IFPI, i blocchi in Italia fanno calare il traffico torrent

È giunto il momento di applicarli anche alle reti mobili.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-03-2014]

M IFPI pirati blocchi siti

Oggigiorno non c'è utente di Internet che non sia a conoscenza dei blocchi imposti a certi siti per volontà dell'industria cinematografica e discografica.

Si potrebbe pensare che, non mancando i mezzi per aggirare detti blocchi, la misura ormai abbia un'efficacia pressoché nulla.

Invece, stando all'ultimo rapporto pubblicato dalla IFPI (la Federazione Internazionale dell'Industria Fonografica), i blocchi funzionano.

«Nonostante il modo falso in cui i gruppi anti-copyright presentano il fenomeno, i tribunali hanno costantemente riscontrato che il blocco dei siti che forniscono contenuti illegali permette di ottenere un bilanciamento appropriato dei diritti fondamentali» scrive la Federazione nell'ultimo Digital Music Report.

Basandosi sui dati forniti da comScore e Nielsen, l'IFPI afferma che il traffico BitTorrent tra gennaio 2012 e luglio 2013 è calato dell'11% negli Stati in cui i siti pirata sono bloccati, mentre è cresciuto del 15% altrove. Per questo conclude: «Le misure di blocco dei siti web implementati dagli ISP sono state efficaci».

Sondaggio
Secondo te qual l'innovazione pi interessante tra quelle viste al Computer Electronic Show di Las Vegas di gennaio 2014?
La termografia con Flir One - 18.5%
La chiave elettronica Goji - 19.0%
La playlist basata sull'umore Habu - 5.2%
L'iGrill per dei barbecue perfetti - 5.7%
Lo spazzolino da denti Kolibree - 6.6%
Gli Sms agli elettrodomestici LG - 14.7%
Il bracciale Netamo che avvisa se hai preso troppo sole - 9.5%
La fotocamera-palla Panono - 9.0%
L'ultimo smartwatch Pebble - 4.7%
La Socialmatic di Polaroid - 7.1%
  Voti totali: 211
 
Leggi i commenti (2)

I maggiori risultati si sono ottenuti in quegli Stati dove i blocchi colpiscono più siti, vale a dire Italia e Regno Unito: se in quest'ultimo Paese il calo è stato del 20%, da noi si registra comunque un risultato superiore alla media, ossia un calo del 13%.

Forte di questi dati, l'IFPI pensa al futuro: «L'industria crede che il blocco dei siti sia uno strumento efficace per contrastare la pirateria e che debba essere disponibile in un maggior numero di Paesi in tutto il mondo. Deve anche essere esteso al fine di coprire anche le reti mobili».

È interessante notare come il rapporto della Federazione dei discografici arrivi a poca distanza da uno studio olandese il quale dimostra che, invece, i blocchi non servono a niente. E anche l'UE ha ribadito che eventuali blocchi vanno applicati ai singoli file, non agli interi siti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
UE: vanno oscurati i film pirata, non interi siti
Torrent, siti pirata sequestrati tornano online
In 200mila usano Netflix illegalmente... pagando l'abbonamento
Studio: la censura non fa diminuire la pirateria

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

@kerio69 Personalmente ho provato VPNTunnel a pagamento. l'unico che ho usato finora quindi non posso fare confronti; non perfetto ma non mi ha dato grossi problemi. La configurazione base, che redirige tutto il traffico verso Internet, semplice da fare e ci sono varie guide online, disponibili anche sul loro sito una volta... Leggi tutto
11-4-2014 17:29

come funziona il programma VPN per la navigazione anonima?Posseggo una Vodafone station 2,a cui collego i pc da tavolo e altri 2 portatili con inserita una password,accettasi consigli sulle questioni,grazie.
11-4-2014 16:21

Un metodo per ovviare al blocco quello di usare una vpn: in questo modo il punto di accesso ad Internet non si trova pi in Italia ma in un altro stato. forse per questo che il traffico generato dal p2p dall'Italia risulta minore? :lol: Ciao
29-3-2014 12:06

Allora io sono antiquato, sono rimasto ai torrent e questo "direct download dagli hosting vari" non so neanche cos'. :cry: Leggi tutto
29-3-2014 00:05

{Guido}
Io ho sempre usato,almeno per film e telefilm, la possibilita' di scaricare per poter valutare il prodotto che se poi meritava compravo in originale dato che i trailer ufficiali sono ingannevoli sull'effettiva qualità. Ora troppi sono scomparsi, non li posso quindi valutare e non li comprero'.
28-3-2014 14:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual il prodotto che pi ti attira tra questi?
Un lettore di ebook
Uno smartphone di ultima generazione
Un tablet o pad
Un navigatore satellitare
Un lettore Mp3 e/o video (portatile o da salotto)

Mostra i risultati (4559 voti)
Aprile 2021
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 17 aprile


web metrics