Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-03-2021]

unicredit

Ogni tanto capita. La chiavetta genera-codici che serve a convalidare le operazioni online dell'azienda (sono un riluttante titolare di partita IVA) ha ceduto. Prima si riusciva a scorgere il numerino in controluce, adesso più nulla.

Sono costretto ad andare in banca, cosa che mi provoca sempre sensazioni sinistre. L'impiegata mi fa notare che lo strumento è obsoleto, e che dovrei installare sul mio telefonino l'app della banca per svolgere il delicato compito.

Una soluzione imposta dall'alto. Comprensibile, peraltro: al posto della chiavetta, la banca userà il mio telefonino come secondo fattore di autenticazione (il primo è la password). Un bel risparmio.

Nessun problema da parte mia. Se non che devo scaricare un'app da Google Play. Io sono un tipo un po' particolare: non mi fido di Google, non mi fido di Facebook, ho un telefonino con LineageOS come sistema operativo, ho co-fondato EXIT, un'associazione di auto-aiuto e auto-liberazione informatica, ho scritto anche un libro su questi argomenti.

Vabbè: procurarsi, in maniera anonima, un'app da Google Play, non è un problema, da quando c'è Aurora. Prima, però, eseguo tramite εxodus una scansione dell'app imposta dalla banca.

εxodus (mi raccomando la epsilon) è un vivace collettivo di hacktivisti francesi che hanno a cuore la privacy. Hacktivista è una crasi tra hacker e attivista. Logico pensare che, in questi tempi grami di data mining massiccio, al di fuori di ogni controllo, εxodus abbia parecchio da lavorare.

I ragazzi ne sono consapevoli, e hanno realizzato una piattaforma di controllo della privacy per app Android. Con una semplice scansione, εxodus cerca i tracker incorporati nell'app e li elenca. Si tratta di pezzi di software che raccolgono dati su di noi e su ciò che facciamo col nostro telefonino. E li inviano a chi di dovere.

E qui nascono i problemi: l'app imposta dalla banca contiene (almeno) 3 tracker. Faccio notare gentilmente che non ho intenzione di mettere a repentaglio la mia privacy personale e professionale in cambio di un servizio non richiesto.

L'impiegata chiama allora il responsabile informatico della filiale. Di fronte a un quasi collega, trattengo molto di meno le emozioni, e parte un piccolo e animato conciliabolo tra di noi. Alla fine, l'informatico autorizza l'emissione di una nuova chiavetta genera-codici.

Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1538 voti)
Leggi i commenti (6)

Questo è solo uno dei tanti episodi che il collettivo EXIT sta raccogliendo, e che segnalano che qualcosa di grosso sta avvenendo nella Rete. Particolarmente interessante è quello avvenuto a Davide (riportato in questo articolo), che riguarda una community che si bulla di fare informazione libera, mentre traccia i suoi utenti con ben 13 tracker nella propria app. Utenti molto ben delineati politicamente, e che il sistema considera devianti e pericolosi. Qui la locuzione "dati sensibili" è un eufemismo.

Ma cosa è diventato il web? Perché ci siamo ridotti così? Tutto iniziò nel 2014, quando i telefonini superarono i computer, in termini di utilizzo della Rete. Da allora, il traffico si è spostato pesantemente sui device mobili, soppiantando i PC e riducendoli a una nicchia.

Da allora, le app hanno inesorabilmente preso il sopravvento sui browser. Oggi si usano app per connettersi ai social, per chattare, per effettuare transazioni finanziarie, per guardare un video, per ascoltare musica. Tutte cose che prima si facevano con i navigatori web.

L'app, con i suoi tracker, è uno strumento molto più efficiente per collettare i dati sull'uso del telefonino. È diretta, veloce, e l'informazione arriva subito a destinazione. Chi è che progetta questi tracker? Spesso lo sviluppatore dell'app, ma ancora più spesso lo fa inconsapevolmente, perché il tracker è inserito negli strumenti di sviluppo forniti direttamente da Google, Facebook e Apple. Una bella comodità per chi produce applicazioni, ma la sorpresa potrebbe essere sgradita.

Tornando all'esempio di prima, è possibile che la mia banca non sia minimamente al corrente che sta regalando a terzi i dati delle transazioni finanziarie dei propri clienti, né che di questo travaso sia consapevole lo sviluppatore stesso dell'app. Stiamo parlando di dati sensibili, che riguardano milioni di cittadini.

Ecco cosa sta succedendo nella Rete. Grazie alla progressiva adozione delle app proprietarie, la blindatura del flusso dei dati sta assumendo nuove gigantesche proporzioni. Tra non molto, non solo non sarà possibile regolamentare le violazioni della privacy che il Big Data comporterà, ma non sarà nemmeno possibile conoscere quanti dati stiano segretamente alimentando i database della Bestia.

Ecco perché è importante il servizio che ci sta dando εxodus. Possiamo essere tutti hacktivisti: perdenti a volte, complici mai.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Ti insegno l'economia circolare: come si ricicla e si riducono gli sprechi
Se Facebook diventa "la banca"
Il PC da 100 dollari e il cellulare da 800
Ecosia, tra bufala e realtà
Auto, in arrivo la panacea elettrica
L'epica del tergicristalli a intermittenza
Torna l'Ecobufala della Eolo
Proprietà intellettuale, è guerra ai tamarri
Google rivendica il brevetto dei pagamenti via SMS
Wikipedia, la Cia, palazzo Chigi e la patonza
Arriva la GPL 3 ed è guerra dentro il software libero
Energia infinita dai campi magnetici
Disabili due volte
La bufala del biodiesel
Petrolio addio, ecco le Transition Town
Il cellulare uccide le api
L'automobile opensource debutta ad Amsterdam
Il farmaco open contro la malaria
Ti odio, cellulare
Addio floppy, compagno di mille battaglie
Microgenerazione, l'altra energia possibile
La cuccagna mobile
Energia senza fili, forse si può
Sesso e rete, i rischi per la privacy
Sesso e rete: le relazioni pericolose

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 17)

Comunque anche un generatore di token autonomo è considerato un dispositivo da custodire con la massima cura sotto la responsabilità dell'utente e, in più, deve essere restituito in caso di rescissione del contratto oppure deve essere pagato. Ovvio che la banca abbia interesse a farti usare la sua app su smartphone, comunque ogni metodo... Leggi tutto
28-3-2021 15:17

Te lo raccomando, sito complottista antivax no5g nobrain creato per tirar su click a pagamento diffondendo hoax e fake news, non crederei a quello che pubblicano neppure se l'avessi scritto io. Leggi tutto
22-3-2021 13:37

Beato te. La mia banca non la dà più. La mia chiavetta scade a fine 2023 e continuerò a usarla fino ad allora, sempre che non mi obblighino prima a passare all'app. :( Leggi tutto
22-3-2021 13:07

{grazie}
Ti devo ringraziare perché hai dato numerosi spunti: in effetti le autorità di protezione dati perdono troppo tempo sui cookie, quando il l'eldorado del tracciamento sono le app su smartphone
22-3-2021 12:17

Complimenti all'autore per l'articolo, interessante e ben scritto, senza il ricorso a termini astrusi e specifici. Oltre alla forma anche il contenuto (per quanto sia riuscito a comprendere) è assai interessante. Tra l'altro apprendo che la chiavetta genera-codici (token) è ancora in uso presso qualche istituto bancario. Con Intesa S.P.... Leggi tutto
22-3-2021 11:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi una VPN?
Sì, utilizzo un servizio gratuito.
Sì, utilizzo un servizio a pagamento.
No, ma mi piacerebbe risultare anonimo quando uso Internet.
No, non mi interessa essere anonimo.
Non so che cosa sia una VPN.

Mostra i risultati (1573 voti)
Settembre 2021
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 settembre


web metrics