Pc portatile in carica esplode e prende fuoco. Le telecamere di sicurezza riprendono tutto



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-03-2018]

laptop prende fuoco

Ci sono tecnologie che danno forma al nostro modo di vivere tanto da essere indispensabili e che tuttavia possiedono un lato pericoloso troppo spesso ignorato.

Prendiamo le batterie agli ioni di litio: alimentano una serie infinita di apparecchi, dai computer portatili alle sigarette elettroniche, eppure dovremmo sapere che sono oggetti per certi versi delicati. In determinate condizioni possono surriscaldarsi, prendere fuoco e persino esplodere. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Qual è tra questi il motivo più importante per connetterti e utilizzare una rete Wi-Fi pubblica?
Per poter usare Google Maps o altri servizi di Gps.
Nel caso in cui qualcuno debba mettersi in contatto urgentemente con me.
Per non consumare il mio piano dati.
Per poter utilizzare un social network come Facebook, Instagram, Snapchat o altri.
Per rimanere in contatto con i miei contatti di lavoro (il capo, i clienti, i colleghi ecc.).
Per utilizzare i servizi di streaming come Netflix, Google Music e simili.
Per consultare il mio conto corrente online / carte di credito / informazioni finanziarie.
Per rimanere in contatto con i miei figli / parenti.
Per usare o aggiornare le mie app di dating online.

Mostra i risultati (810 voti)
Leggi i commenti (2)
Quando ciò avviene per colpa di difetti di produzione, le aziende generalmente emanano un richiamo. Famosissima è ormai la vicenda del Galaxy Note 7 di Samsung, richiamato in tutta fretta dal produttore non appena questi s'è reso conto che c'era un serio rischio di esplosione.

Eppure, anche in un caso così conclamato di pericolo, non tutti gli utenti hanno obbedito all'invito a restituire il dispositivo difettoso: non pochi, forse convinti che a loro mai sarebbe successo nulla di male, hanno fatto orecchie da mercante, e Samsung ha deciso di proteggerli (e proteggere sé stessa da eventuali cause) "uccidendo" i Note 7 da remoto.

Se non l'avesse fatto, le conseguenze sarebbero potute essere le stesse subite dal portatile di Steve Paffett, proprietario di una fabbrica britannica di materie plastiche, il quale una sera ha lasciato il proprio laptop in ufficio, collegato alla rete elettrica.

Quando ormai Paffett stava dormendo, l'allarme dell'azienda ha iniziato a suonare e l'ha svegliato. Una rapida verifica delle telecamere ha mostrato che all'esterno non c'era nulla di anomalo, ma nel suo ufficio s'era sviluppato un piccolo falò, localizzato sulla scrivania, e che il fuoco si stava rapidamente espandendo.

L'intervento dei pompieri, chiamati immediatamente, ha permesso di evitare danni gravi all'edificio, ma «il piano terra è in rovina» - ha poi raccontato Paffett - «e tutto il materiale in magazzino è inutilizzabile. Fortunatamente non ha preso fuoco, ma è coperto di cenere; l'intero edificio è sudicio e puzza».

La colpa di tutto, nella ricostruzione del proprietario dell'azienda, sarebbe proprio del notebook Hp lasciato sotto carica tutta la notte, cosa che ora Paffett si guarderà bene dal fare.

«Non lasciate mai un computer portatile o un telefono in carica per tutta la notte, perché il risultato è questo» ha dichiarato in un'intervista. «Se è acceso e lo si lascia collegato va tutto bene, ma quando lo si spegne bisogna ricordarsi di staccarlo; e basta una piccola distrazione per dimenticarsene».

«Credo che nessuno abbia davvero coscienza di quante "bombe" potenziali abbiamo dentro casa e in ufficio. Quello stesso giorno, in precedenza, ero seduto a quella scrivania e giuro che se fossi stato lì [l'esplosione] mi avrebbe colpito in faccia, o ucciso» ha concluso, scosso.

Qui sotto, il video registrato dalle telecamere di sicurezza e che mostra il portatile esplodere e prendere fuoco.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Morde la batteria dell'iPhone e gli esplode in faccia
Prende l'iPhone per rispondere e gli esplode in mano
Cuffie esplodono in volo, passeggera ferita
Samsung: ecco perché i Galaxy Note 7 esplodono
Samsung, un aggiornamento ucciderà gli ultimi Galaxy Note 7
L'iPhone esplode, donna ferita a un occhio
Il telefonino esplode e uccide il proprietario

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Ma non c'è differenza fra lasciarlo acceso e in carica o spento e in carica? Leggi tutto
31-3-2018 18:22

Probabile che ci sia una serie di concause che hanno portato all'incidente e non solo una. Non solo le batterie hanno circuiti di protezione sia sulla carica che sul surriscaldamento ma anche i laptop moderni fermano la ricarica quando la batteria è completamente carica e la riavvino solo quando è scesa sotto un livello predefinito,... Leggi tutto
31-3-2018 15:23

Ovviamente sì. Le funzioni che hai elencato sono eseguite da tutti i BMS di tutte le batterie. I BMS buoni fanno molto di più; per esempio penso che tutti abbiano notato che ad esempio il cellulare si carica velocemente fino all'80% poi rallenta. Resta il fatto che la batteria si invecchia più velocemente quando è al 100% e quindi... Leggi tutto
29-3-2018 00:08

E come fa ad affermare ciò con tanta sicurezza? È forse un progettista di dispositivi mobili? :O Leggi tutto
28-3-2018 13:50

e che dire di milioni e milioni di smartphone lasciati in carica la notte?
28-3-2018 09:26

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole a tassare l'uso del denaro contante per diffondere l'uso della moneta elettronica?
Totalmente favorevole.
Favorevole, ma timoroso della sicurezza delle transazioni.
Favorevole, ma bisogna tutelare chi non vuole o non sa usare la moneta elettronica.
Totalmente contrario.
Basterebbe abolire i costi bancari sulle transazioni elettroniche.

Mostra i risultati (5187 voti)
Aprile 2018
La versione snella di Windows 10, senza sfondi né app superflue
Giornalista accusa: lavorare da Amazon è come essere in prigione
Scoperto per caso l'enzima che divora la plastica in un lampo
Gmail, arrivano le email che si autodistruggono
Windows 10, un bug blocca il rilascio dello Spring Creators Update
Zuckerberg al Congresso: sì, raccogliamo dati anche su chi non è iscritto a Facebook
Zuckerberg ammette: ''Leggiamo tutti i messaggi privati postati su Facebook''
Cloudflare, il Dns è più veloce di quello di Google. E rispetta la privacy
Takeout: come scaricare una copia di quello che Google sa di noi
Marzo 2018
Falla Meltdown mina la sicurezza di Windows 7: il rimedio è peggiore del male
Windows Defender fa piazza pulita della concorrenza
Apple prepara l'iPhone pieghevole per il 2020
Windows 10, in arrivo lo Spring Creators Update
Dopo lo scandalo tutti vogliono cancellarsi da Facebook. Vi spieghiamo come si fa
La scatola nera usata dall'Fbi per sbloccare gli iPhone è in vendita online
Tutti gli Arretrati


web metrics