Riscaldamento globale, le formiche ci salveranno

Intrappolando l'anidride carbonica contribuiscono a raffreddare il pianeta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-08-2014]

formica anidride carbonica calcare

Sono le formiche le migliori alleate di chi vuole abbattere la presenza di anidride carbonica nell'atmosfera.

A fare questa sorprendente affermazione è Ronald Dorn, geologo della Arizona State University di Tempe, negli USA.

«Le formiche stanno cambiando l'ambiente» racconta Dorn, il quale in uno studio spiega anche come.

Conducendo una ricerca di diversi anni sulla degradazione meteorica delle rocce, Dorn ha scoperto che alcune specie di formiche sono in grado di "degradare" i minerali per produrre carbonato di calcio, altrimenti noto come calcare.

Dorn non sa esattamente quale sia il procedimento adottato dalle formiche per ottenere questo risultato, ma crede che questi insetti vadano alla ricerca di calcio e magnesio per produrre il calcare da utilizzare poi nei loro nidi.

Sondaggio
Secondo te quale di questi è il progetto (realizzabile) che cambierà di più le nostre vite?
L'accesso a Internet in tutto il mondo, tramite dirigibili o mongolfiere
Gli smartwatch
Le lenti a contatto con sensori e microcamera
L'hoverboard
L'auto che si guida da sola, senza pilota
Calico, contro l'invecchiamento o addirittura la morte
L'ascensore spaziale
I Google Glass
L'accesso a Internet in fibra ottica
Ara, lo smartphone modulare

Mostra i risultati (1922 voti)
Leggi i commenti (15)

Il bello di tutto ciò è che il processo, secondo lo scienziato, intrappola il biossido di carbonio presente nell'atmosfera all'interno del calcare, in una sorta di riproduzione su scala ridotta del processo che si svolge negli oceani, viene chiamato sequestro del carbonio e contribuisce al raffreddamento del pianeta.

Gli esperimenti condotti da Dorn hanno mostrato che le formiche degradano i minerali da 50 a 300 volte più velocemente di quanto accada se i minerali stessi vengono lasciati "indisturbati".

Secondo lo scienziato, che però a questo punto deve affidarsi alle ipotesi, considerando il numero di formiche presenti nel mondo queste devono aver tolto dall'atmosfera un quantitativo di anidride carbonica non indifferente sin dalla loro apparizione: dopotutto, si stima che la biomassa totale delle formiche sulla Terra sia uguale a quella degli umani.

Dato che lo scopo originario dello studio di Dorn era osservare la degradazione del basalto, i dati sul ruolo delle formiche nel catturare il biossido di carbonio sono incompleti e ulteriori studi saranno necessari per chiarire il ruolo di questi insetti; ma forse la NASA ha trovato una risposta alla sua domanda circa il destino di quella metà dell'anidride carbonica che non viene assorbita dagli oceani o dalle piante.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Barrette proteiche ricavate dagli insetti
Anidride carbonica, emissioni in stallo nel 2014
Gli specchi hi-tech che sostituiranno l'aria condizionata
Effetto serra oltre ogni record, l'ONU lancia l'allarme
A New York una torre di mattoni ricavati dai funghi
Il satellite NASA che sorveglia l'anidride carbonica
La nave che va ad acqua di mare
Energia dalle emissioni vulcaniche
L'impianto che trasforma l'anidride carbonica in mattoni

Commenti all'articolo (1)

Ma le formiche ci sono già da sempre! Quindi, il loro lavoro sulla CO2 era adeguato alle condizioni "normali" della Terra. Se noi le abbiamo cambiate moltiplicando la quantità di CO2, per bilanciare, dovremmo moltiplicare altrettanto le formiche. Volete vivere con un formicaio in casa? :shock:
18-8-2014 23:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni più importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando così eventuali falle di sicurezza già scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Café, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (1711 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics