Italia, carta d'identità obbligatoria per iscriversi ai social network

Il disegno di legge proposto da un senatore.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-12-2018]

carta

Lo scorso 1 dicembre il senatore italiano Nazario Pagano (Forza Italia) ha tweetato questa sua proposta: "Carta d'identità obbligatoria per iscriversi ai social: la mia proposta di legge in un servizio di Rai parlamento!".

Nel video che accompagna il tweet, Pagano spiega che "...la società, tipo Facebook o Twitter, richiede un documento di riconoscimento. Questo consente di far sì che se, per ipotesi, nasce da questa persona un profilo con un nome di fantasia o un nickname e attraverso quel profilo si commettono dei reati anche importanti, come per esempio il reato di diffamazione a mezzo stampa. lo stalking o addirittura i reati di pedofilia, da parte della Polizia Postale vi è la possibilità di arrivare a chi c'è dietro a quel profilo anonimo." Il video fornisce ulteriori dettagli sulla proposta, dicendo che si tratta di un disegno di legge.

Carta d'identità obbligatoria per iscriversi ai social: la mia proposta di legge in un servizio di Rai parlamento! #1Dicembre pic.twitter.com/z1BQMhkgA4
— Nazario Pagano (@NazarioPagano) December 1, 2018

Mi sono permesso di sottoporgli una piccola riflessione. La copio qui perché potrebbe essere utile per la prossima occasione in cui qualcuno se ne esce (per l'ennesima volta) con quest'idea insensata, inutile e impraticabile.

1. Buongiorno. Gli imbecilli e gli odiatori postano su Facebook mettendoci nome e cognome veri già adesso. L'identità non li ferma. Gli unici a rimetterci sarebbero quelli che han bisogno dell'anonimato per proteggersi (es. donne maltrattate, minori).
— Paolo Attivissimo (@disinformatico) December 1, 2018

2. Questa proposta non avrebbe nessun effetto sui troll e odiatori che stanno fuori dall'Italia.
— Paolo Attivissimo (@disinformatico) December 1, 2018

3. È facile procurarsi una scansione di una carta d'identità altrui. Gliene allego un esempio (censurato). Ci sono archivi online pieni. Gli odiatori e troll userebbero quelle facendo cadere la colpa su innocenti. pic.twitter.com/aJhB8t4UVX
— Paolo Attivissimo (@disinformatico) December 1, 2018

La scansione in questione, per chi non la vedesse nel tweet qui sopra, è questa, tratta da questa mia indagine di un anno fa:

noisigroup blurred

4. Prima di proporre qualunque cosa, in qualunque campo, sarebbe opportuno chiedersi "Come mai non ci ha ancora pensato nessuno?". E magari chiedere agli esperti.

Cordialmente.
— Paolo Attivissimo (@disinformatico) December 1, 2018

Aggiungo qui un'altra considerazione: l'idea del senatore Pagano obbligherebbe i social network a custodire copie delle carte d'identità di ogni iscritto. Questo creerebbe insomma un immenso database centralizzato di dati personali di decine di milioni di italiani, messo in mano a una società commerciale. Considerata la disinvoltura con la quale Facebook, per esempio, "custodisce" gli altri dati degli utenti, direi che il disastro sarebbe assicurato.

2018/12/02 12:40

Il senatore ha fornito un link al disegno di legge, ma c'è anche un link più diretto al PDF. Da questo documento risulta che il DDL è stato presentato anche a firma di Giammanco, Bernini, Malan, Damiani, Floris, Vitali, Aimi e Cangini. Il testo del DDL è il seguente:

DISEGNO DI LEGGE

Sondaggio
Sempre pi¨ siti richiedono dati personali in fase di registrazione. Tu come ti comporti?
Li concedo senza problemi.
Piuttosto rinuncio al servizio.
Inserisco dati falsi.
Li concedo solo se ho vera necessitÓ del servizio e comunque solo se il sito mi sembra serio.

Mostra i risultati (5421 voti)
Leggi i commenti (13)

Art. 1.

1. Al decreto legislativo 9 aprile 2003, n. 70, dopo l'articolo 16 è inserito il seguente:
«Art. 16-bis. (Obblighi di identificazione). - 1. I fornitori di servizi di memorizzazione permanente hanno l'obbligo di richiedere, all'atto di iscrizione del destinatario del servizio, un documento d'identità in corso di validità.
2. L'inosservanza dell'obbligo di cui al comma 1 comporta l'irrogazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a 10.000 euro.
3. Le sanzioni amministrative pecuniarie di cui al comma 2 sono applicate dall'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni con provvedimento motivato, previa contestazione degli addebiti agli interessati, da effettuare entro un mese dall'accertamento.
4. Le disposizioni del presente articolo si applicano a decorrere dal 1░ gennaio 2020».

Il senatore ha anche precisato che "la proposta di legge è stata realizzata con la consulenza di esperti in materia dell'Università Bocconi."

Nuovamente, la invito a studiare prima di parlare. Io l'ho fatto: la proposta di legge è stata realizzata con la consulenza di esperti in materia dell'Università Bocconi.
— Nazario Pagano (@NazarioPagano) December 2, 2018

Il professor Stefano Zanero, che è uno che di queste cose un tantino ci capisce, ha sollevato un paio di obiezioni tecniche davvero notevoli.

Mi scusi Senatore, visto che ci ha invitato a leggere la sua proposta, ho una domanda. La sua proposta emenda il DLgs 9 aprile 2003. Che esclude specificamente dall'applicazione i prestatori di servizi stabiliti fuori dalla UE. Mi aiuta a comprendere?
— Stefano Zanero (@raistolo) December 2, 2018

Infine, volevo capire: quindi tutti i quotidiani online che hanno uno spazio per i commenti dei lettori saranno tenuti a raccogliere le carte di identità degli stessi? Perché non vedo come si possa applicare la norma ai social e non ai blog o alle testate giornalistiche.
— Stefano Zanero (@raistolo) December 2, 2018

E, ripeto: non è nemmeno immaginabile un processo che scali a milioni di iscrizioni per la verifica della corrispondenza col documento. Per non parlare di come dovrebbe verificare, il social network, se l'iscritto è italiano o meno.
— Stefano Zanero (@raistolo) December 2, 2018

Colpisce questa risposta del senatore Pagano a Zanero: "Io penso che la sua arroganza sarà destinata a scontrarsi con quella che, in gergo, si chiama grande figura di ...".

Io penso che la sua arroganza sarà destinata a scontrarsi con quella che, in gergo, si chiama grande figura di ...
— Nazario Pagano (@NazarioPagano) December 2, 2018

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Approfondimenti
Carte d'identità liberamente scaricabili online

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

a me facebook l'ha giÓ chiesta la carta d'identitÓ: quando ho perso la password, Ŕ stato l'unico modo per riaverla!! :shock:
17-12-2018 12:41

A me sembra invece una proposta con uno scopo finale ben preciso anche se profondamente diverso da quello dichiarato. Si sfrutta lo scalpore che fanno i media sui social e sul comportamento di una parte di coloro che vi sono iscritti e che su di essi si esprimono per attivare una norma che permette di imbrigliare e controllare, invece... Leggi tutto
16-12-2018 11:12

Ho seguito la discussione su Twitter, ma Ŕ evidente che questo Senatore Ŕ il classico sordo che non vuole sentire.
15-12-2018 04:33

{saver}
....beh, si sarà detto, tanto sono gli italiani che pagano...
14-12-2018 14:50

{Levissima}
La proposta di questo senatore è, naturalmente, limitativa della privacy, ed è in linea con chi vorrebbe limitare la libertà di espressione. Il tizio in questione non poteva che essere di forza italia o del pd. Difatti è di forza italia. Ogni ulteriore commento è superfluo.
13-12-2018 08:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa utilizzi per inviare messaggi privati?
Uso varie applicazioni su qualsiasi dispositivo disponibile
Uso varie applicazioni sui miei dispositivi
Uso solo applicazioni affidabili su dispositivi di fiducia
Non invio messaggi privati online

Mostra i risultati (847 voti)
Dicembre 2019
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Tutti gli Arretrati


web metrics