I droni biodegradabili della Nasa

Realizzati coi funghi, in caso di schianto semplicemente si decompongono.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-11-2014]

drone biodegradabile

I droni, sempre più popolari, hanno una quantità di impieghi quasi sterminata; il problema è che non sempre, dopo essere partiti per una missione, tornano alla base: a volte vanno persi.

Ciò significa che da qualche parte, magari in qualche zona importante dal punto di vista ambientale, c'è un drone inviato per un sopralluogo che s'è guastato e ora è lì a inquinare.

La soluzione per fortuna c'è, anche se è ancora in sviluppo: costruire doni biodegradabili grazie alla tecnica messa a punto da Ecovative Design e già adoperata per costruire una lampada e dei mattoni completamente ecologici.

Il segreto sta nell'utilizzo del micelio come "materiale da costruzione": tramite appositi stampi gli si può far assumere la forma desiderata, e con il calore se ne blocca la crescita quando il risultato è stato raggiunto.

La Nasa ha quindi affidato alla propria esperta Lynn Rothschild il compito di realizzare con questa tecnica la struttura portante di un drone, rendendola poi più resistente grazie a una copertura in bioplastica. L'utilizzo di alcune proteine derivate dalla saliva delle vespe - e utilizzate dagli insetti per rendere impermeabili i nidi - completa l'opera.

Sondaggio
Quale di queste tecnologie obsolete utilizzi di più?
Autoradio con mangianastri
Carta carbone
Ciclostile
Fax
Floppy disk
Lavagna luminosa a lucidi
Lettore di compact disc
Macchina fotografica a pellicola
Macchina per scrivere
Proiettore di diapositive
Registratore a cassette
Segreteria telefonica a nastro
Stampante ad aghi
Telefono a rotella
Videoregistratore VHS
Videotel
Walkie talkie
Walkman

Mostra i risultati (3886 voti)
Leggi i commenti (22)

Per ora, rotori, motore e batterie devono essere utilizzati con il sistema tradizionale e non biodegradabile: «Ci sono delle parti che proprio non si possono rimpiazzare con elementi biologici» ha affermato Raman Nelakanti, membro del gruppo di lavoro sul drone ecologico; il team della Rothschild è però intanto all'opera per realizzare sensori biologici, ossia basati sull'utilizzo di batteri.

Tra le questioni da risolvere c'è quella della durata e della robustezza dei droni biodegradabili: «Non vogliamo che dal cielo piovano droni biodegradabili né vogliamo inquinare il mare o la terra con droni schiantati, nemmeno se alla fine si biodegraderanno» conclude Ella Atkins, ingegnere aerospaziale dell'Università del Michigan ad Ann Arbor.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google rinuncia ai droni a energia solare
Ooho, la ''bottiglietta'' commestibile: addio plastica
A New York una torre di mattoni ricavati dai funghi
La batteria biodegradabile si scioglie in acqua in 3 settimane
La lampada-fungo che viene coltivata, non costruita
La batteria fatta col nero di seppia si può anche mangiare
Le sneaker biodegradabili fanno spuntare i fiori
Arrivano gli occhiali 3D biodegradabili
L'ombrello biodegradabile

Commenti all'articolo (3)

"Questo drone ha fallito la sua missione. Si degraderà in 3 giorni, 2 ore e 17 minuti, a condizioni climatiche standard." :lol:
27-11-2014 00:37

Concordo, ad oggi mi sembra proprio che le parti maggiormente inquinanti, soprattutto quelle che rilasciano gli inquinanti più pericolosi, non possano essere sostituite, anzi, a guardare la foto, l'unica parte biodegradabile è la scocca che viene normalmente fatta in materiale plastico che, pur non essendo biodegradabile, rilascia anche... Leggi tutto
26-11-2014 19:00

"Ciò significa che da qualche parte, magari in qualche zona importante dal punto di vista ambientale, c'è un drone inviato per un sopralluogo che s'è guastato e ora è lì a inquinare. " Le parti più inquinanti (batterie, metalli pesanti) non le puoi certo fare con i funghi
26-11-2014 14:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi comportamenti ritieni che sia da evitare in assoluto?
Essere fuori sincrono: quando voce, tono, ritmo, posizione e movimenti non comunicano la stessa cosa si genera confusione e si viene ritenuti poco affidabili o sinceri.
Gesticolare eccessivamente: fare ampi gesti con le mani oppure giocare per esempio con i capelli o il telefono comunica insicurezza.
Tenere un'espressione neutra: la mancanza di un feedback dato dall'espressione facciale fa pensare all'interlocutore che l'argomento non interessi.
Evitare il contatto visivo: non guardare l'altro negli occhi comunica una sensazione di debolezza e lascia pensare che si stia nascondendo qualcosa.
Sbagliare la stretta di mano: non deve essere né troppo debole né troppo forte, o genererà in entrambi i casi un'impressione errata (servilismo o aggressività).
Inviare segnali verbali e non verbali opposti: se l'espressione facciale è opposta a ciò che le parole dicono, l'interlocutore non si fiderà.
Non sorridere: il sorriso comunica sicurezza, apertura, calore ed energia, e spinge a sorridere di rimando. Ugualmente errato sorridere sempre.
Roteare gli occhi: è un segno di frustrazione, esasperazione e fastidio; comunica aggressività.
Usare il cellulare durante una conversazione: lascia pensare che l'argomento non interessi e sia certamente meno importante dell'oggetto tra le mani.
Incrociare le braccia: l'interlocutore penserà che siamo sulla difensiva. Inoltre, se le mani non sono in vista crederà che abbiamo qualcosa da nascondere.

Mostra i risultati (1498 voti)
Dicembre 2019
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Tutti gli Arretrati


web metrics