Quattordicenne arrestata per cyberbullismo su Facebook

Avrebbe indotto al suicidio una ragazzina di 12 anni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-10-2013]

M cyberbullismo

Alcune settimane fa una ragazzina americana di 12 anni, Rebecca, si suicidò gettandosi nel vuoto in un cementificio abbandonato.

Le indagini appurarono subito come negli ultimi tempi la ragazza fosse stata vittima di bullismo su Facebook: molti messaggi da lei ricevuti contenevano frasi quali «Perché sei ancora viva?» e Ucciditi».

Gli investigatori individuarono 15 ragazze di diversa età quali potenziali carnefici e i loro computer e cellulari furono sequestrati. L'ultimo messaggio scritto dalla dodicenne sul social network era: «Mi butto, non ce la faccio più». L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quale di questi consigli daresti per primo a tuo figlio?
Comunica solo con persone che conosci.
Non condividere messaggi o immagini offensive.
Scegli un nome utente appropriato.
Non condividere informazioni personali.
Seleziona le foto con attenzione.
Ricorda che tutto ciò che condividi è permanente.
Segnala tutto ciò che ti mette a disagio.
Il mio consiglio è un altro: lo esprimo utilizzando i commenti nel forum qui sotto.

Mostra i risultati (1731 voti)
Leggi i commenti (31)
Ora le autorità della città in cui è avvenuto il suicidio hanno arrestato una quattordicenne affermando di aver abbastanza prove per stabilire che sarebbe stata proprio lei a dare il via agli episodi di cyberbullismo e a infierire maggiormente sulla vittima, coinvolgendo un'altra dodicenne.

Tra i messaggi pubblicati su Facebook dalla quattordicenne ce n'è uno in cui ammette di aver vessato Rebecca, che per questo si è uccisa, ma afferma anche che la cosa non le interessa.

rebecca
Rebecca

Secondo quanto riportano i giornali locali, tutto avrebbe avuto inizio dopo che la quattordicenne iniziò a uscire con l'ex ragazzo della dodicenne.

La ragazza, arrestata e interrogata, a detta dello sceriffo si è dimostrata estremamente fredda e «non ha mostrato alcuna emozione».

Il padre non crede che la figlia possa essere colpevole di quanto è accusata: «Mia figlia è una brava ragazza e sono sicuro al 100% che qualunque cosa dicano su mia figlia non è vero».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Sedicenne si uccide dopo sondaggio su Instagram
Cyberbullismo, il Parlamento sta snaturando la legge
Una vita da social, la Polizia contro i pericoli del web
Pene più severe per furto di identità digitale e cyberbullismo
Facebook, pulsante "Non mi piace" in arrivo
Quattordicenne suicida, Moige contro Facebook
Facebook, accesso ai minori
Condannato l'autore del Forza Chiara made in USA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1788 voti)
Dicembre 2019
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Tutti gli Arretrati


web metrics