Liberare spazio? Basta cancellare tutti i dati e gli account

Come liberare spazio sulla rete informatica universitaria.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-04-2021]

wellington

Se pensate che la vostra giornata informatica stia andando maluccio, consolatevi: c'è qualcuno a cui è andata assai peggio.

Un paio di settimane fa i tecnici informatici della Victoria University di Wellington, in Nuova Zelanda, hanno avviato una procedura di manutenzione che aveva lo scopo di liberare spazio sulla rete informatica universitaria.

Il loro intento era eliminare i profili degli ex studenti che non erano più iscritti, ma le cose sono andate un po' diversamente dal previsto, e la storia ha fatto il giro del mondo.

Infatti, come riferiscono Ars Technica e una delle riviste degli studenti, The Critic, l'eliminazione ha avuto una portata leggermente superiore alle intenzioni: sono scomparsi anche i file dai desktop degli studenti attivi e i loro computer sono stati azzerati.

Si sono salvati soltanto i dati presenti sui dischi di rete dell'istituto e quelli custoditi sul cloud OneDrive di Microsoft. Alcuni studenti lamentano di aver perso un anno intero di dati che erano salvati esclusivamente sui loro computer locali (che ora, appunto, sono azzerati).

L'ipotesi formulata da Ars Technica è che si sia trattato di un errore di policy in Active Directory.

Disastri come questo sono sempre un promemoria importante della necessità di fare backup personali dei dati essenziali, anche se quei dati risiedono su una rete informatica che in teoria dovrebbe farne copie di sicurezza automaticamente.

In una situazione aziendale, tuttavia, le cose si complicano per via della necessità dell'azienda di tutelarsi (e tutelare i propri clienti) contro le fughe di dati. Sarebbe spiacevole che i dipendenti si portassero a casa la contabilità dell'intera società o i piani e progetti riservati, per poi dimenticarseli in giro o farseli rubare. Per non parlare dei dipendenti che attraversano la frontiera Svizzera-Italia con i dati bancari confidenziali dei clienti, ma questa è un'altra storia.

Morale della storia: se i dati sono strettamente vostri (una tesi, per esempio), non affidatevi ciecamente al reparto informatico pensando che tanto provvederanno loro di farne una copia. Fatela voi, fatene più di una, verificate periodicamente che siano leggibili e custodite il tutto con cura. Se invece i dati sono dell'azienda, parlate con il reparto informatico e verificate che ne venga fatto periodicamente un backup custodito in modo sicuro. In particolare, chiedete cosa succede ai dati salvati localmente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Approfondimenti
Studenti e lavoratori in smart working nel mirino dei ransomware
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
La luce blu emessa dagli schermi non fa male al sonno
Premio Nobel per la chimica agli inventori delle batterie al litio
L'intelligenza artificiale che capisce se il compito è stato copiato
Due università italiane tra i vincitori del concorso Win-a-Robot
Intelligenza artificiale rende tridimensionale una foto 2D
Griefbot: fantasmi digitali
Sterco di tacchino, un'ottima alternativa al carbone
Riconoscimento vocale, per ingannarlo basta fingersi bambini
Italiani e Wi-Fi pubbliche: comportamenti ''inaspettati'' e falso senso di sicurezza
Pseudoscienza nelle superpotenze: ricerca paranormale
L'MP3 compie 20 anni

Commenti all'articolo (4)

Mi sembra piuttosto approssimativa e/o parziale. Leggi tutto
11-4-2021 17:38

{umby}
Gomez ha scritto: "Ma che degli studenti universitari facciano LA TESI solo sul cloud è da dementi, dovrebbero stracciargli il libretto e mandarli a raccogliere le cartacce col bastone col chiodo in punta." Concordo pienamente, ma sai, ci vorrebbe un corso obbligatorio come la patente auto prima di dare in mano a... Leggi tutto
11-4-2021 00:48

In effetti una bella formattazione ti regala un sacco di spazio... :-D Ma che degli studenti universitari facciano LA TESI solo sul cloud è da dementi, dovrebbero stracciargli il libretto e mandarli a raccogliere le cartacce col bastone col chiodo in punta. Leggi tutto
9-4-2021 20:27

{appunto}
Le cose si stanno complicando sempre più, e tenere a mente queste complicazioni sta diventando un secondo lavoro, molto stressante. In teoria tutto dovrebbe comunicare con tutto, ma in pratica, fra privacy malintesa, campanilismi, cialtroneria, pigrizia e assenza di pensiero cooperativo, è l'utente (in senso ampio) a... Leggi tutto
9-4-2021 17:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I telefonini diventano sempre più potenti e sono dotati di fotocamere sempre migliori: a quella sul retro spesso se ne aggiunge una frontale, per meglio scattare i selfie. Per quanto riguarda l'utilizzo che ne fai tu personalmente, lo smartphone ha sostituito la fotocamera compatta tradizionale?
Sì. Non ho praticamente più bisogno di portarmi dietro la fotocamera perché quella dello smartphone è più che sufficiente per le mie esigenze nella maggior parte delle occasioni.
In parte. Sebbene la fotocamera sullo smartphone sia indubbiamente comoda, spesso ho la necessità di scattare foto di qualità migliore e con un dispositivo dedicato, quindi utilizzo molto anche la fotocamera.
No. Non posso fare a meno di portarmi dietro la fotocamera compatta, che per le mie esigenze non può affatto essere sostituita da uno smartphone.

Mostra i risultati (1864 voti)
Luglio 2021
Windows 10, svelato l'aggiornamento 21H2
Zitto zitto, il Parlamento Europeo vara la sorveglianza di massa di tutte le email
La UE ci riprova col caricabatterie unico
Stuxnet, il virus informatico più distruttivo della storia
Windows 11, niente update da Windows 7 e 8.1
Falla critica nel sistema di stampa di Windows, e la patch ancora non c'è
Un assaggio del nuovo Office, riprogettato per Windows 11
Giugno 2021
Windows 11, il mio PC riuscirà a eseguirlo?
Windows 11, non abbiate fretta di installarlo
Un blackout informatico molto, molto canadese
Windows 11 sarà più veloce di Windows 10
Windows 11, l'update da Windows 7 e 8 sarà gratis
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Windows 11, i primi screenshot sfuggono in Rete
Tutti gli indizi che puntano a Windows 11
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 luglio


web metrics