Liberare spazio? Basta cancellare tutti i dati e gli account

Come liberare spazio sulla rete informatica universitaria.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-04-2021]

wellington

Se pensate che la vostra giornata informatica stia andando maluccio, consolatevi: c'è qualcuno a cui è andata assai peggio.

Un paio di settimane fa i tecnici informatici della Victoria University di Wellington, in Nuova Zelanda, hanno avviato una procedura di manutenzione che aveva lo scopo di liberare spazio sulla rete informatica universitaria.

Il loro intento era eliminare i profili degli ex studenti che non erano più iscritti, ma le cose sono andate un po' diversamente dal previsto, e la storia ha fatto il giro del mondo.

Infatti, come riferiscono Ars Technica e una delle riviste degli studenti, The Critic, l'eliminazione ha avuto una portata leggermente superiore alle intenzioni: sono scomparsi anche i file dai desktop degli studenti attivi e i loro computer sono stati azzerati.

Si sono salvati soltanto i dati presenti sui dischi di rete dell'istituto e quelli custoditi sul cloud OneDrive di Microsoft. Alcuni studenti lamentano di aver perso un anno intero di dati che erano salvati esclusivamente sui loro computer locali (che ora, appunto, sono azzerati).

L'ipotesi formulata da Ars Technica è che si sia trattato di un errore di policy in Active Directory.

Disastri come questo sono sempre un promemoria importante della necessità di fare backup personali dei dati essenziali, anche se quei dati risiedono su una rete informatica che in teoria dovrebbe farne copie di sicurezza automaticamente.

In una situazione aziendale, tuttavia, le cose si complicano per via della necessità dell'azienda di tutelarsi (e tutelare i propri clienti) contro le fughe di dati. Sarebbe spiacevole che i dipendenti si portassero a casa la contabilità dell'intera società o i piani e progetti riservati, per poi dimenticarseli in giro o farseli rubare. Per non parlare dei dipendenti che attraversano la frontiera Svizzera-Italia con i dati bancari confidenziali dei clienti, ma questa è un'altra storia.

Morale della storia: se i dati sono strettamente vostri (una tesi, per esempio), non affidatevi ciecamente al reparto informatico pensando che tanto provvederanno loro di farne una copia. Fatela voi, fatene più di una, verificate periodicamente che siano leggibili e custodite il tutto con cura. Se invece i dati sono dell'azienda, parlate con il reparto informatico e verificate che ne venga fatto periodicamente un backup custodito in modo sicuro. In particolare, chiedete cosa succede ai dati salvati localmente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Approfondimenti
Studenti e lavoratori in smart working nel mirino dei ransomware
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
La luce blu emessa dagli schermi non fa male al sonno
Premio Nobel per la chimica agli inventori delle batterie al litio
L'intelligenza artificiale che capisce se il compito è stato copiato
Due università italiane tra i vincitori del concorso Win-a-Robot
Intelligenza artificiale rende tridimensionale una foto 2D
Griefbot: fantasmi digitali
Sterco di tacchino, un'ottima alternativa al carbone
Riconoscimento vocale, per ingannarlo basta fingersi bambini
Italiani e Wi-Fi pubbliche: comportamenti ''inaspettati'' e falso senso di sicurezza
Pseudoscienza nelle superpotenze: ricerca paranormale
L'MP3 compie 20 anni

Commenti all'articolo (4)

Mi sembra piuttosto approssimativa e/o parziale. Leggi tutto
11-4-2021 17:38

{umby}
Gomez ha scritto: "Ma che degli studenti universitari facciano LA TESI solo sul cloud è da dementi, dovrebbero stracciargli il libretto e mandarli a raccogliere le cartacce col bastone col chiodo in punta." Concordo pienamente, ma sai, ci vorrebbe un corso obbligatorio come la patente auto prima di dare in mano a... Leggi tutto
11-4-2021 00:48

In effetti una bella formattazione ti regala un sacco di spazio... :-D Ma che degli studenti universitari facciano LA TESI solo sul cloud è da dementi, dovrebbero stracciargli il libretto e mandarli a raccogliere le cartacce col bastone col chiodo in punta. Leggi tutto
9-4-2021 20:27

{appunto}
Le cose si stanno complicando sempre più, e tenere a mente queste complicazioni sta diventando un secondo lavoro, molto stressante. In teoria tutto dovrebbe comunicare con tutto, ma in pratica, fra privacy malintesa, campanilismi, cialtroneria, pigrizia e assenza di pensiero cooperativo, è l'utente (in senso ampio) a... Leggi tutto
9-4-2021 17:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Ottobre 2021
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 ottobre


web metrics