Facebook promuove l'odio per profitto

Lo rivela una fonte interna.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-10-2021]

facebook promuove odio per profitto

Verso la metà dello scorso mese il Wall Street Journal ha pubblicato un'inchiesta su Facebook che ha preso le mosse dalle rivelazioni fatte da una "fonte interna" e con la quale ha rivelato alcuni aspetti discutibili del social network, come la volontà di non applicare le regole alle celebrità.

Ora la persona all'origine di quelle rivelazioni si è fatta avanti, rivelando il proprio nome e aggiungendo ulteriori informazioni a quanto già reso pubblico.

La fonte si chiama Frances Haugen e, in un'intervista a 60 Minutes ha dipinto un quadro piuttosto tetro delle operazioni interne del social network, un quadro del quale, peraltro, in passato era già stato possibile notare qualche scorcio.

«Ho lavorato per diversi social network, ma quel che ho visto a Facebook è stato decisamente peggiore di tutto ciò che avevo visto prima» ha dichiarato la donna. «Facebook continua a scegliere il profitto al posto della sicurezza» ha aggiunto.

Frances Haugen è entrata a far parte dello staff di Facebook due anni fa come product manager, occupandosi di «democrazia e disinformazione»; poi, lo scorso maggio, ha lasciato l'azienda.

Per dare prova di quanto affermato ha portato con sé «decine di migliaia» di pagine di documenti interni di Facebook e ha chiesto l'aiuto e la protezione di Whistleblower Aid, al fine di far conoscere quanto aveva scoperto senza dover temere ripercussioni per sé.

Inoltre s'è rivolta direttamente alla SEC, denunciando una differenza sostanziale tra quanto dichiarato pubblicamente da Facebook e quanto rivelato dalle ricerche interne: per esempio, avrebbe presentato prove circa il coinvolgimento di Facebook nella diffusione di informazioni false prima delle ultime elezioni presidenziali americane.

Il social network si sarebbe comportato in questo modo, promuovendo la diffusione di contenuti «estremisti e pericolosi», poiché le ricerche interne «mostrano che diffondere contenuti pieni d'odio, divisivi, polarizzanti genera più facilmente ira ed emozioni forti negli utenti».

Ciò spinge quegli stessi utenti a intervenire in maniera più massiccia di quanto farebbero con contenuti meno estremi, e ciò li porta a passare più tempo sul social network, il che a sua volta si traduce in un maggior numero di clic sulle pubblicità e, di conseguenza, in ricavi maggiori.

Facebook, dopo l'apparizione dell'intervista, ha già etichettato le rivelazioni come «fuorvianrti» e, tramite il proprio precedente Nick Clegg, ha affermato che Facebook non rappresenta altro che «ciò che di buono, di cattivo e di brutto c'è nell'umanità», e che il social network «tenta di ridurre la parte cattiva, aumentando il bene».

Frances Haugen, dal canto proprio, sostiene che il suo obiettivo è riformare Facebook, non chiuderlo: per questo s'è rivolta anche al Parlamento Europeo e ai politici di Francia e Regno Unito.

«Dobbiamo procedere sul sentiero della trasparenza e della responsabilità» ha dichiarato. «Non si tratta di fare a pezzi Facebook».

Il prossimo 5 dicembre Frances Haugen testimonierà davanti al Congresso degli Stati Uniti sul tema dell'impatto che Facebook ha sugli utenti più giovani.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Instagram fa male alle ragazzine. Facebook lo sa, ma tace
Facebook, le regole non si applicano ai VIP
Democratici o repubblicani, i tentativi di censura non cambiano
Tribunale di Roma respinge ricorso di Forza Nuova: legittimo chiudere la pagina
La scena hacker italiana e il caso Richard Stallman
Facebook, i politici saranno al di sopra delle regole
Mark Zuckerberg: servono nuove leggi per regolamentare Internet
A Facebook il premio speciale "Minaccia da una vita"
Facebook: ''La crescita è tutto, anche a costo di uccidere''
Le regole segrete di Facebook sui messaggi d'odio
Diritto all'espressione sopra ogni cosa? No
Regno Unito, i troll di Internet ora rischiano il carcere
Arrestato per tweet xenofobo contro donna musulmana
Pubblicava notizie false sugli stranieri per avere più clic
Facebook ti rende triste? Lo dimostra uno studio
Facebook cambia le regole su terrorismo, violenza e nudo
In tribunale per aver scritto ''Forza Vesuvio'' su Facebook
Il torto è sempre dei cittadini

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)


Su questo non sono d'accordo, bisogna proprio chiuderlo invece! E cancellare tutti i dati che contiene in modo definitivo. :twisted: Leggi tutto
10-10-2021 17:32

Beh, in effetti... :roll: Leggi tutto
10-10-2021 17:30

{al}
nel senso che negli uffici di facebook tenevano riunioni in cui si decideva di creare pagine ad-hoc? oppure le pagine sono create aggratis dai milioni di svalvolati che popolano il pianeta?
8-10-2021 06:04

{tombolo}
Che rivelazione!!!!! Sono anni che lo sappiamo, grazie ai vari "leak" periodici. O forse devo dire che sono anni che lo sanno coloro che hanno una memoria più persistente di quella delle masse.
7-10-2021 14:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il gadget del momento è lo smart watch. Si indossa al polso come un orologio tradizionale ma consente di telefonare, mandare Sms, accedere al web, leggere l'email, postare su Twitter o Facebook, ascoltare la musica. Ne acquisteresti uno?
Sì, per leggere l'email / gli Sms / Facebook / Twitter o per ascoltare la musica senza dover utilizzare il telefonino.
No. Ho già uno smart watch: è il mio telefonino. Non sono interessato a un altro accessorio.
No. Non mi interessa leggere l'email o accedere al web dall'orologio. Preferisco che orologio e telefono siano separati.
No. E' una cavolata.
Non saprei.

Mostra i risultati (2894 voti)
Ottobre 2021
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 ottobre


web metrics