Intel e nVidia si accordano per 1,5 miliardi di dollari

Le due aziende sotterrano l'ascia di guerra: per sei anni condivideranno i brevetti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-01-2011]

Accordo Intel nVidia 1,5 miliardi dollari brevetti

Intel e nVidia hanno stretto un accordo del valore di 1,5 miliardi di dollari: tanti ne verserà la prima alla seconda per accedere alla tecnologia di quest'ultima nei prossimi sei anni.

Intel avrà dunque pieno accesso a tutti i brevetti utilizzati per creare le GPU nVidia, mentre questa potrà utilizzare solo alcuni dei brevetti di Intel: lo scopo del miliardo e mezzo di dollari è compensare la differenza di trattamento.

Come parte dell'accordo le due aziende hanno anche deciso di lasciare cadere ogni contenzioso legale che fino a oggi le contrapponeva.

Le due aziende sono infatti contrapposte in tribunale sin dai primi mesi del 2009, quando Intel affermò che l'alleanza esistente allora non copriva i processori di ultima generazione, impedendo di fatto la collaborazione sulle tecnologie più recenti.

Da allora nVidia non ha più potuto realizzare chipset x86 per processori più recenti del Core 2 Duo (ossia le serie i3, i5 e i7): tale divieto è tuttora esistente ma il CEO di nVidia, Jen-Hsun Huang, ha specificato che la sua azienda no è più interessata a questo mercato.

D'altra parte, Huang è convinto che l'architettura del futuro sia quella ARM, grazie alla base installata sempre più ampia che questi processori stanno avendo tramite gli smartphone e i tablet: in questo campo, nVidia è estremamente attiva, tanto da fornire l'hardware interno ai tablet di LG e Motorola.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto sei dipendente dal tuo smartphone?
Non posseggo uno smart phone.
Spesso lo dimentico e quando lo porto con me a volte lo lascio o lo dimentico spento.
Lo utilizzo con una certa frequenza, ma ne potrei fare a meno.
Per lavoro un compagno inseparabile, ma alla sera e nei week-end lo spengo volentieri.
Lo porto sempre con me: senza mi sentirei incompleto.

Mostra i risultati (4264 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics