Scarica cartoni animati per l'asilo ma era un porno

Un'insegnante si fida del nome indicato da eMule e lascia i bambini davanti a un film pornografico.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-01-2013]

emule porno insegnante asilo

Sin dagli albori del peer to peer tutti sanno che non ci si deve fidare ciecamente di ciò che si scarica dalla Rete. O meglio, tutti dovrebbero saperlo.

Un'insegnante francese di scuola materna evidentemente non lo sapeva e con estremo candore ha deciso che il modo più pratico per ottenere un cartone animato da proporre ai propri bambini (tra i 3 e i 5 anni) fosse rivolgersi al mondo della pirateria online. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Dove guardi le tue serie Tv preferite?
Alla TV
Sul PC
Sul tablet
Sullo smartphone

Mostra i risultati (2435 voti)
Leggi i commenti (12)
Ha così avviato il proprio client peer to peer preferito (eMule, stando a quanto riportano i giornali locali) ha scaricato il file con il nome corrispondente al cartone che cercava, ha avviato la riproduzione ma s'è dovuta subito assentare per rispondere a una telefonata, certa che i bambini fossero tranquilli a godersi lo spettacolo.

Cinque minuti dopo è tornata. Ha così scoperto di aver lasciato la classe davanti alle prime scene di un film porno che, come capita di tanto in tanto, qualcuno avevano rinominato con un nome innocuo prima di immetterlo nel circuito peer to peer.

recherche disney
Una ricerca apparentemente innocua (per quanto pirata).

La vicenda è ovviamente arrivata alle orecchie dei genitori, i quali affermano che i bambini sono rimasti traumatizzati da ciò che hanno visto; la scuola ha definito l'intera vicenda come un «incidente estremamente increscioso».

Chi conosce eMule non si stupisce: i file sono identificati da un hash univoco che permette di rintracciarli anche quando il nome è diverso; ciò spiega perché un titolo che rimanda a un cartone animato possa invece nascondere contenuti di tutt'altro genere.

colorsofsex
Ciò che nasconde in realtà.

È sempre per questo motivo che chi adopera eMule apprezza l'utilità del menu contestuale che permette di vedere i vari nomi attribuiti al singolo file. Il problema è che l'insegnante, con tutta probabilità, non lo sapeva.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita.

Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Scuola, hackerare i voti sul registro? In Italia è facile
Operatore di nodo TOR accusato di pedoporno
Internet, sempre più teenager tengono i genitori all'oscuro
Ragazza violentata, filmata e ricattata: due arresti a Crema
E la beneficenza incontrò la pornografia
Domini .XXX, nessuno li visita
Niente copyright sul porno
2011, "ita" è il termine più cercato sui Torrent
Se Facebook si trasforma in un sito porno
Film porno sugli aerei? No, trovata pubblicitaria
C'è meno porno sul web
Parlamentare beccato a guardare porno in Parlamento
L'industria del porno contro i domini .XXX
Penthouse, la prima TV porno tutta in 3D
Per uno scherzo su YouTube rischia 20 anni di carcere
Rubava foto di nudo violando gli account Facebook
Gli ISP europei contro i filtri sulla pedopornografia
Facebook fa causa a Faceporn
Il porno si ribella ai pirati

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Chiaramente i bimbi erano traumatizzati... Gli unici fatti gravi di questa storia sono che una maestra ha lasciato i bambini da soli per 5 minuti e che i bambini hanno i genitori che si ritrovano...
21-1-2013 11:56

@Danielix Soprattutto che il "cavolo" non è quello dell'ortolano... :lol: :lol: :lol: Ciao
21-1-2013 06:29

'azz che tragedia irreversibile... Tutti quei poveri bambini innocenti hanno scoperto che non è vero che li ha portati la cicogna.
21-1-2013 00:06

Il cartone animato vero però!!! :lol:
20-1-2013 20:49

Magari nello stesso momento il marito si guardava un cartone animato scaricato con il mulo! :lol: :lol: :lol: Ciao
20-1-2013 20:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa pensi dei siti che conoscono la tua ubicazione e che ti mostrano annunci pubblicitari in base ai siti Internet che visiti o alla cronologia delle tue ricerche?
Mi piace! È molto comodo
Non mi piace molto questo meccanismo ma Internet funziona così
Utilizzo opzioni specifiche del browser per salvaguardare la mia privacy e per evitare che i miei movimenti vengano controllati
Ho installato una speciale applicazione o un plug-in per evitare che i siti Internet ottengano la mia cronologia di navigazione e le mie ricerche
È una questione che non mi ha mai interessato

Mostra i risultati (2045 voti)
Gennaio 2022
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 gennaio


web metrics