La musicassetta compie cinquant'anni

Un tempo era il mezzo principale per ascoltare musica e registrare i primi programmi su home computer. E ancora viene prodotta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-08-2013]

musicassetta cinquanta anni

Cinquant'anni: tanti ne sono passati dall'apparizione della prima musicassetta, giunta sul mercato nel 1963 a opera della Philips.

Al giorno d'oggi è una reliquia del passato, e non può nemmeno godere della nobiltà di cui, tra i supporti per la musica, è ammantato il vinile: la qualità dell'audio non è certo eccezionale (a parte quelle di qualità elevata ma non certo di uso comune).

Piccole, economiche, sono state per trent'anni - ben oltre l'arrivo del CD, nei primi anni '80, che ha faticato a imporsi - il modo d'elezione per ascoltare e condividere la musica, ma non solo: chi non ricorda gli home computer - come il Commodore 64, per fare un esempio - che proprio alle cassette si affidavano più spesso per il salvataggio dei programmi?

Per molti, la cassetta è stata poi il primo mezzo per darsi alla pirateria, registrando dai vinili, copiando altre cassette o registrando dalla radio e scambiandosi le compilation così realizzate con gli amici.

L'"operazione nostalgia" potrebbe continuare, ma in realtà l'epoca delle cassette non è completamente conclusa: se alla fine del 2012 Sony ha deciso di sospendere la produzione dei registratori a cassette (dopo aver sospeso quella dei Walkman nel 2010), negli USA c'è un'azienda che sta facendo della mancanza di concorrenza in questo settore la propria fortuna.

Sondaggio
Qual è il prodotto che più ti attira tra questi?
Un lettore di ebook
Uno smartphone di ultima generazione
Un tablet o pad
Un navigatore satellitare
Un lettore Mp3 e/o video (portatile o da salotto)

Mostra i risultati (4554 voti)
Leggi i commenti (4)

La National Audio Company di Springfield, nel Missouri, ne produce 100.000 ogni giorno, e sostiene che gli affari non andavano così bene nemmeno quando il nastro magnetico dominava incontrastato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Clubhouse, il social network della voce spopola: adesso preferiamo parlare?
La rivincita delle musicassette
Highway Hi-Fi, il mangiadischi per l'autoradio
Sony, addio al Walkman per tornare a crescere: 4 miliardi nel 2018
L'hard disk garantito per durare un milione di anni
Sony, addio a mangianastri e registratori a cassette
Sony dice addio ai Walkman

Commenti all'articolo (3)


Nostaligia :( Che se oggi metti una penna o una matita e una musicassetta in mano ad un ragazzino non capisce :( Vabbè la tecnologia evolve, era palloso mandare indietro sempre il nastro... alcuni registratori scadenti non cancelalvano correttamente il nastro e ti si fondeva l'audio e il fruscio era spesso troppo alto :D Cmq mitiche... Leggi tutto
15-8-2013 16:25

Complimenti alla NAC. E' il caso di dire "chi la dura la vince". :lol:
14-8-2013 17:08

{Kris}
Qui ci sono alcune foto delle primissime cassette in commercio, diverse da quelle più diffuse e conosciute: link[/url] [url=http://forum.zeusnews.com/link/127248]link
13-8-2013 21:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A quali condizioni lavoreresti da casa anziché in ufficio?
Accetterei uno stipendio inferiore perché risparmierei sui trasporti e in tempo.
Vorrei uno stipendio maggiore perché l'azienda risparmierebbe su locali, strumenti, sicurezza.
Allo stesso stipendio.
Non rinuncerei al lavoro in ufficio per nulla al mondo.

Mostra i risultati (2520 voti)
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Fregare Big Pharma con il vaccino
Tutti gli Arretrati


web metrics