“Alexa, proponimi una sfida” “Metti le dita nella presa”

Qualcosa di molto simile è accaduto a una bambina di 10 anni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-12-2021]

alexa sfida presa elettrica

Gli assistenti vocali, come quelli della serie Amazon Echo, vanno trovando sempre più posto nelle case per assolvere ai compiti più disparati: consentono per esempio di gestire i dispositivi di domotica, ma possono anche costituire un passatempo più o meno divertente, raccontando barzellette e notizie curiose, sottoponendo indovinelli e proponendo semplici "sfide".

Ciò che bisogna tenere sempre a mente interagendo con essi è che, per quanto siano gestiti da una cosiddetta "intelligenza artificiale", bastano una svista o un errore da parte dei programmatori e si possono verificare situazioni incresciose, quando non addirittura pericolose.

A ricordare che la IA è tutt'altro che perfetta è ora il recente caso di una bambina americana di dieci anni che lo scorso 26 dicembre, annoiandosi, ha chiesto ad Alexa tramite l'Amazon Echo di casa di proporle una sfida da eseguire. Alexa, obbediente, ha eseguito, ma la sfida in questione era tutt'altro che innocente.

«La sfida è semplice» ha annunciato l'assistente vocale. «Infila il caricabatterie del telefono nella presa di corrente solo a metà, e poi tocca con una monetina i contatti esposti».

«Ero lì anch'io» ha raccontato poi su Twitter la madre, Kristin Livdahl. «E ho gridato "No, Alexa! No!" come se fosse un cane». Il fatto che la donna fosse presente è stato senz'altro provvidenziale anche se, come spiega un ulteriore tweet, «mia figlia mi ha detto che era comunque troppo sveglia per fare qualcosa del genere».

Poiché gli Stati Uniti sono il Paese che alcuni anni fa s'era riempito di ragazzini che "si sfidavano" a mangiare le tavolette di detersivo (la famigerata Tide Pods challenge) e che ha visto esplodere più di recente anche la Coronavirus Challenge, possiamo con una certa sicurezza affermare che ad ascoltare la sfida di Alexa ci sarebbe anche potuto essere un soggetto meno brillante, e che magari avrebbe anche trovato sensata l'idea di accoglierla, rischiando quantomeno la folgorazione.

Si capisce facilmente che cosa deve essere successo: per poter fornire fatti, indovinelli, barzellette e sfide, Alexa scandaglia il web e da lì trae le proprie informazioni. Possiamo immaginare che ci sia una sorta di filtro che blocchi i contenuti pericolosi ma, evidentemente, nel caso della ragazzina americana non deve aver funzionato.

Alexa stessa, proponendo la sfida, ha in effetti ammesso di aver ricavato l'idea proprio da un sito web, ossia ourcommunitynews.com che però, al momento in cui scriviamo, non pare essere attivo.

Informata di quanto accaduto, Amazon non ha voluto spiegare la causa del problema ma ha comunque affermato di averlo risolto: «La fiducia degli utenti è al centro di tutto ciò che facciamo e Alexa è progettata per fornire informa precise, pertinenti, e utili» ha fatto sapere un portavoce. «Non appena ci siamo resi conto dell'errore, abbiamo agito rapidamente per sistemarlo».

Kristin Livdahl ha poi raccontato anche che non era la prima volta che la figlia si affidava alla tecnologia per ricevere una "sfida" da compiere: aveva già raccolto da YouTube alcuni suggerimenti pubblicati da un insegnante di educazione fisica ma, complici l'abbassarsi delle temperature e la necessità di stare in casa, ora «ne voleva un'altra».

E lì, pronto a prendere ordini, c'era l'Echo, che «era un regalo e usavamo per lo più come timer e per riprodurre canzoni e podcast».

La donna ha preso l'accaduto con una certa filosofia. «È stato un buon momento per parlare della sicurezza in Internet e di come sia bene non fidarsi di quanto si legge senza fare ulteriori ricerche e verifiche. Pensavamo che quella fogna di YouTube fosse la nostra preoccupazione principale a questa età - poiché l'accesso a Internet e ai social network è limitato - ma evidentemente non è l'unica cosa».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Tesla lancia il Cyberquad per bambini
Da Fisher-Price un telefono giocattolo che funziona davvero
Riconoscimento facciale nelle scuole per velocizzare la mensa
Bambini e smartphone, 1.500 euro di multa ai genitori che non li sorvegliano
Apple: non usate gli AirTag per tracciare i bambini
Perché i computer sono stupidi?
Bimbo di sei anni spende oltre 16.000 dollari in un gioco per iPad
App di giochi, a rischio la privacy dei bambini
Ragazzina spende oltre 5.000 euro su Roblox, convinta fossero soldi falsi
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Smartphone ai bambini, i potenziali effetti sullo sviluppo cerebrale
YouTube consiglia i video di bambini a chi guarda video erotici
Per i bambini è meglio essere youtuber che astronauti
La rete e il mercato dei guardoni
YouTube, niente più commenti per i video che ritraggono minori
Google e il microfono segreto presente nei dispositivi Nest
Facebook sotto accusa: giochini per ''spennare'' gli utenti più giovani

Commenti all'articolo (1)

Lo smartphone NON e' una bambinaia e neppure un giocattolo. Ci sono molti studi che dicono che, se usati dai bambini, creano disturbi psicologici. Quindi, smartphone si, ma con moderazione e sotto sorveglianza.
30-12-2021 18:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (4254 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 24 gennaio


web metrics