Da ''malvagio'' a ''neutrale''

Kim Dotcom rivela che era pronto a un accordo con Universal Music



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-12-2015]

kim dotcom 05

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Kim Dotcom rivela: era pronto un Megaaccordo con Universal Music

Chiarito anche il punto della Mega Song, resta un ultimo punto oscuro, e anche piuttosto importante: l'ostilità di RIAA, MPAA e dello United States Trade Representative verso Megaupload, finito sulle loro "liste nere".

Anche qui, però, Universal ha la soluzione: la conclusione di un accordo permetterebbe - spiegano i dirigenti - di ungere qualche ruota e far migliorare la posizione di Megaupload e Kim Dotcom, spostandolo dalla lista dei cattivi.

«Dopotutto» - sottolinea Dotcom - «non abbiamo un programma di ricompense, siamo tra i ragazzi più puliti del giro. Voialtri, UMG, RIAA, avete tutti accesso diretto ai nostri server. Rimuoviamo i contenuti al volo, facciamo del nostro meglio per essere tra i migliori attori in questo settore, ma siamo sotto pressione a causa delle nostre dimensioni».

Non c'è da preoccuparsi, risponde Universal. Dopo l'accordo, Megaupload potrà passare «sulla lista degli amici» e già dopo quella conversazione potrà essere spostato dalla «lista dei malvagi» a quella dei semplici «cattivi»: sempre brutti soggetti, ma non proprio il peggio in assoluto.

A questo punto Dotcom, che non si lascia mai scappare una possibilità di negoziare, ribatte che preferirebbe passare «da malvagio a neutrale» piuttosto che a «cattivo»; Universal accetta, e le parti sembrano aver trovato finalmente un modus viventi che aprirà le porte a un futuro radioso.

Sondaggio
Qual è il componente del PC che aggiornerai per primo?
Scheda Wi-Fi
Mouse
Tastiera
Scheda audio
Hard disk
RAM
Schermo
Scheda video
Processore
Tutto il PC

Mostra i risultati (2911 voti)
Leggi i commenti (10)

Sfortunatamente per loro, tale futuro non si concretizzerà mai: due giorni dopo l'FBI sequestra i server e per Kim Dotcom inizia una lunga battaglia legale.

«Volevano farmi passare "da malvagio a neutrale" se mi fossi accordato con loro» ha commentato Dotcom mettendo online la registrazione. «La chiamata è avvenuta due giorni prima del raid. Era entusiasti di Megabox e soprattutto del mio innovativo Megakey. Mostra chiaramente che stavo cercando di aiutare gli artisti a ottenere maggiori ricavi da Internet» conclude il fondatore di Megaupload, rammaricandosi del fatto che tanti progetti sono sfumati in apparenza per sempre.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)


Anche peggio che male direi... :incupito: Leggi tutto
4-9-2015 19:14

Cos'è, qualcuno ti aveva detto che Kim era appassionato di beneficienza? Personalmente dopo quanto letto lo stimo ancora di più... Leggi tutto
3-9-2015 21:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2452 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 21 gennaio


web metrics