Quattordicenne arrestata per cyberbullismo su Facebook

Avrebbe indotto al suicidio una ragazzina di 12 anni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-10-2013]

M cyberbullismo

Alcune settimane fa una ragazzina americana di 12 anni, Rebecca, si suicidò gettandosi nel vuoto in un cementificio abbandonato.

Le indagini appurarono subito come negli ultimi tempi la ragazza fosse stata vittima di bullismo su Facebook: molti messaggi da lei ricevuti contenevano frasi quali «Perché sei ancora viva?» e Ucciditi».

Gli investigatori individuarono 15 ragazze di diversa età quali potenziali carnefici e i loro computer e cellulari furono sequestrati. L'ultimo messaggio scritto dalla dodicenne sul social network era: «Mi butto, non ce la faccio più». L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quale di questi consigli daresti per primo a tuo figlio?
Comunica solo con persone che conosci.
Non condividere messaggi o immagini offensive.
Scegli un nome utente appropriato.
Non condividere informazioni personali.
Seleziona le foto con attenzione.
Ricorda che tutto ciò che condividi è permanente.
Segnala tutto ciò che ti mette a disagio.
Il mio consiglio è un altro: lo esprimo utilizzando i commenti nel forum qui sotto.

Mostra i risultati (1931 voti)
Leggi i commenti (32)
Ora le autorità della città in cui è avvenuto il suicidio hanno arrestato una quattordicenne affermando di aver abbastanza prove per stabilire che sarebbe stata proprio lei a dare il via agli episodi di cyberbullismo e a infierire maggiormente sulla vittima, coinvolgendo un'altra dodicenne.

Tra i messaggi pubblicati su Facebook dalla quattordicenne ce n'è uno in cui ammette di aver vessato Rebecca, che per questo si è uccisa, ma afferma anche che la cosa non le interessa.

rebecca
Rebecca

Secondo quanto riportano i giornali locali, tutto avrebbe avuto inizio dopo che la quattordicenne iniziò a uscire con l'ex ragazzo della dodicenne.

La ragazza, arrestata e interrogata, a detta dello sceriffo si è dimostrata estremamente fredda e «non ha mostrato alcuna emozione».

Il padre non crede che la figlia possa essere colpevole di quanto è accusata: «Mia figlia è una brava ragazza e sono sicuro al 100% che qualunque cosa dicano su mia figlia non è vero».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3548 voti)
Giugno 2022
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Apple, Google e Microsoft svelano il sistema che eliminerà le password
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 giugno


web metrics