Yahoo! dice basta al porno

Yahoo! si lancia in una crociata contro la pornografia in rete... anche se non proprio disinteressata. Come sempre sono i soldi a muovere il sistema (in questo caso la paura di perderli).



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-04-2001]

Per lungo tempo Yahoo! ha venduto sul suo sito di ecommerce nella sezione riservata agli adulti materiale pornografico di vario genere, ma prevalentemente filmati. Per un certo periodo poi abbiamo visto sparire quel genere di prodotti, ma nessuno aveva fato particolarmente caso nè all'uno nè all'altro evento. Soltanto in questi giorni, quando Yahoo! ha deciso di tornare a trattare articoli legati al mondo dell'hard, il quotidiano Los Angeles Times ha sferrato un'attacco indignato alle politiche commerciali di Yahoo! il quale si è ritrovato sotto l'accusa del pubblico e alle prese con un fitto bombardamento di lamentele da parte di navigatori della rete.

Il famoso portale Internet si è visto così costretto ad adottare drastici provvedimenti, togliendo dal suo negozio online quei prodotti che vendevano così bene e che tempo addietro non avevano generato alcun clamore di sorta. Ma, si sa, gli americani sono abituati a fare le cose in grande, per cui a Yahoo! non poteva bastare il ritiro dal commercio della mercanzia per ritenere di essersi riabilitato. Ecco allora che i vertici del sito Internet più noto d'america hanno ribaltato la situazione a loro favore, divenendo i portavoce di una crociata antipornografia: in questi giorni verranno infatti eliminati tutti i riferimenti a prodotti o siti che trattano materiale vietato ai minori, siano essi contenuti nel negozio online di Yahoo!, nella sezione aste o in qualsiasi altra parte, compresi i banner pubblicitari.

Come si dice... "più che la morale potè la fame"... cioè la paura di perdere utenti e, con essi, i preziosi introiti derivanti da investitori pubblicitari e mercati finanziari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1988 voti)
Maggio 2021
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Bye bye, Emotet
Bambini e smartphone, 1.500 euro di multa ai genitori che non li sorvegliano
Aprile 2021
Office manda in pensione Calibri: quale nuovo font preferite?
Windows 10, arriva l'Eco Mode per far tornare scattante il Pc
Microsoft pronta a lanciare Cloud PC, il desktop in streaming
Aggiornamento Windows 10, problemi di tutti i tipi
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 10 maggio


web metrics