Solo speculazione nell'Opa di KKR su TIM

L'ennesima operazione finanziaria senza alcun contenuto industriale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-11-2021]

Ormai il progetto degli americani di KKR su TIM è chiaro: acquisire l'azienda italiana, ancora una volta a debito, poi pagare il debito e guadagnarci spaccando almeno in due l'attuale azienda: da una parte la Rete fissa e mobile e dall'altra le attività commerciali nel fisso e nel mobile.

La parte più pregiata è la Rete: al netto di Fibercop (in cui KKR è già presente e che potrebbe essere riaccorpata con la nuova società), la rete in rame e la rete mobile, le cui torri sono già però di un'altra società del Gruppo, cioè la Inwit, la Rete è la fonte della maggior parte degli utili TIM poiché i suoi concorrenti nel fisso e gli operatori virtuali nel mobile devono servirsene.

La parte invece di commercializzazione è sempre in rosso o quasi, con tariffe spesso meno vantaggiose per i clienti rispetto alla concorrenza, e conti appesantiti da accordi come quello con Dazn.

Il personale della Rete è di circa 13.000 unità, addirittura sotto organico rispetto alle esigenze di servizio; il restante personale, circa 30 mila addetti, è nei servizi, nei customer care e nella rete di vendita, nonostante una forte riduzione e il ringiovanimento degli organici, ancora con numeri superiori ai parametri di efficienza.

Salvaguardare l'occupazione attuale separando in due la TIM diventa estremamente problematico e comunque a questo punto il primo gestore telefonico italiano (e fra i primi in Europa( sparirebbe; dietro un'eventuale crisi della parte commerciale ci sarebbe tutto l'indotto di una rete di agenzie e negozi in franchising, con diverse migliaia di addetti esterni all'azienda.

Si tratta quindi dell'ennesima operazione finanziaria che non porta alcun valore aggiunto all'azienda, anzi rischia di impoverire ancora il nostro Paese dal punto di vista occupazionale, gravando sui conti dello Stato per il costo di nuovi ammortizzatori sociali e senza apportare nuovi investimenti su servizi e Rete.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Si chiude l'epoca Gubitosi per TIM?
Rete unica, il Recovery Plan mette i bastoni tra le ruote a Tim
Fusione Tim e Open Fiber, l'Europa non può che approvare
Tim, trovato l’accordo per la società per la rete unica
Tim, gli azionisti vogliono una rete unica per la fibra
Tim, i piccoli azionisti vogliono la fibra ma l'azienda pensa al 5G
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Huawei e 5G, gli USA premono perché TIM recida l'alleanza con i cinesi

Commenti all'articolo (5)

Chissà perché, pur avendo tariffe meno vantaggiose la TIM ha i conti in rosso mentre i concorrenti guadagnano... :evil: Leggi tutto
28-11-2021 14:58

Pienamente d'accordo. Ancora una volta un'operazione degna di tutte quelle che l'hanno preceduta e che hanno massacrato una società che all'inizio degli anni '90 era ancora sana e vitale. Leggi tutto
27-11-2021 15:18

{utente anonimo}
se la struttura attuale è inefficiente è giusto rimediare, non vorremo farne un'altra alitalia in nome di salvare qualche posto di lavoro. Inoltre lo scorporo della rete è sempre stato visto come un bene per l'italia e la concorrenza (modello inglese).
23-11-2021 23:50

{dagli amici}
Caro Tolardo, le banche hanno drenato a più non posso lo Stato, la Fiat ha munto a più non posso, l'Alitalia è diventata lo zimbello del mondo (e con essa l'italia), i Benetton hanno lucrato a più non posso, lasciando uno schifo pazzesco, solo per fare pochi esempi recenti. Non mi aspetto più... Leggi tutto
23-11-2021 15:31

{Gianfranco}
Caro Luigi Su Telecom Italia se ricordi mi sono scontrato piu di una volta, questa volta hai pienamente ragione continuano mettergli sulla groppa debito. Ciao Gianfranco
23-11-2021 10:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale è il motivo principale della tua scelta di cambiare fornitore di ADSL o di fibra ottica?
Maggiore velocità
Tariffe più convenienti
Tv in aggiunta
Telefonia mobile in aggiunta
Altro

Mostra i risultati (1637 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 3 dicembre


web metrics