Beyoncé è in realtà italiana e si chiama Ann Marie Lastrassi

La tesi di complotto più demenziale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-06-2021]

beyonce2021

Quando pensi di averle sentite tutte, arriva una tesi di complotto che supera in demenzialità tutte le precedenti. A luglio 2020 un politico della Florida, K.W. Miller, ha dichiarato su Twitter che secondo lui Beyoncé non è afroamericana ma italiana ed è collegata a George Soros. E la storia gira tuttora sui social network.

La cantante, ha scritto Miller, fingerebbe di essere afroamericana per avere maggiore visibilità, ma in realtà si chiamerebbe Ann Marie Lastrassi e tutto questo sarebbe collegato ai piani di Soros per il cosiddetto Deep State. Come se non bastasse, ha aggiunto Miller, la sua canzone Formation conterrebbe informazioni che dimostrerebbero che l'artista frequenta chiese sataniste.

Il sito antibufala Snopes.com fa notare che Beyoncé è figlia di genitori neri, Tina e Mathew Knowles, e che la sua genealogia porta alla Louisiana. Non c‘è nessun legame con l'Italia. Non c'è nessuna prova di quello che viene asserito dalla tesi di complotto.

Ma a parte questo, la tesi non sta in piedi per semplice logica: ci viene chiesto di credere che "George Soros abbia trovato una cantante italiana, le abbia dato un nome nuovo, l'abbia portata negli Stati Uniti, abbia trovato due persone di colore disposte a fingere di essere suoi genitori, le abbia trovato un ruolo nelle Destiny's Child, abbia aspettato che diventasse una solista di successo e poi, dopo oltre vent‘anni di pazienza ingannevole, le abbia fatto inserire nelle canzoni dei messaggi subliminali che parlano di Nuovo Ordine Mondiale".

Questo è il genere di delirio che circola su Internet e in particolare nei seguaci delle teorie di QAnon, citate da K.W. Miller negli hashtag dei suoi tweet.

Ma da dove nasce una tesi del genere, così stranamente specifica, con tanto di citazione di un nome italiano? Secondo Snopes, la diceria è nata su Twitter a giugno 2020 per puro scherzo e poi si è trasformata. Un utente ha pubblicato due foto dell'artista e un altro utente le ha commentate dicendo scherzosamente che in realtà Beyoncé era un'italiana dalla carnagione scura di nome, appunto, Ann Marie Lastrassi, e che era stata contattata dagli Illuminati e "convinta, tramite telepatia aliena, a cambiare la propria origine". I genitori si chiamerebbero Gian-Giuseppe e Maria Marsilia Lastrassi, e Ariana Grande sarebbe la figlia perduta di Beyoncé. Eccetera, eccetera, in un crescendo di affermazioni strampalate.

Un'invenzione fatta insomma per prendere in giro il complottismo, ma che poi è mutata diventando una tesi di complotto creduta vera. Ed è per questo che è pericolosissimo diffondere tesi di complotto per divertirsi alle spalle dei creduloni o fare "esperimenti sociali": se ne perde sempre il controllo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (4)

A dirla tutta la signorina Ann Marie Lastrassi della foto mi sembra assomigli più a Shakira che a Beyoncé me mi fermo qui altrimenti chissà che mega complotto intrecciato si inventano... :roll: Cmq siamo ad un punto di non ritorno della stupidità umana...
29-6-2021 19:10

Ahinoi,www ormai è world wide whopper!Finiti i bei tempi.
29-6-2021 05:08

{nannarè}
In effetti il nome potrebbe essere campano. Lei invece è nata nella Campania degli USA, cioè il Texas.
28-6-2021 19:43

tipico nome italiano :) Leggi tutto
28-6-2021 17:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'EASA e la FAA hanno dato il via libera all'uso di tablet, cellulari e dispositivi elettronici in generale in aereo anche durante decollo e atterraggio. Secondo te...
...era ora: il divieto era ormai diventato un anacronismo da abolire.
...avrebbero dovuto mantenere il divieto: la sicurezza val bene qualche minuto di rinuncia al tablet.
...dovrebbero fare di più e liberalizzare anche la possibilità di telefonare.

Mostra i risultati (1396 voti)
Agosto 2022
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 agosto


web metrics