifici.

I test hanno permesso di operare il riconoscimento di 21 gesti, tra cui l'apertura completa della mano, la sua chiusura a pugno e il pollice alzato.

Per arrivare a questo risultato sono state necessarie diverse sessioni di "addestramento", durante il quale un ricercatore ripeteva più volte il medesimo gesto; così facendo l'algoritmo imparava a riconoscerlo, inserendo le nuove informazioni all'interno del proprio modello fino a identificarlo anche qualora occorressero delle variazioni, come per esempio una diversa posizione del braccio rispetto al modello iniziale.

«Quando si vogliono contrarre i muscoli» - spiega Ali Moin, uno dei ricercatori - «il cervello invia dei segnali fino alle fibre muscolari nelle mani e nelle braccia. In sostanza, ciò che i sensori rilevano è questo campo elettrico. Non è un sistema precisissimo, nel senso che non siamo in grado di rilevare quali fibre vengano attivate, ma con un'alta densità di elettrodi possiamo riconoscere certi schemi».

«Nel riconoscimento dei gesti» - aggiunge ancora Moin - «i segnali cambiano nel corso del tempo, e ciò può influire sulle prestazioni del modello. Siamo stati in grado di aumentare di molto la precisione della classificazione aggiornando il modello sul dispositivo».

L'intero procedimento avviene nel chip: non è necessario collegarsi a un computer esterno per l'elaborazione dei dati e la loro interpretazione. Ciò consente di sviluppare degli apparecchi indossabili portatili, ampliando in maniera significativa il campo d'applicazione.

gesture device

Non si tratta infatti soltanto di trovare un modo futuristico per impartire comandi a un computer: i ricercatori vedono la loro invenzione come un modo per controllare con precisione le protesi e per sostituire certi sistemi di controllo che oggi diamo per indispensabili.

Per esempio si spingono a ipotizzare uno scenario in cui nelle auto non è più necessario un volante, poiché la direzione viene impostata tramite il movimento delle braccia.

Qui sotto, un video dimostrativo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Mi viene in mente uno dei romanzi di Asimov (forse Il sole Nudo). Per chi non lo conosce: mondo colonizzato dagli umani aiutati dai robot in cui avviene un crimine e viene ingaggiato un terrestre visto che gli spaziali non sanno come fare (con i robot il crimine è praticamente scomparso). In una scena uno dei personaggi chiama un robot... Leggi tutto
29-12-2020 22:59

{utente anonimo}
Ok, è la solita tecnologia che non è il presente semplicemente perche non se ne trova un uso, alla fine la nintendo nel '89 fece il power glove, e la microsoft col Natal lo fece anche senza guanto, eppure non hanno avuto diffusione..ho il sospetto che sia scomodo e nessuno lo userebbe all'infuori della... Leggi tutto
28-12-2020 11:00

{borot}
Credo che questo tipo di tecnologia sarà molto utile, anche solo come ricerca che potrà aiutare altre invenzioni. L'esempio delle automobili però mi sembra poco probabile, sia per le normative di sicurezza, sia perché stiamo andando verso la guida autonoma... speriamo.
28-12-2020 09:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (402 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 giugno


web metrics