Samsung svetta su tutti i concorrenti

Android, un sistema frammentato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-10-2013]

01 frammentazione dispositivi

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Android, un sistema frammentato

Il sito OpenSignal ha provato a fare un po' di conti e cercato di quantificare la frammentazione di cui abbiamo parlato sinora, scoprendo così per esempio che al 2013 ci sono in circolazione 11.868 diversi tipi di dispositivi Android, il 47,5% dei quali porta il marchio di Samsung.

L'azienda coreana riscuote infatti un successo pressoché assoluto e può non solo vantare il proprio Galaxy S III come il dispositivo Android attualmente più utilizzato, ma conquista anche la seconda posizione con il Galaxy S II, la terza con il Galaxy Note II, la quarta con il Galaxy Y e la quinta con il Galaxy S4. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Che cos'è che valuti maggiormente quando acquisti uno smartphone?
La dimensione dello schermo
Il processore
La durata della batteria
Il prezzo
La velocità di connessione

Mostra i risultati (3831 voti)
Leggi i commenti (15)
Dal punto di vista della popolarità dei marchi, se Samsung è ovviamente in cima alla classifica, al secondo posto troviamo Sony Ericsson; la distanza però è notevole, se si pensa che la quota di mercato di questa azienda è appena del 6,5%.

Nel grafico, alcune aziende sono visualizzate con i diversi nomi con cui si presentano (per esempio Motorola e Moto, o HTC nelle sue diverse varianti regionali), ma anche raggruppando le varie parti si ottengono percentuali minime: Motorola ammonta al 4,2%, HTC al 3,9%.

02 frammentazione marchi

Per quanto riguarda la coesistenza di più versioni del sistema, la situazione non è per nulla più compatta: dalla versione 1.1 in avanti ognuna ha avuto ancora qualcosa da dire negli ultimi 3 anni e, attualmente, le versioni dalla 2.1 a seguire sono ancora in attività, sebbene le più vecchie stiano lentamente uscendo di scena.

02 frammentazione versioni

Il confronto con iOS rende la situazione ancora più chiara: se la maggioranza assoluta (il 95%) dei dispositivi con la Mela monta iOS 6 e solo pochissimi le altre versioni (e nei prossimi mesi assisteremo a un passaggio massiccio verso iOS 7), nel mondo Android c'è sì una versione dominante - Android 4.1 Jelly Bean - ma con il 32,3% dei dispositivi.

03 frammentazione versioni vs iOS

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Troppi schermi, un incubo per gli sviluppatori

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Un miliardo di smartphone Android nel 2014
Addio Android, benvenuto Tizen

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)


@pentolino hai ragione, ho omesso che a penso il discorso dell'articolo sia a tema schermi perché l'utente medio non comprenderebbe altro, del resto questo tipo di semplificazioni giornalistiche è decisamente "pericoloso"... @{W3C_PDB} Non sono interessato a Replicant perché non sono interessato ad Android. Apprezzo la sua UI... Leggi tutto
15-11-2013 15:55

{W3C_PDB}
@spacexplorer ringrazio per la risposta, ma anzichè dire a me queste cose, perchè non hai letto link[/url] ? Perchè non segui irc.freenode.net #replicant ? Parleresti direttamente con lo sviluppatore paulk-desktop (Paul) e con GNUtoo (Denis). Inoltre ti rendo noto che ultimamente la Free Software Foundation, mi ha chiesto chi... Leggi tutto
12-11-2013 03:32

@spacexplorer Sono d'accordo, ma appunto limitavo la mia considerazione agli schermi; personalmente odio il bloatware che citi e per questo o prendo Nexus o installo una ROM priva di quelle porcherie. Lo sviluppo drag and drop, soprattutto se corroborato dalla mitica frase "nessuna competenza di programmazione necessaria" è... Leggi tutto
11-11-2013 10:57

Non ci siamo capiti: io sostengo che le lamentele non siano per le diverse risoluzioni e dimensioni fisiche degli schermi ma per le diverse versioni dell'ambiente in cui l'app gira. Samsung ha la sua distro di Android, TouchWiz; HTC ha la sua "Sense", Motorola (h)a(veva) la sua MotoBlur ecc senza dimenticare le ulteriori... Leggi tutto
11-11-2013 10:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1229 voti)
Gennaio 2020
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Tutti gli Arretrati


web metrics