Microsoft: serve una Convenzione di Ginevra digitale

Altro che IA: secondo il CEO Satya Nadella, la vera minaccia sono gli hacker.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-02-2024]

microsoft convenzione ginevra digitale hacker russ

La vera minaccia tecnologica del prossimo futuro non è la possibilità che da tutti gli esperimenti in corso emerga una Intelligenza Artificiale avversa all'umanità, ma l'attività degli hacker.

Ad avere questa opinione è Satya Nadella, CEO di Microsoft, che l'ha espressa in un'intervista alla NBC durante la quale ha affrontato diversi argomenti, compreso l'attacco recentemente subito dall'azienda e portato da alcuni pirati informatici.

Una volta ammesso di essere rimasta vittima dell'attacco, Microsoft ha anche provveduto a individuare i colpevoli nel gruppo russo Cozy Bear, il quale sarebbe riuscito a ottenere e mantenere per un mese l'accesso alla rete interna del gigante, alla fine dello scorso anno.

La violazione è riuscita a causa di una configurazione dei sistemi di Microsoft che lasciava molto a desiderare sul fronte della sicurezza e all'uso, da parte di alcuni dipendenti, di password sin troppo facili da indovinare: una volta compromessi alcuni account in diversi dipartimenti, gli hacker sono riusciti ad accedere a documenti e comunicazioni interne.

Non è però delle modalità dell'attacco o delle debolezze della sua azienda che Nadella ha parlato. Invece, su richiesta dell'intervistatore - che ha sottolineato l'affidamento sui sistemi di Microsoft che fa il Congresso americano - Nadella ha puntato il dito sui gruppi di hacker più importanti, e specialmente contro quelli che lavorano per i governi.

«Quando si ha per avversario uno Stato o una nazione» - ha dichiarato - «si passa a un livello superiore».

«Sono contento che abbiamo almeno la capacità di rilevare ciò che stanno facendo in termini di cyberattacchi» ha aggiunto Nadella, per poi avanzare una proposta.

Egli ritiene infatti che i tempi siano maturi per invocare una Convenzione di Ginevra digitale, per stendere la quale vorrebbe vedere intorno a un tavolo innanzitutto i rappresentati di Stati Uniti, Russia e Cina.

Qualora non si arrivasse a stabilire una serie di regolamenti condivisi sul modo di condurre la "guerra digitale", si rischia che un cyberattacco portato da una nazione contro un'altra abbia conseguenze particolarmente serie, soprattutto sui civili, tanto da «guastare irreparabilmente l'ordine mondiale».

A dire la verità, è sin dal 2017 che Microsoft spinge per un accordo internazionale di questo tipo: essersi trovata in una posizione molto imbarazzante in tempi recenti deve averla spinta a recuperare la vecchia proposta - che peraltro riguarda un problema non immaginario - forse anche per cercare di sviare l'attenzione dalle proprie carenze in termini di sicurezza.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Storie di hacker, campeggi e libertà
La piastra per capelli col Bluetooth facilissima da hackerare
Adolescente viola i server di Apple nella speranza di farsi assumere
Gli hacker salveranno Linux e la PS3

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Sicuramente e anche per provare a spostare il grosso della spesa derivante dalla gestione corretta di questi aspetti di sicurezza sui conti degli stati. Comunque anche l'uso ed i limiti di autonomia della IA dovrebbero essere ben regolamentati e controllati. Leggi tutto
9-2-2024 18:24

Mi hai tolto le parole dalla tastiera... :wink: Leggi tutto
9-2-2024 18:20

Sono tute refrigerate, per loro il calore non un problema. :ok!: La roba seria sarebbe che secondo l'amministratore delegato di Microsoft, i russi hanno scorrazzato dentro Microsoft per un mese intero, la ditta che fornisce il congresso degli stati uniti :what: e immaginiamoci loro che devono stare li per un mese ad inseguire i... Leggi tutto
6-2-2024 20:01

{Cesare}
La colpa è degli hacker, parola usata in modo errato come sempre, e mai delle aziende che non configurano correttamente i loro sistemi, non li patchano, che non fanno il necessario per mettere in sicurezza i loro sistemi o non costringono gli utenti a sapere le norme base di comportamento. La colpa è sempre degli altri, dei... Leggi tutto
3-2-2024 11:39

{Alberto Piroli}
Benissimo, e poi sarà rispettata come vengono rispettate le attuali quattro più i due protocolli aggiuntivi?
2-2-2024 09:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Un sito Internet richiede che la password sia pi complicata. Cosa fai per ricordarla?
La scrivo su un foglio di carta
Faccio di tutto per memorizzarla
La salvo sul browser e utilizzo il Completamento automatico
La salvo sullo smartphone
La salvo come nota sul computer
Impiego una utility specifica per l'immagazzinamento password

Mostra i risultati (3025 voti)
Febbraio 2024
Flipper Zero non è un gadget per “hackerare tutto”
Windows 11, malfunzionamenti a raffica dopo l'ultimo update
L'attacco informatico con gli spazzolini da denti
Malware di fabbrica nei mini PC venduti su Amazon
Samsung, beccata a barare, la butta sul filosofico
Google dice addio alla cache delle pagine web
LibreOffice 24.2 è pronto per il download
Gennaio 2024
Windows 11, sparisce la barra delle applicazioni
Al posto di Windows 12, un Windows 11 più snello e pieno di IA
IA, clonare le voci per truffare il prossimo è un gioco da ragazzi
No, le auto elettriche non vanno in tilt per il freddo
Errore 0x80070643 in Windows Update: la soluzione è un po' nerd
Rilasciato Scribus 1.6, la soluzione open source per il desktop publishing
Microsoft lancia il tasto Copilot
SSD, prezzi in aumento
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 21 febbraio


web metrics