Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa

La guerra è sempre più informatica /4



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-05-2022]

war4

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
La guerra è sempre più informatica

In questa raffica di novità tecnologiche della guerra informatica non poteva mancare l'intelligenza artificiale. Facebook e Twitter hanno segnalato e bloccato una campagna di disinformazione e di hacking ai danni dei giornalisti, del personale militare e dei funzionari pubblici locali in Ucraina. Questa campagna creava dei finti articolisti ucraini, che scrivevano notizie negative sul paese, e dava loro dei volti creati con l'intelligenza artificiale.

Le campagne di disinformazione provenienti dai canali russi, come RT, Sputnik e Ruptly hanno spinto Google a bloccare i loro canali YouTube in tutta Europa. Lo stesso stanno facendo Apple, Spotify, Facebook, TikTok e Microsoft in seguito all'annuncio della Commissione Europea di voler bandire dall'Unione Europea "la macchina mediatica del Cremlino".

È un provvedimento che molti vedono come una forma di censura e contestano, dicendo che dovrebbero essere liberi di scegliere come informarsi, ma è un'obiezione che non tiene conto dell'altro protagonista informatico di questa guerra: gli algoritmi, specificamente quelli di YouTube e Facebook che fanno sì che se un utente comincia a guardare qualche video di RT o Sputnik gli verranno proposti altri video dello stesso tipo e della stessa fonte e alla fine si troverà sommerso dalla disinformazione senza che gli vengano suggeriti altri punti di vista.

Allo stesso tempo, però, questo blocco pone anche un problema giornalistico notevole: come fa un giornalista a documentare cosa viene effettivamente trasmesso su questi canali, se non li può vedere? In realtà sono perfettamente visibili, se ci si tiene: basta infatti usare un software di VPN che faccia sembrare che ci si trovi al di fuori dell'Europa. Ovviamente servono giornalisti in grado di usare una VPN e non solo capaci di cliccare sull'icona di YouTube, ma questa è un'altra storia.

Le armi informatiche in questo conflitto includono anche delle tecniche classiche, come il denial of service, ossia l'intasamento dei siti più significativi dell'avversario in modo da impedirne l'uso. Sono stati messi offline in questo modo numerosi siti, compreso quello del Cremlino, quello dell'agenzia spaziale Roscosmos e quello dell'agenzia di notizie russa TASS. Quest'ultimo è stato colpito anche con un defacement, ossia il suo contenuto è stato proprio alterato, facendo comparire un messaggio contro la guerra, visibile a qualunque cittadino russo che visitasse il sito.

C'è anche il, come dire, denial of product: si sta continuamente allungando l'elenco di aziende del settore tecnologico e informatico che rifiutano di esportare i propri prodotti verso la Russia: Apple ha interrotto tutte le vendite dei propri prodotti nel paese, AMD, Intel, Dell, HP e Lenovo stanno facendo altrettanto, e colossi nei servizi informatici per le aziende come Oracle e SAP hanno sospeso le proprie attività nella Federazione Russa.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Radio a onde corte: davvero?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 44)

No, non l'ho scelto io ma forse è anche un po colpa mia se c'è finito... :roll:
12-6-2022 19:04

Non esagerare, mica lo hai scelto tu Di Maio come Ministro degli Esteri :twisted:
12-6-2022 18:30

Ognuno ha ciò che si merita direi... se vede che noi ce meritiamo i cretini reali anzi Reali! :wink:
11-6-2022 15:21

quanto è indietro la propaganda russa, da noi altro che intelligenze artificiali, abbiamo fior di cretini reali pronti a spacciare per scoop giornalistici immagini di videogiochi, film, guerre di altri luoghi e altri tempi e tutto il pattume che riescono a raccattare in rete :rolling: :rolling: :rolling:
9-6-2022 17:55

Ci sono ancora trasmissioni, quelle in onde lunghe la notte, ancora radioamatori, quelli ucraini stanno acquisendo popolarità, per i russi che usano i walkie talkie, coprendosi di ridicolo. la banda di emergenza degli aerei, oppure quella della capitaneria di porto, oppure le comunicazioni radio tra navi, esiste ancora un mondo, piccolo... Leggi tutto
25-5-2022 12:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (786 voti)
Dicembre 2022
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 dicembre


web metrics