Guidi male? Forse è un primo segno di demenza

Uno studio afferma che dal modo in cui si guida è possibile capire se si stia sviluppando qualche disturbo cognitivo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-05-2021]

guida demenza anziani

Che le persone affette da demenza o disturbo cognitivo lieve (MCI) guidino peggio di quanti non soffrono di queste patologie è un'idea che può sembrare ovvia, ma un recente studio sostiene che proprio dal modo in cui si guida è possibile capire precocemente se i sintomi stiano iniziando a svilupparsi.

Lo studio in questione è stato pubblicato su Geriatrics e, per ammissione dei suoi stessi autori, costituisce un lavoro preliminare. I ricercatori pensano tuttavia di aver imboccato una strada promettente per una scoperta precoce della demenza, che potrebbe anche avvenire attraverso una semplice app per smartphone.

I ricercatori si sono appoggiati ai dati di uno studio a lungo termine chiamato LongROAD (Longitudinal Research on Aging Drivers), che ha seguito per un massimo di quattro anni il comportamento alla guida di quasi 3.000 persone anziane; durante questo periodo 33 volontari hanno sviluppato un disturbo cognitivo lieve, e 31 una forma di demenza,.

Partendo da queste informazioni è stato sviluppato un algoritmo di machine learning finalizzato a individuare quei comportamenti alla guida che si configurino come segni premonitori delle due patologie allo studio.

«Basandoci su variabili derivate dai dati relativi alla guida e a caratteristiche demografiche di base, come l'età, il sesso, la razza/l'etnia e il livello di istruzioni, possiamo predire lo svilupparsi di disturbo cognitivo lieve e demenza con una precisione dell'88 per cento» ha spiegato l'autrice principale dello studio, Sharon Di.

Gli autori, come già accennavamo, riconoscono d'altra parte i limiti del loro lavoro: pochi sono i casi, presi in considerazione dallo studio, di persone con le due patologie e ulteriori indagini sono necessarie per confermare i primi risultati e per approfondire le differenze nel comportamento alla guida tra chi sviluppa MCI e chi sviluppa demenza.

Tuttavia, già ora la ricerca si spinge a prevedere un'app per smartphone, o un programma installato nell'auto, che sia in grado di rilevare un eventuale declino cognitivo prima ancora che appaiano sintomi evidenti, partendo dal modo in cui si conduce il mezzo.

«Se la loro efficacia verrà confermata» - afferma Guohua Li, altro autore dello studio - «gli algoritmi sviluppati in questo studio potrebbero fornire uno strumento innovativo e non invasivo per il rilevamento e la gestione delle difficoltà derivanti dal disturbo cognitivo lieve o dalla demenza nei guidatori anziani».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
I nativi digitali sono davvero differenti? Probabilmente no
Comprereste un'auto che si aggiorna da sola via Internet come un telefonino?
L'auto che frena da sola terrorizzata dall'autolavaggio
La valigia che si guida come uno scooter

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

E' ormai appurato che la demenza senile inizia anche molti anni prima della comparsa di sintomi evidenti. Allo stato attuale l'unico metodo per una diagnosi precoce sarebbe una risonanza al cervello in età ancora giovane e poi confrontarla con esami successivi per rilevare eventuali variazioni (questo perché senza il confronto con lo... Leggi tutto
4-6-2021 15:45

Forse intendeva prima di sintomi evidenti o, quantomeno, rilevabili. Lo studio, se capisco bene, cerca proprio di basarsi su sintomi singolarmente non rilevabili che, però, se analizzati dall'algoritmo e messi in correlazione tra loro possano dare un campanello d'allarme. Penso comunque che lo stesso studio si possa rapportare, magari... Leggi tutto
3-6-2021 16:20

Di casi assimilabili a questo ne esistono a bizzeffe in innumerevoli varianti ma la cura è solo la revoca a vita della possibilità di guidare qualsiasi mezzo monopattino e bicicletta compresi. Leggi tutto
3-6-2021 16:16

Questo non mi è chiaro. Come si fa a stabilire una patologia senza i sintomi? Magari sono lievi vorrai dire e sottovalutati. Leggi tutto
25-5-2021 15:39

Di solito un anziano con l'età che avanza diventa molto prudente, gli incidenti ad esso associati sono di solito frutto di una persona più giovane, spesso impaziente che azzarda qualche manovra o sorpasso. Un caso come quello che hai citato è da ritiro della patente, o meglio revoca. Leggi tutto
25-5-2021 15:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (4291 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 giugno


web metrics