Il primo porno girato coi Google Glass

Arriva su YouTube il primo filmato a luci rosse e realtà aumentata, realizzato con gli occhiali creati a Mountain View.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-07-2013]

google glass porno

A Google l'idea non è mai piaciuta, ma forse era inevitabile che accadesse: dopo la proposta di matrimonio e l'intervento chirurgico, è arrivato il primo film per adulti girato coi Google Glass.

In realtà non si tratta di un vero e proprio film quando più di una sorta di trailer (non adatto ai minori) che illustra le possibilità di quanto si possa fare in questo campo con i Google Glass.

L'idea è venuta all'americana MiKandi, specializzata in contenuti per adulti e che già aveva provato a pubblicare un'app per i Glass; il software era stato rimosso da Google, e MiKandi ha deciso di prendere un'altra strada: utilizzare gli occhiali per girare video. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (5386 voti)
Leggi i commenti (44)
Il filmato, disponibile su YouTube in quanto in realtà non mostra quasi nulla, è a metà strada tra il pornografico e il comico, e viene il dubbio che MiKandi mirasse innanzitutto a prendere in giro Google e i suoi divieti.

Nel video, i protagonisti (due attori famosi nel mondo del porno) usano i Glass per identificare le persone che incontrano, scoprire marca e modello delle scarpe o del reggiseno, e anche adoperare l'immaginaria funzione pornify o la visione a raggi X.

Che in futuro i Google Glass - non appena arriveranno davvero in commercio - possano essere utilizzati per girare veri film a luci rosse è una possibilità che è tutt'altro che difficile prevedere; dopotutto, come ha spiegato Jesse Adams, amministratore delegato di MiKandi, «Google è contraria all'idea di vendere app a sfondo erotico, quindi potrebbe essere impossibile acquistare contenuti di questo genere per i Google Glass. Ma al momento nulla vieta di utilizzare gli occhiali per girare video da guardare e scambiare sul web».

Qui sotto, il video di MiKandi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Scarica cartoni animati per l'asilo ma era un porno

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Non fosse bastato quello, il protagonista maschile in seguito è stato travolto dagli scandali sulle violenze commesse ai danni di colleghe e partners, quindi certo il committente non avrebbe voluto comunque dargli troppa enfasi.
3-7-2022 16:42

dopo averlo riguardato mi sento di cambiare la mia precedente valutazione, non è satirico, è proprio comico/demenziale... Leggi tutto
3-7-2022 11:47

L'intento era autopromuoversi nel mercato delle app per adulti, ma poi Google ha dato loro l'ostracismo e tanto è bastato per far fallire il tentativo. Si ammicca molto ma si combina poco :wink: Leggi tutto
28-6-2022 09:43

Beh, non parliamo di cosa accadrà con la versione consumer (non ancora prodotta) di Oculus Rift allora!
5-1-2015 13:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la cosa che ti spaventa di più tra queste?
(Confronta i risultati con i timori degli abitanti negli USA nel 2014)
La clonazione della mia carta di credito.
Essere vittima di furto di identità.
Un attentato terroristico nella mia città.
L'accesso al mio conto bancario online da parte di malintenzionati.
Essere colpito da un malware informatico.
Un'epidemia sanitaria come l'ebola o l'aviaria.
La difficoltà a tirare avanti finanziariamente.
L'aumento del crimine.

Mostra i risultati (2314 voti)
Settembre 2022
La “tanica di benzina” per le auto elettriche
La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet
LibreOffice diventa a pagamento
2022, fuga dall'open source
Dati a spasso nel cloud
Di chi sono i tuoi dati quando muori?
Smartphone, l'UE vuole pezzi di ricambio disponibili per almeno 5 anni
Ex designer di Microsoft demolisce il menu Start di Windows 11
Auto Hyundai “hackerata”
Agosto 2022
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici
DuckDuckGo, la protezione delle email è per tutti
Il computer portatile economico che fa a meno del monitor
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 settembre


web metrics