Stallman contro i Bitcoin: Non proteggono la privacy degli utenti

E lancia Taler, l'alternativa ''made in Gnu''.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-11-2018]

Richard Stallman Bitcoin Taler

Dato che si chiamano criptovalute, sembrerebbe di poter dire che la segretezza e la protezione di chi le usa siano intessute direttamente nel loro essere. Invece, Bitcoin e simili non sono davvero attenti alla privacy dei loro utenti.

Questa è, in sintesi, l'opinione di Richard Stallman - informatico e attivista, paladino del software libero nonché fondatore del progetto GNU - intervistato per un'opinione sui Bitcoin da Coindesk.

Il momento non è particolarmente favorevole per la criptovaluta ideata da Satoshi Nakamoto: al momento in cui scriviamo il suo valore ha raggiunto uno dei punti più bassi dal 2013 e si aggira intorno ai 3.400 euro.

Stallman non ama Bitcoin, ma non per le abbondanti fluttuazioni del suo valore: ritiene invece che il vero problema connaturato a questa moneta digitale stia nel fatto che la privacy degli utenti non è garantita.

«Quello che vorrei davvero» - racconta Stallman - «è un modo per fare acquisti da diversi tipi di negozio restando anonimo, e sfortunatamente ciò non è possibile con Bitcoin».

Utilizzare uno dei servizi di scambio di Bitcoin per il pagamento - spiega il padre del software libero - alla fine permette all'azienda che gestisce il sistema e, in ultima analisi, ai governi, di identificare l'autore dell'acquisto. Ecco perché «Io non l'ho mai usato» aggiunge Stallman.

Lo scarso interesse nei confronti dei Bitcoin come sistema di pagamento si estende anche all'attività di mining, che Richard Stallman afferma di non aver mai praticato proprio perché i problemi relativi alla privacy, dal suo punto di vista, minano completamente il senso della criptovaluta: «Preferisco fare altro» chiosa.

Queste valutazioni non nascono da semplici sensazioni. Per poter prendere una decisione informata, Stallman ha incaricato un esperto di indagare le questioni che più gli stanno a cuore in materia di criptovalute, per poi concludere: «Se i Bitcoin garantissero la privacy, probabilmente avrei ormai trovato un modo per adoperarli».

Non è tuttavia il concetto di in sé di criptovaluta che Stallman rifiuta. Il progetto GNU ha infatti avviato una propria iniziativa in proposito: Taler.

Taler è non una criptovaluta ma un sistema di pagamento ideato con l'obiettivo di resistere completamente a ogni tentativo di sorveglianza da parte delle agenzie governative ma anche delle aziende che gestiscono i pagamenti.

D'altra parte, Taler si propone come sistema "etico" in quanto per gestire le transazioni non si rifà a una rete peer-to-peer ma si appoggia un sistema centrale: l'alternativa - spiega Christian Grothoff, manutentore del progetto Taler - «darebbe vita a pericolose pratiche di riciclaggio di denaro».

Sondaggio
Pensi che i bitcoin possano funzionare come valuta?
Certamente! Ci ho anche investito.
Sì, purché vengano sottoposti a regolamentazione.
Forse in futuro.
No.
Non ho ancora capito che cosa sia un bitcoin esattamente.

Mostra i risultati (1956 voti)

La privacy degli utenti di Taler è protetta nel momento in cui costoro spendono il loro denaro digitale (non è possibile sapere quanto un dato utente possegga o spenda), ma ciò non è vero per chi vende: la ricezione dei pagamenti è visibile. In questo modo il sistema può essere tassato, e le pratiche illegali sono più difficili.

Stallman spiega infatti che ciò che egli desidera non è «la privacy perfetta», in quanto «ciò significherebbe che sarebbe completamente impossibile indagare sui crimini».

Con una struttura del genere posta a difesa dell'anonimato degli acquirenti, l'idea stessa di criptovaluta perde senso: infatti non esistono TalerCoin, per esempio, ma il sistema è pensato per essere usato con le valute attuali. Al momento l'euro è infatti già supportato.

Si possono prelevare euro e depositarli in un portafogli digitale Taler, e poi adoperare questo per effettuare i propri acquisti online: è un po' - spiega Grothoff - come prelevare denaro da un Bancomat e metterlo nel portafogli che abbiamo in tasca.

Nonostante il supporto alla valuta europea sia già presente, Taler non è ancora stato lanciato ufficialmente: l'idea è di abilitare il sistema entro la fine dell'anno, ma prima bisogna riuscire a concludere le trattative con le banche per garantire il loro supporto, operazione che Grothoff definisce «non semplice né economica».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Preside generava criptovalute a scuola: licenziato per furto di elettricità
Surriscaldamento globale entro 15 anni, per colpa dei Bitcoin
Le parole di Internet: cryptojacking
Ceo di Twitter: ''Bitcoin soppianterà tutte le valute tradizionali entro 10 anni"
"Mandatemi le vostre criptovalute, ve le raddoppierò". Indovinate come va a finire
Il creatore dei Bitcoin citato in giudizio per 10 miliardi di dollari
Steve Wozniak truffato online: gli hanno rubato 7 Bitcoin
L'Unione Europea pronta a legiferare sulle criptovalute
''Le criptovalute potrebbero crollare in qualsiasi momento''
Scienziati russi arrestati perché generavano Bitcoin da un sito di armi nucleari

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Anch'io faccio così e, almeno per ora, non sento il bisogno di pagare restando anonimo. Potrebbero però esserci paesi dove l'anonimato del pagamento potrebbe essere necessario per tutelarsi nei confronti di regimi totalitari ove certi acquisti per noi innocui potrebbero non esserlo altrettanto. Non mi vengono in mente esempi ma in via... Leggi tutto
29-11-2018 19:21

Infatti io faccio cosi'. Ma taler e' progettato per pagare restando anonimo. Film porno? Viagra? Armi? Leggi tutto
29-11-2018 17:50

{utente anonimo}
Ci sono due cose (fra le altre) da considerare in fatto di valute: - la prima è che una valuta per essere considerata veramente tale deve essere discretamente stabile, e non è questo il caso; - la seconda è che i governi (e non solo...) vogliono sapere cosa fanno i cittadini e hanno la scusa pronta della lotta... Leggi tutto
29-11-2018 17:03

Premetto che non ho capito come funzionino queste criptovalute, vedo solo che il bitcoin è sceso a 3400 dai 20000 (con somma gioia di chi l'aveva preso a quel prezzo). Taler prevede un versamento in un portamonete virtuale ecc. Ma usare una normalissima carta di credito e lasciare i soldi in banca è tanto complicato? L.b.n.l. se bitcoin... Leggi tutto
28-11-2018 21:00

{utente anonimo}
Si ma se io acquisto qualcosa, i miei dati al venditore li devo lasciare, sennò come fa a emettere fattura?
28-11-2018 18:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa pensi della domotica?
Se ne parla da almeno dieci anni ma di applicazioni pratiche ne ho viste ben poche.
I prodotti disponibili sono troppo costosi, non hanno mercato.
E' il futuro ma qualcosa si vede già oggi.
Si possono ottenere dei discreti risultati senza svenarsi: basta la propensione al "fai da te" e un po' di hacking.
Prima che io finisca di rispondere a questo sondaggio... il frigorifero avrà fatto la spesa on line da solo e il forno avrà deciso la mia cena sulla base dei miei gusti e degli ingredienti che ho in casa, mentre sullo smartphone mi sarà apparsa l'immagine di un venditore di aspirapolveri che ha appena suonato al citofono. Ma ovviamente a pulire i pavimenti ci pensa il robottino.

Mostra i risultati (1359 voti)
Aprile 2019
Aspen, il browser per navigare in sicurezza secondo Avast
Ex studente distrugge i computer della scuola con un USB killer
Galaxy Fold, lo schermo pieghevole si rompe quasi subito
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Windows, gli aggiornamenti di aprile bloccano i PC con Avast e Sophos
Arrestato Assange, il commento di Paolo Attivissimo
Assange arrestato: ecco cosa rischia
Windows XP, anche l'ultima versione supportata getta la spugna
Nessuno usa la rimozione sicura USB: cambia la policy di Windows
La VPN per chi non sa che cosa sia una VPN
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Anche Nokia ha il suo smartphone col buco
Asus, utenti attaccati tramite aggiornamenti di sistema
Marzo 2019
L'estensione che ripristina i risultati censurati da Google
Tutti gli Arretrati


web metrics