Popcorn Time, lo streaming via torrent

Permette di vedere anche i film più recenti, in alta definizione e coi sottotitoli.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-03-2014]

popcorn time

L'hanno già definito «il Netflix dei pirati» per la vastità e la qualità del catalogo offerto e per il fatto che i film non sono accompagnati dagli indispensabili accordi di licenza per la distribuzione.

Stiamo parlando di Popcorn Time, un'applicazione - disponibile in beta per Windows, Linux e Mac OS X - che permette di vedere in streaming centinaia di film (con tanto di sottotitoli), compresi molti titoli ancora presenti nelle sale.

La particolarità di questo software è il sistema di distribuzione prescelto: si appoggia infatti al protocollo BitTorrent tramite le API di YTS, riuscendo così a offrire in streaming anche contenuti a 720p e 1080p.

Le fonti dei film sono quindi gli utenti stessi che stanno scaricando e condividendo il medesimo materiale.

L'idea di Popcorn Time è nata nella mente di un programmatore di Buenos Aires - Sebastian - il quale riteneva troppo complicati per essere adoperati dall'utente comune i sistemi (non esattamente legali) per ottenere i film dalla Rete (lo stesso BitTorrent o software come eMule).

«Come progettista amo la sfida della semplificazione. Prendere qualcosa di difficile per l'utente comune e renderlo utilizzabile. Ho un sacco di amici che non capiscono i torrent e volevo rendere semplice l'utilizzo della tecnologia torrent» ha raccontato lo sviluppatore, al quale in seguito si è aggiunta una cinquantina di altre persone, al sito TorrentFreak.

Chiaro che una risorsa del genere sia vista come il fumo negli occhi dalle major e maneggiata con le pinze da chiunque vi abbia a che fare: non è un caso se Mega, che ospitava gli installer, abbia deciso di rimuovere i file.

La ragione per altro non è chiara. Qualcuno parla di una causa avviata dalla MPAA, altri affermano che si tratti di una mossa preventiva. Kim Dotcom, dal canto proprio, fa sapere di non avere idea di che cosa sia successo dal momento che non si occupa più delle attività quotidiane di Mega, essendo impegnato «sul concept di una Internet alternativa, chiamata Meganet, su Babomm e Internet party».

Sondaggio
Qual è il client torrent che utilizzi di più?
µTorrent
Vuze
Opera
Transmission
BitTorrent
Ktorrent
Shareaza
Tixati
MediaGet
qBittorrent
Deluge

Mostra i risultati (2794 voti)
Leggi i commenti (10)

Popcorn Time, che è un progetto open source, cerca di fare il possibile per presentarsi sotto una luce rispettabile dal punto di vista del copyright: il sito contiene un disclaimer che ricorda come «possa essere illegale nel vostro Paese scaricare materiale protetto dal diritto d'autore».

«Non ci aspettiamo problemi legali» sostiene Sebastian. «Non ospitiamo nulla, e nessuno degli sviluppatori ricava del denaro. Non ci sono pubblicità né account premium né canoni di abbonamento né nulla del genere. È un esperimento per imparare e condividere».

Nonostante l'avvertenza, a prima vista Popcorn Time appare tutt'altro che legale: è quindi decisamente sconsigliabile scaricare il software (anche se rimosso da Mega, non è difficile trovare il programma di installazione tramite i motori di ricerca) e adoperarlo.

Quanto agli sviluppatori, nemmeno loro sanno che cosa succedere. «Stiamo discutendo circa il prossimo passo» spiega Sebastian. «Questa potrebbe essere la fine di Popcorn time (ma non della community, è open source!) ma potrebbe essere anche il nostro addio come team».

Pare di capire, insomma, che se anche riuscissero a chiudere Popcorn Time, il codice è ormai disponibile e diffuso: rispunterà da qualche altra parte.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Sony voleva comprare BitTorrent
L'Italia blocca Popcorn Time
Popcorn Time alla conquista di iOS
Popcorn Time abbraccia l'Invisible Internet Project
Popcorn Time adesso è anche un'app
Il Popcorn Time della musica
Zona, il paradiso dello streaming video
Che succede a Popcorn Time?
I torrent in streaming di Popcorn Time sono tornati in vita
In 200mila usano Netflix illegalmente... pagando l'abbonamento
7 cittadini europei su 10 sono pirati
Sky, arriva la TV on demand su PC, tablet e Smart TV
La più grande operazione antipirateria mai realizzata in Italia
30mila utenti multati per aver visto un filmato hard
YouTube a pagamento, ma non per tutti
Torrent su tablet o smartphone? Facile con Streamza

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Il codice è opensource, uno dei vantaggi rispetto al software chiuso è che se anche il team di sviluppo originale cambia idea altri possono partire da dove questi si sono fermati. Nella fattispecie il codice è qui: link[/url] Andrei Alin di Webupd8 ha anche pubblicato [url=http://forum.zeusnews.com/link/140756]un articolo[/url] ed uno... Leggi tutto
14-3-2014 23:20

Anche i prestidigitatori fanno sparire le cose. Ma mica è proprio vero. :wink: Una tecnologia così promettente non può sparire veramente. :D
14-3-2014 23:19

Già sparito? Cioè, le major hanno fatto "BUH!" e quelli se la sono fatta sotto? Ma dovevano ben saperlo che occorrono c0gl1on1 di acciaio!
14-3-2014 22:06

Io lo trovo interessante per ben altre ragioni, del tutto legali: negli ultimi anni la quantità di banda usata dagli utenti finali ed in generale la quantità di roba che si passa via internet è cresciuta esponenzialmente. In un prossimo futuro NON SARÀ PIÙ SOSTENIBILE il classico modello client-server per un mucchio di applicazioni. ... Leggi tutto
14-3-2014 15:04

{Shiba}
@colemar 1. È open source, puoi guardare il codice. 2. Lo installi nella tua Home e la tieni cifrata, così non trovano un bel niente.
14-3-2014 13:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Stai creando un nuovo account su un sito. Come sarà la tua password?
Ho una sola password per tutti i miei account
Ho varie password che uso a rotazione quando devo creare un nuovo account
Ho un template per le password che modifico per ogni account
Creo una nuova password, assicurandomi che sia robusta

Mostra i risultati (1590 voti)
Maggio 2021
WhatsApp, funzionalità ridotte se non si vogliono regalare i dati a Facebook
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Bye bye, Emotet
Bambini e smartphone, 1.500 euro di multa ai genitori che non li sorvegliano
Aprile 2021
Office manda in pensione Calibri: quale nuovo font preferite?
Windows 10, arriva l'Eco Mode per far tornare scattante il Pc
Microsoft pronta a lanciare Cloud PC, il desktop in streaming
Aggiornamento Windows 10, problemi di tutti i tipi
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 14 maggio


web metrics