Partito Pirata, duecentomila voti e un seggio in Parlamento

In Svezia il Piratpartiet ha ottenuto il 7,1% dei voti riuscendo ad aggiudicarsi un seggio nell'Europarlamento. Nel programma l'abolizione dei brevetti, la riforma del copyright e la difesa della privacy.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-06-2009]

Partito pirata 7,1% un seggio all'europarlamento

Dei 18 deputati all'Europarlamento che spettano alla Svezia, uno è un "pirata": il Partito Pirata svedese è riuscito a raccogliere il 7,1% delle preferenze, diventando la quarta forza politica del Paese.

Il capolista del Piratpartiet, Christian Engstrom, è tanto entusiasta da definire "fantastico" il risultato raggiunto, e a ragione: alle elezioni politiche dello scorso gennaio la sua formazione aveva ottenuto solo lo 0,6%.

A guidare in questa direzione le preferenze degli elettori svedesi hanno probabilmente contribuito sia la condanna inflitta a The Pirate Bay (che con il partito non ha alcun legame diretto, anche se le connessioni almeno a livello ideale sono evidenti) sia l'entrata in vigore della legge antipirateria Ipred, che permette ai detentori dei diritti di farsi consegnare dagli Isp igli indirizzi Ip dei condivisori.

La missione del rappresentante dei pirati svedesi a Strasburgo consiste nel raggiungere tre obiettivi: garantire il rispetto della privacy scongiurando il pericolo della censura, abolire i brevetti (con un'attenzione particolare a quelli farmaceutici) e riformare la legge sul diritto d'autore, la cui durata non dovrebbe superare i 5 anni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

Il Partito Pirata Italiano esiste da anni[/url] e il fondatore si è anche [url=http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=10208]candidato alle europee, senza essere eletto purtroppo.
11-6-2009 11:05

{Robert}
Facciamo il partito Pirata anche in Italia Leggi tutto
11-6-2009 02:39

{marco}
finalmente!!! Leggi tutto
9-6-2009 14:24

E' una splendida notizia. Il copyright nasce per i motivi giusti e vive in maniera sbagliata. Nasce per i motivi giusti (in una certa accezione) perche' il problema che si era posto qualcuno era quello della CONOSCENZA era per favorire la CONOSCENZA e il progresso intellettuale in genere. Il discorso era: ma se uno si spacca la schiena... Leggi tutto
9-6-2009 14:10

#-o :dho: Leggi tutto
9-6-2009 13:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3627 voti)
Settembre 2019
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
Tutti gli Arretrati


web metrics