La gabbia toracica in titanio stampata 3D

È stata impiantata a un uomo le cui costole erano state asportate per colpa di un cancro.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-09-2015]

costole titanio 01

Un uomo spagnolo di 54 anni, sopravvissuto a una grave forma di cancro alle ossa che, per essere rimosso, ha costretto i medici ad asportare anche buona parte della gabbia toracica, è il primo paziente ad aver ricevuto una protesi in titanio realizzata con una stampante 3D.

L'operazione è stata ideata e realizzata dai chirurghi dell'Ospedale Universitario di Salamanca i quali, dopo aver valutato le condizioni dell'uomo alla fine del trattamento per combattere il cancro, hanno stabilito che la via migliore per procedere fosse la sostituzione di una gran parte della gabbia toracica con una protesi in titanio.

Hanno così fatto una scansione 3D del petto dell'uomo, stabilendo quali parti andassero sostituite, e si sono poi rivolti a un'azienda di Melbourne (Australia), la Anatomics, per la realizzazione della protesi che comprende lo sterno e alcune costole. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual Ŕ il maggior problema tra questi?
La gente comune non capisce molto di scienza.
La stampa e i media non mettono in risalto le scoperte veramente importanti.
La stampa e i media semplificano troppo le scoperte scientifiche.
La gente comune si aspetta soluzioni semplici e veloci.

Mostra i risultati (1888 voti)
Leggi i commenti (5)
Per la stampa è stata utilizzata una stampante 3D a fascio di elettroni costruita da Arcam: questo strumento, dal costo di 1,3 milioni di dollari australiani (circa 815.000 euro), era l'unico sufficientemente preciso per la creazione di un oggetto così importante e delicato. Il risultato è stato poi spedito in Spagna ai chirurghi.

L'operazione di impianto della protesi è stata un successo e dopo 12 giorni di ricovero il paziente ha potuto tornare a casa.

costole titanio 02

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il piede artificiale che si controlla col pensiero
Il pene robot che ripristina il piacere
Gli organi per i trapianti? Si stampano in 3D
La prima bicicletta in titanio stampata 3D
La mano bionica con il senso del tatto
La stampante 3D che stampa il metallo
Una cornea artificiale per ridare la vista
Biostampante 3D per la cartilagine del ginocchio
La prima mandibola prodotta da una stampante 3D

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual Ŕ il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google Ŕ veramente brutta! Pi¨ che un auto Ŕ un'ovovia.
Ci toglierÓ il piacere di guidare e la nostra vita sarÓ un po' pi¨ triste.
AvrÓ un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarÓ maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi pi¨ lunghi o pi¨ lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non Ŕ chiaro di chi sarÓ la responsabilitÓ civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
SarÓ esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocitÓ o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno pi¨: giÓ immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (2019 voti)
Settembre 2021
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 settembre


web metrics