La prossima sorpresa di Apple? Gli occhiali a realtà aumentata



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-08-2018]

apple smart glass realta aumentata akonia

Lo stile di Apple punta alla massima discrezione durante lo sviluppo di un prodotto, specie se per l'azienda si tratta di una novità assoluta: la pubblicità inizia soltanto quando il rilascio è prossimo.

Ci sono tuttavia degli avvenimenti che non possono passare inosservati e che rappresentano spesso una buona indicazione su ciò a cui la società della mela morsicata sta lavorando.

Per esempio, di recente Apple ha acquisito la startup Akonia Holographics e, alla richiesta di un commento in merito, ha risposto nella sua maniera tipica: «Apple di tanto in tanto compra aziende più piccole, ma generalmente non discutiamo i nostri scopi o i nostri piani».

Ciò che però rende interessante questa acquisizione è il campo di attività di Akonia: la giovane realtà, fondata nel 2012 da un gruppo di scienziati esperti in olografia, s'è infatti specializzata nella produzione di lenti per gli occhiali a realtà aumentata.

Inizialmente Akonia Holographics, fedele al proprio nome, si concentrava sulla memorizzazione di dati su supporti olografici, ma poi ha iniziato a interessarsi della creazione di display per la realtà aumentata, in cui le informazioni si sovrappongono al mondo reale.

Nei suoi otto anni di attività, Akonia ha accumulato oltre 200 brevetti e ha creato una tecnologia che - stando a quanto dichiara l'azienda stessa - consente la creazione di «lenti per smart glass sottili e trasparenti, che mostrano immagini colorate e vivaci e con un ampio campo visivo».

A questo punto la domanda sorge spontanea: che se ne fa Apple di un'azienda che produce lenti per occhiali a realtà aumentata?

Sondaggio
Secondo te il Codice della Strada dovrebbe proibire di indossare i Google Glass mentre si guida?
Sì, perché rappresentano una distrazione peggiore degli SMS, e quindi un pericolo.
No, perché come tutte le cose possono essere utilizzati bene o male. Altrimenti dovremmo vietare anche i navigatori GPS.
Ho un'altra opinione (la illustro nei commenti qui sotto)

Mostra i risultati (1042 voti)
Leggi i commenti (28)

Se si considera che l'anno scorso le indiscrezioni raccolte da Bloomberg indicavano come lo sviluppo di questo tipo di dispositivi presso Apple fosse già in corso, con una previsione di lanci nel 2020, la faccenda si fa un po' più chiara.

A ciò possiamo aggiungere i commenti fatti da Tim Cook, CEO di Apple, sulle applicazioni a realtà aumentata lanciate nel 2017 per iPhone e iPad: Cook aveva definito questa tecnologia come uno sviluppo «notevole e significativo».

Allora magari già l'anno prossimo, probabilmente verso la fine, inizieremo a sentire voci sempre più insistenti che parlano degli smart glass di Apple, con lenti perfettamente trasparenti e con una visualizzazione dei dati senza precedenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

{dodo}
Forse è la volta buona che la realtà aumentata si afferma. Gli utenti Apple sono abituati e sono persino contenti di vedersi sfilare dal portafogli lo stipendio per comperare gli iCosi. Gli occhiali non faranno eccezione, si spanderanno a macchia d'olio e sulla loro scia anche il resto della mandria umana si... Leggi tutto
5-9-2018 18:00

Così fra poco avremo anche gli iGlass, del resto era abbastanza strano che Apple ne restasse fuori, anzi del tutto improbabile.
2-9-2018 11:04

2012+8 = 2020 :? . Leggi tutto
31-8-2018 17:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (2136 voti)
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Windows 7 e Windows 8: Microsoft annuncia la fine del supporto
Telefonia, inizia l'era degli aumenti infiniti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 30 gennaio


web metrics