TIM, dalla privatizzazione alla semi-nazionalizzazione

Lo Stato potrebbe presto lanciare un'OPA su TIM tramite la Cassa Depositi e Prestiti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-11-2022]

Per uno dei paradossi della storia italiana è stata la sinistra a privatizzare Telecom Italia nel 1998 - con il primo governo Prodi in cui erano presenti, per la prima volta, i diessini ex comunisti - e sembra invece che sarà la destra, con il primo governo Meloni di Fratelli d'Italia, erede del Movimento Sociale Italiano, a riportarla sotto il controllo dello Stato.

Finora solo i 5 Stelle avevano ipotizzato questa soluzione, che oggi verrebbe attuata da un governo di cui sono l'opposizione.

Nel 1998 Telecom Italia, di proprietà a larga maggioranza dell'IRI, era monopolista assoluta della telefonia fissa (c'era solo il duopolio TIM/Vodafone nel mobile): non aveva concorrenti nemmeno nella prima rete a fibre ottiche Socrate, né aveva debiti, ma era forte di più di centomila dipendenti.

Oggi TIM ha moltissimi concorrenti: non soltanto ci sono tre grandi reti mobili, nonché diverse reti a banda larga di cui una a controllo pubblico, ma l'azienda ha più di venti miliardi di euro di debiti, è scesa a circa 46.000 dipendenti (quasi tutti in contratto di solidarietà con riduzione dell' orario di lavoro), e ne vuole esodare a proprio carico circa altri 4.000.

L'Offerta Pubblica di Acquisto a cui pensa il governo Meloni sull'intero capitale toglierebbe TIM dalla Borsa, dove peraltro essa è sempre stata dal 1963, perché non è mai stata interamente statale, come invece la maggior parte delle società telefoniche è stata in Francia, Inghilterra e Germania fino agli anni '80 dello scorso secolo.

L'OPA non sarebbe lanciata direttamente ed esclusivamente dalla sola Cassa Depositi e Prestiti: se così fosse, i 20 miliardi di euro di debiti di TIM, più i 5-6 miliardi di euro dell' OPA, potrebbero apparire un ulteriore appesantimento del bilancio dello Stato.

Inoltre, il momento ora è favorevole: l'OPA può essere lanciata adesso proprio perché il titolo TIM non è mai sceso così in basso come negli ultimi mesi.

Il nuovo azionista pubblico potrebbe quindi procedere a spezzettare TIM in più parti, per poi cercare di vendere la parte commerciale, separata in Enterprise e Consumer, mentre la Rete per ragioni di sicurezza nazionale rimarrebbe alla CDP che oggi controlla anche con Terna la rete elettrica e con SNAM la rete del gas.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (3)

Su questa vicenda non ho più parole, dopo aver venduto un'azienda sana e in attivo a dei pescecani che in anni l'hanno spolpata e caricata di debiti e di esuberi in larga parte esodati a carico dello stato, ora lo stato se la vuole ricomprare accollandosi i debiti - non credo certo che riuscirà a ricomprarsela in altro modo - per poi... Leggi tutto
28-11-2022 18:49

{Sergio_C}
Sono del parere che le tanto sbandierate privatizzazioni volute dalla sinistra siano state un enorme fallimento dal punto di vosta dei servizi e dei costi, nei vari settori (hanno fatto cartello e gestito tutto al rialzo). Ritengo che lo Stato debba avere il controllo sulle attività strategiche per il Paese come le comunicazioni,... Leggi tutto
27-11-2022 13:38

{tarlluccievino}
Siamo proprio un popolo di beoti, presi in giro dai nostri stessi amministratori, quasi tutti incompetenti, lobbizzati (si dice così adesso) o semplicemente indifferenti. Alla fine l'azienda sarà divisa così: le parti commerciali che lucrano andranno a francesi e altri esteri (come già accade per la... Leggi tutto
10-11-2022 11:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto è importante la fotocamera in un tablet?
La fotocamera nel tablet? Ma a che serve?
E' importante ma non essenziale, potrei farne tranquillamente a meno.
E' fondamentale: non comprerei mai un tablet senza una buona fotocamera, o meglio ancora due.
Non ho un tablet e non mi sono mai posto il problema.

Mostra i risultati (2219 voti)
Dicembre 2022
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 9 dicembre


web metrics