Doom 3, il codice adesso è open

id Software ha rilasciato il codice sorgente del motore sotto licenza GPL 3.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-11-2011]

doom 3 open source

Mentre la Germania festeggia soltanto ora l'arrivo di Doom e Doom II, il motore di Doom 3 diventa open source.

John Carmack, fondatore di id Software, ha annunciato su Twitter che il codice sorgente del videogioco è ora disponibile sotto licenza GPL (versione 3).

Nel codice distribuito mancano però i dati di gioco, ancora coperti dalla licenza originale, e il sistema studiato da Carmack per il rendering delle ombre: nonostante la paternità di questo sistema sia riconosciuta al creatore di Doom, l'algoritmo è protetto da un brevetto registrato da Creative.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il Captcha basato su Doom
Doom si arrende ai pirati
Giocare a Doom sul display della stampante

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

{paolo_del_bene}
perchè non dite a Richard Matthew Staqllman che la GNU Genral Public License Version 3 è una licenza open source ?non è una licenza open source, così come non lo è la GNU Genral Public License VErsion e la GNU General Public License Version 1.anzi si può affermare che la GNUGeneral Public License Version 3,... Leggi tutto
30-12-2011 02:02

Beh, ritengoche per arrivare a capire algoritmi grafici così sofisticati a partire dal codice e senza una buona dose di modelli e tecniche teoriche di supporto bisogna probabilmente essere più bravi di John stesso!! In bocca al lupo!
28-11-2011 19:27

miseria però che bachi!!! :shock:
28-11-2011 13:36

è una fonte infinita per apprendere, sto spulciando il codice, ovviamente non a partire dal main ma vado per argomenti specifici, del tipo "come carica gli assets? come gestisce il rendering? come ha scritto il proprio sistema di scripting? etc.." qui due link interessanti: link[/url]... Leggi tutto
26-11-2011 10:07

ed ora che hai la tua fork, che ne fai? sono piuttosto curioso a riguardo :)
25-11-2011 16:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1291 voti)
Settembre 2021
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 20 settembre


web metrics